menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Morandi, ai soccorritori a 4 zampe il premio Fedeltà del cane

Hanno segnalato persone ancora in vita sotto le macerie o individuato i corpi senza vita delle vittime. I cani che hanno operato nei giorni successivi al crollo saranno premiati il 16 agosto a Camogli

I soccorritori a quattro zampe intervenuti tra le macerie del ponte Morandi meritano un riconoscimento speciale a un anno dalla tragedia. Loro sono stati protagonisti nelle prime ore dopo il crollo per segnalare persone ancora in vita sotto le macerie o trovare cadaveri. Per questo riceveranno il premio `Fedelta´ del cané il 16 agosto a Camogli durante la 58/a edizione della rassegna. Questi cani sono stati definiti dagli organizzatori del premio `Angeli del soccorso´. Sono le unità cinofile dei vigili del fuoco, quelle intervenute per prime tra i lamenti dei feriti, il suono delle sirene e il rumore della pioggia battente.

Il 14 agosto 2018 e nei giorni successivi, tra gli specialisti del soccorso ci sono loro. I cani si infilano in anfratti e varchi lasciati dai lastroni di cemento e se fiutano, «coni di odore», questo il termine tecnico, di possibili dispersi, abbaiano, quindi le squadre iniziano a scavare. Tra i protagonisti ci sono i cani del Nucleo Cinofilo Regionale Liguria dei Vigili del Fuoco: Apple, border collie di 2 anni, Kaos, Kappa, Keynine, King, tutti border collie di 3 anni, Maggie border collie di 6 anni, Luna, golden retriever di 11 anni, Wendy, pastore belga malinois di 6 anni e Zoe, golden retriever di 3 anni e mezzo.

Tra i primi a intervenire ci fu proprio Zoe con la sua guida, Rocco Tufarelli che sta con Zoe da quando lei aveva 40 giorni. Per Zoe era la prima missione e la più pericolosa che potesse capitarle. Lei è stata brava, nelle ricerche si è anche ferita, ma medicata sul posto è tornata subito in mezzo alla devastazione.
«Le operazioni erano complicate - ricorda Tufarelli, che ha anche gestito la rotazione dei cinofili - perché tutto era instabile, pezzi di ponte potevano staccarsi e cadere sugli stessi soccorritori, ma a Zoe nulla l' ha fermata».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

Coronavirus

Coronavirus: altri 15 decessi, il più giovane aveva 61 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento