Ventiduenne arrestato per tentato omicidio, a suo carico altri tre episodi violenti

Tre in particolare sono gli episodi contestati al genovese: una rapina ai danni di un disabile, un'estorsione ai danni di un 17enne e ancora una rapina ai danni di due fratelli

La vicenda del 22enne genovese che l'altro ieri ha aggredito l'autista di un autobus Amt e che è stato per questo arrestato per il reato di tentato omicidio, ha avuto ieri sera un ulteriore epilogo con la notifica al giovane di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Il provvedimento è stato emesso ieri dal gip del tribunale di Genova su richiesta del pm, a conclusione dell'indagine condotta dagli uomini del commissariato Sestri Ponente.

L'attività degli investigatori è partita dalle denuncie presentate dalle vittime di alcuni episodi di rapina ed estorsione, avvenuti negli ultimi mesi. Tre in particolare sono gli episodi contestati al genovese.

Il primo è una rapina commessa il 19 luglio scorso ai danni di un giovane disabile, che è stato aggredito con pugni, schiaffi e calci sull'autobus della linea 1 per impossessarsi del telefono cellulare.

Il secondo è un'estorsione ai danni di un 17enne, costretto per circa un anno fino all'agosto scorso, sotto la minaccia di percosse e di morte, a consegnare in diverse occasioni somme di denaro, fino a un ammontare complessivo di circa 600 euro.

Il terzo infine è una rapina commessa il 16 agosto scorso ai danni di due fratelli, di cui uno minore che, dopo essere stati minacciati con un coltello e percossi, sono stati derubati in casa di un televisore e di una play station. A questo episodio sono seguite, nei giorni successivi, delle minacce di morte nei confronti del padre e dello zio dei due fratelli.

Gli elementi indiziari raccolti dagli investigatori sono apparsi al giudice decisamente gravi poiché assai dettagliati e convergenti nell'individuare nel 22enne, particolarmente violento e aggressivo, l'autore di tali azioni.

Le condotte violente e minatorie, finalizzate all'ottenimento di denaro o beni di valore, per la loro gravità e per la incontrollata ferocia con cui sono state portate a compimento in un brevissimo lasso di tempo, hanno attestato il concreto pericolo di reiterazione, da cui è scaturita l'applicazione della misura cautelare.

Ieri sera gli agenti del commissariato Sestri Ponente hanno notificato il provvedimento al giovane, già detenuto a Marassi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorbillo apre a Genova: «Pizza gratis per tutti»

  • Intossicazione da monossido, morte madre e figlia

  • Scopre la morte della madre e si uccide gettandosi dal Monoblocco

  • Ucciso il cinghiale "educato" che attraversava sulle strisce guidato dal vigile

  • Le orche non lasciano il porto: «Hanno perso peso». Si cerca il corpo del piccolo

  • Timori e speranze per le orche "genovesi", porto in continuo monitoraggio

Torna su
GenovaToday è in caricamento