menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ubriaca semina il panico al Pronto Soccorso: morsi e pugni a polizia e medici

Dopo essersi seduta su un letto di un degente, ha aggredito poliziotti e medici con insulti, pugni e morsi. La donna, 38 anni, palesemente ubriaca, ha letteralmente seminato il panico al Pronto Soccorso di Villa Scassi

Si è introdotta senza alcuna autorizzazione all’interno del Pronto Soccorso dell'ospedale di Villa Scassi, si è sdraiata sul letto di una degente e si è accesa una sigaretta. La donna, palesemente ubriaca ed in stato confusionale, ha cominciato a proferire frasi insensate opponendosi all’invito del personale medico di allontanarsi.

Il fatto è avvenuto nella notte nell'ospedale di Sampierdarena. Gli agenti intervenuti, con difficoltà, hanno convinto la donna, una 38enne genovese, a sottoporsi ad una visita medica, al termine della quale i dottori hanno diagnosticato un’intossicazione alcolica acuta per cui era necessario il ricovero. A questo punto la genovese, perdendo il controllo, ha tentato di colpire, graffiare e mordere gli agenti, procurando ad uno di essi ferite giudicate guaribili in tre giorni, senza risparmiare un infermiere che si trovava nei pressi, colpendolo con un pugno.

Quando, poco dopo, la donna si è calmata, i medici hanno proceduto al ricovero presso il nosocomio, mentre gli operatori hanno proceduto alla segnalazione per resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo, parla l'esperto: «Ecco come mai stavolta il fenomeno è così intenso»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento