Lutto all'acquario, è morto il delfino Naù

Il quadro clinico dell'animale nell'ultimo periodo si presentava complesso con presenza di calcoli renali, alterazioni comportamentali e alimentari

L'acquario di Genova ha annunciato che uno dei delfini, Naù, è morto nella giornata di oggi, venerdì 11 settembre 2020. L'animale ospitato nelle vasche della struttura genovese dal 2012, nell'ultimo mese è stato sottoposto a cure veterinarie e monitorato costantemente h24 potenziando il personale addetto. Il quadro clinico dell'animale nell'ultimo periodo si presentava complesso con presenza di calcoli renali, alterazioni comportamentali e alimentari affrontate con terapie mirate e regimi alimentari specifici condivisi anche con il network di colleghi veterinari nazionali ed internazionali.

Nei prossimi giorni - fanno sapere dall'acquario - verrà effettuato l'esame post mortem dallo staff medico veterinario della struttura in collaborazione con gli enti ufficiali preposti, quali l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta e i patologi dell’Università di Padova, per determinare la causa del decesso.

«Resta il profondo dolore di tutto lo staff - si legge sui profili social dell'acquario -, della direzione e di tutti i dipendenti dell’azienda per la perdita di un animale che, come tutti quelli ospitati, grandi o piccoli che siano, viene curato e accudito quotidianamente con grande professionalità e dedizione e che fa parte di una vera famiglia».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ferrari distrutta per Marchetti mentre si allena a Pegli

  • Covid, firmato il nuovo dpcm: spostamenti, asporto e scuola, cosa prevede

  • La Liguria torna in zona gialla, ma si attende il nuovo (e più severo) dpcm: cosa si sa

  • Liguria in zona arancione con i nuovi parametri: cosa cambia

  • Il genovese "Fotografo dei Puffi" conquista i social: «Così faccio conoscere la Liguria con fantasia e ironia»

  • Liguria gialla o arancione da domenica, attesa per la nuova ordinanza

Torna su
GenovaToday è in caricamento