Agenzia nazionale per la sicurezza stradale, la richiesta: «Agli Erzelli la sede operativa»

Camera di Commercio insieme con altre 25 associazioni hanno firmato il documento con cui si chiede al governo di istituire nel capoluogo ligure l'ente incaricato di vigilare sulle infrastrutture

Aprire a Genova la sede dell’Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie e delle infrastrutture stradali e autostradali: la richiesta arriva dala Camera di Commercio di Genova e da 25 associazioni di rappresentanza di imprese, lavoro e professioni genovesi, che hanno firmato il manifesto che chiede al governo di mettere in pratica quanto previsto dal Decreto Genova.

La legge varata dopo la tragedia del ponte Morandi prevede infatti l’apertura dell’agenzia con sede principale a Roma, presso il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, e poi con diversi sedi territoriali, una delle quali dedicata a strade e autostrade, con sede a Genova. L’idea della Camera di Commercio è che possa essere aperta agli Erzelli, luogo in cui dove si insedierà anche il nuovo Centro di Competenza “Start 4.0 per la sicurezza delle infrastrutture strategiche” del Cnr, creato per produrre innovazione nel campo della sicurezza del trasporto delle merci e delle persone.

La sede genovese, stabilisce sempre il decreto Genova, svolgerà attività di “ispezione, sovrintendenza, promozione, proposta, studio, ricerca e sperimentazione sulle infrastrutture stradali e autostradali”, e darà lavoro a 250 persone e a 15 posizioni di uffici di livello dirigenziale non generale. E secondo i firmatari della richiesta non ci sarebbe città più adatta di Genova, complice la posizione strategica per la logistica portuale e retroportuale, per gestire le attività governative legate alla sicurezza stradale e autostradale, con conseguenze positive anche sul tessuto economico e occupazionale.

«Il tema della sicurezza delle infrastrutture - ha dett il presidente della Camera di Commercio, Luigi Attanasio -  sia in termini di safetydelle persone che in termini di security delle infrastrutture, è tornato di drammatica attualità dopo la tragedia di Ponte Morandi. Il sistema di trasporto nazionale, e quello ligure in particolare, sono sempre più congestionati e lo saranno sempre più con l’incremento dei traffici negli anni a venire, che richiederà una sempre maggiore attenzione alle esigenze di protezione dei dati».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Polizia locale, concorso per 38 assunzioni a tempo indeterminato

  • Inaugurato il nuovo ponte di Genova, fra «orgoglio e commozione»

  • Avvinghiati a terra in un lago di sangue, divisi con lo spray al peperoncino

  • Tragedia a Pedemonte, 25enne morto in un incidente stradale

  • Waterfront, avanti con i lavori: l'acqua inizia a fluire nel canale navigabile

  • Ronaldo e Georgina di nuovo in Liguria: bagno a Portofino e cena a Paraggi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento