Morte di Adele, scarcerati amico e fidanzato

Il gip ha concesso gli arresti domiciliari ai due giovani, accusati di spaccio aggravato e morte come conseguenza di altro reato

Pastiglie di mdma

Questa mattina presso il tribunale di Genova si è tenuto l'incidente probatorio nell'ambito del processo, aperto dopo la morte di Adele, la ragazza di sedici anni di Chiavari, scomparsa prematuramente dopo aver assunto della droga.

A Palazzo di Giustizia si è presentata anche l'altra sedicenne che era presente la sera della tragedia ed è stata interrogata per circa un'ora. Il 17enne di Busalla, accusato di avere fornito la droga per la serata, si è avvalso della facoltà di non rispondere. I legali di Sergio Bernardin, 21 anni, e Gabriele Rigotti, 19 anni, hanno presentato nuovamente richiesta di arresti domiciliari per i loro assistiti e questa volta il giudice per le indagini preliminari, Nicoletta Bolelli, ha acconsentito alla scarcerazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In totale sono quattro gli indagati: Bernardin, Rigotti, il 17enne di Busalla e un suo concittadini ventenne. I primi due sono accusati di spaccio aggravato e morte in conseguenza di altro reato, gli altri solo di spaccio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, possibile "mini lockdown" in tutta Genova: «I contagi crescono ovunque»

  • Bassetti: «In ospedale al primo sintomo influenzale per la paura che è stata trasmessa»

  • Auto pirata travolge gruppo di giovani a Quezzi, 4 feriti gravi tra cui una ragazza incinta

  • Covid, tutta Genova diventa zona "ad alta attenzione": firmata la nuova ordinanza

  • Incidente a Quezzi, arrestato il pirata della strada

  • Pronto soccorso in affanno, troppi accessi per sintomi lievi: «Sbagliato, ecco quando dovete venire»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento