È uno di quei rari posti nei quali i fregi della storia cinquecentesca convivono con l’innovazione e la sperimentazione della proposta beverage; tra stucchi e panneggi questo locale sospeso nel tempo ospita una lista di cocktail signature e stagionali davvero di grande livello - menzione per lo Spritz Genovese, rivisitazione del classico drink con l’Asinello Corochinato, un vino bianco aromatizzato stile vermouth immancabile nell’aperitivo dei genovesi. Innestato nel centro storico signorile, Les Rouges ha nell’informalità e nella confidenzialità l’anima che lo rende contemporaneo in un contesto elegante e raffinato come quello di Palazzo Imperiale. Non solo cocktails, ma una proposta di cucina autentica che passa da snack realizzati con prodotti del territorio come le acciughe e il baccalà a piatti più strutturati come le lasagne al pesto o la Buridda, tipico guazzetto umido di calamari e pesci misti. Se passate da Genova è una tappa imprescindibile dall’aperitivo al dopo cena per regalarvi un momento magico.

Les Rouges Cucina e Cocktail
Apri su Maps 3404672308 @lospezialeamarieliquori

Il rilancio del centro storico genovese in termini di food and beverage passa da una delle tante creazioni nate dall’estro creativo di Davide Volterra, protagonista indiscusso della scena cocktail mixology genovese. Nel cuore pulsante della movida Lo Speziale è una realtà ormai consolidata divenendo un punto di riferimento del bere bene accogliendo un target che non conosce età. Ogni cocktail è miscelato con amari e liquori tipici del territorio genovese come l’amaro Camatti e l’amaro Santa Maria al Monte per far scoprire ad avventori locali e non le infinite potenzialità di questi tradizionali infusi spesso consumati lisci e dopo pasto. Il concept dello speziale si coniuga in un dialogo costante e sotto la stessa proprietà con la Negroneria Genovese, quattro passi più sotto in Via San Bernardo, dove si celebrano e si esaltano le ricette originali del cocktail per eccellenza attraverso combinazioni più o meno spinte di prodotti dalla qualità indiscutibile. La proposta alcolica, oltre ai classici drink, è ampliata da una parte food altrettanto originale che si muove intorno alla patata, rivisitata in ricette e creazioni gourmet.

Cocktail Bar Genova
Apri su Maps 3201884351 @la_cialtroneria

Due avamposti divenuti in rapido tempo un punto di riferimento per il capoluogo ligure, uno sul mare Sunset Drinks and Tapas in Corso Italia, uno nel cuore del centro storico, vero “quartier generale” di un nuovo modo di concepire l’aperitivo e di tutto quello che vi ruota intorno. La visione de La Cialtroneria vuole unire la freschezza e l’esotismo del mondo Tiki con piccoli piatti e tapas di grande carattere; si alternano pinse, taglieri di salumi e formaggi, piatti caldi di mare e di terra come l’insalata di polpo e la tartare di Fassona, seguono le frittelle e i fritti misti, concludono le portate dolci. Qui si fa un aperitivo che diventa esperienza gastronomica a tutto tondo dove la convivialità è l’obiettivo primario valorizzato da una proposta che da prima a dopo cena si mantiene sempre attenta e di livello. Se avete dei posti del cuore, questo è destinato ad aggiungersi alla vostra lista.

La cialtroneria
Apri su Maps 3518556126 @emanuelerevello

Apri su Maps 0100921318

La pasticceria Svizzera viene aperta nel 1910 da Vital Gaspero. La letteratura si fonde con la pasticceria in questo luogo: infatti quando Lord Byron venne in visita a Genova, soggiornò proprio in questo palazzo. Qui si possono trovare pasticcini tradizionali e rivisitati, torte farcite e lievitati da colazione, il tutto completamente autoprodotto. La pasticceria Svizzera, infatti, ha un laboratorio dove viene realizzato anche il cioccolato, futura base per torte sacher, cioccolatini ripieni ed eleganti monoporzioni.

Pasticceria Svizzera, Genova

Questa insegna si trova a Genova sin dal 1930. Nel cuore del centro storico cittadino, segue ancora le ricette di una volta, tramandate di padre in figlio e fondate sulla qualità del prodotto. Un perfetto esempio di come la tradizione possa andare di pari passo con l’innovazione. Per questo sta per nascere la nuova linea di produzione totalmente biologica. Entrando nello spaccio è possibile osservare le lavorazioni che avvengono nel laboratorio, con gli antichi macchinari che ben si integrano con quelli più moderni. Consigliata la frutta ricoperta di cioccolato.

Benvenuto Cioccolato

Un punto di riferimento dove andare quando si ha voglia di qualcosa di confortevole. La torta Panarello alle mandorle è un’istituzione da molto tempo ormai, tanto da riscuotere successo anche nelle sue versioni mignon con varianti al cacao e allo zabaione. Se i dolci al cucchiaio, la pasticceria secca e le bavaresi vi hanno conquistato, tranquilli, potete anche portarveli a casa (Genova e Milano) con il servizio di consegna a domicilio. Da non perdere i biscotti del Lagaccio, che prendono il nome dall’omonimo quartiere genovese, ideali per colazione e merenda.

Pandolce di Panarello
Apri su Maps 0100954403 @grondona_spa

Apri su Maps 0105536017 @douce.patisserie.cafe

Una nuova tendenza delle pasticcerie contemporanee è quella di fornire servizi aggiuntivi all’esperienza. Lo sa bene Douce, il locale genovese che affianca ai prodotti da forno la caffetteria, i pranzi e gli aperitivi a base di cocktail e vini. Il maître pâtissier e la sua brigata lavorano fianco a fianco con un gruppo composto da cuochi, barman e personale di sala seguendo la stagionalità delle materie prime. Troverete prodotti pensati per ogni momento della giornata: dalla colazione, alla cena.

Douce Patisserie Genova

Il regno dei dolci germanici si trova a Genova e a tirarne le redini ci pensa Jörg Schikore. Questo angolo del quartiere Albaro è il luogo ideale dove degustare una sacher o uno strudel degni di essere chiamati tali. Questi dolci sono frutto della pluriennale esperienza di un pasticcere che ha lavorato presso ristoranti stellati e realtà di alto livello. Il risultato è una minuziosa scelta di ingredienti provenienti direttamente dell’Alto Adige, acquistabili anche nella sezione dedicata in negozio. Il tocco di classe? Il connubio pasticceria e musica con gli eventi realizzati in collaborazione da La Konditorei e l’Adagio Six Quarter per eventi privati o a scopo benefico.

La Konditorei Genova

Altra novità dello scenario genovese, la pasticceria Rebecca prende i classici e li rivisita in chiave contemporanea. Anche qui non mancano le alternative vegane e salate, ideali per ogni regime alimentare e per ogni momento della giornata. La mente dietro a queste idee è quella del pastry chef Castelli che torna a Genova dopo diverse esperienze lavorative a Milano. Un rientro in patria celebrato con dolci già iconici come il Genova, a base di crema di cappuccino, bavarese al caffè, biscuit all’olio e focaccia genovese. La classica colazione locale, sublimata in un elegante dolce al cucchiaio.

Le monoporzioni di Rebecca Pasticceria a Genova

Carmelo Degori arriva direttamente dalla scuola di Iginio Massari. Una nuova realtà genovese che ha conquistato tutti in tempi record, abbattendo il muro degli stereotipi locali. La caffetteria offre soluzioni contemporanee con l’utilizzo di oggetti di design, come la macchina da caffè manuale Chemex, che riescono a tirare fuori il meglio dell’aromaticità delle materie prime. Baci di dama, plum-cake e lievitati accolgono gli avventori insieme al profumo di spezie e creme. È presenti una sezione gluten free e una vegana.

Pasticceria Strano
Apri su Maps 010565714

Storica pasticceria genovese fresca di centenario. Un bancone dove ammirare il frutto di anni di viaggi tra Argentina e Francia trascorsi ad accumulare esperienza e passione. Tagliafico è una realtà familiare, dove l’amore per il mestiere si può assaggiare in un sol boccone. Qui si sfornano classici della pasticceria francese come i croissant e i pain au chocolat, ma il punto di forza è la tradizione genovese, con il pandolce che viene esportato in tutto il mondo.

Pasticceria Tagliafico

Centralissima e adiacente a Piazza della Vittoria, questa focacceria favorisce alla perfezione la predisposizione della focaccia per essere consumata in ogni momento della giornata, dal pranzo allo spuntino, fino all’aperitivo pre-cena. L’offerta si estende oltre i prodotti da forno a proposte gastronomiche dolci e salate. Realtà considerata un underdog tra le grandi merita invece un’importante menzione: la focaccia classica è apprezzatissima per la sua fragranza, così come quella secca, è tra le migliori in circolazione e vale la pena scoprirla.

via malta

I primi documenti relativi alla cioccolateria Buffa risalgono al 1932, anno in cui sono stati acquistati i primi macchinari. Ancor più antichi sono, però, i brevetti che Luigi Buffa ha depositato in Francia e in Inghilterra riguardo la produzione di un particolare cioccolato gelatinoso. Una lunga storia, dunque, quella di questa importante realtà genovese che ancora oggi segue l’antico ricettario accrescendolo sempre rispettando la tradizione. Oggi sono Enrica Vicchi Musante e Francesco Liotta ad avere le redini dell’azienda. Le tecniche di lavorazione sono completamente manuali, ma i titolari sono stati in grado di innovarsi registrando due nuovi marchi presentati durante la manifestazione di Expo 2015 a Milano. Da provare il Primigenio, a base di massa di cacao pregiata e zucchero di canna lavorati a freddo.

Buffa Cioccolato
Apri su Maps 0102464894 @patisserie_918

Forse ad alcuni non dirà nulla il nome St. Hubertus, ma ai più appassionati di culinaria verrà subito in mente il tristellato portato alla ribalta da Norbert Niederkofler. È proprio qui che la giovane Giulia di Pâtisserie 918 ha lavorato come capopartita nella sezione pasticceria. Ad affiancarla Nicolò, non da meno in fatto di esperienza maturata nelle navi da crociera e nell’hôtellerie francese. Questa realtà genovese ha fatto molto parlare di sé negli ultimi tempi, grazie all’ineccepibile qualità e varietà dei prodotti offerti. Tra i cavalli di battaglia si trovano i classici della pasticceria francese, ma anche della tradizione italiana. Da non perdere i brunch e le pause pranzo.

Patisserie 918
Apri su Maps 0102514159 @profumo_genova

La Pasticceria Profumo nasce nel 1827 quando Domenico Villa la aprì in veste di negozio di droghe e coloniali. Oggi tutti la conoscono per i suoi dolci che spaziano dalla tradizione genovese con le olive di cioccolato e il pandolce, alla pasticceria internazionale. Non mancano le alternative salate con pan brioche farciti, tramezzini e salatini. Prodotto di punta: la confetteria. C’è anche la gelateria, fresca di rinnovo dei Tre Coni Gambero Rosso.

Pasticceria Profumo, Genova
Apri su Maps 0107981571 @caposantachiara

Perfettamente innestato nel pittoresco borgo di Boccadasse, meta di continuo pellegrinaggio turistico locale e non, Ristorante Capo Santa Chiara rimane uno dei più importanti ristoranti fine-dining del capoluogo ligure. Con la sua location da sogno che ospita una serie di tavoli perfettamente protetti dai flussi più massivi di persone, è senza dubbio una delle migliori destinazioni per trascorrere un pasto memorabile e celebrare momenti speciali bagnati dal sole. Sono due i menu degustazione, accompagnati da una carta per una proposta perfettamente calibrata tra terra e mare con la possibilità di godersi a filo d’acqua un’esperienza gastronomica per due persone su un intimo balconcino affacciato sul Golfo di Genova di una poesia senza tempo.

Ristorante Capo Santa Chiara-2
Apri su Maps 018574046

Luisa Moltedo, sorella del già citato Tidda, conduce anche lei un panificio, proseguendo il mestiere di famiglia altresì in Via XX settembre. Nella sua bottega ad angolo sforna ogni giorno focaccia ‘con’ (così si indica, semplicemente, la bianca con cipolla), la normale (con solo olio, detta anche ‘senza’), oppure quella tipica di Recco, farcita con formaggio fresco. Ci si trova però anche una varietà di torte da forno, plum cake, cornetti e dolci vari: un indirizzo da segnare sia per colazione che per un pranzo veloce.


 

Dal 1933 allieta i genovesi con i suoi prodotti a base di cioccolato. Alessandro Zuccotti, il fondatore di questa realtà, scelse la zona di Santa Zita per aprire i suoi laboratori. Il passaggio è stato letteralmente dalle stalle alle stelle. Gl edifici in abbandono erano delle antiche stalle che Zuccotti ha trasformato nella sua Fabbrica di Cioccolato e Bomboneria di Lusso. Dopo lo stop forzato causato dalla scarsità di cioccolato durante la Grande Guerra, l’attività riprese focalizzandosi sulla qualità delle materie prime e sul mantenimento delle tradizioni di famiglia. Da non perdere i cremini.

Fabbrica di cioccolato Zuccotti

Su Via XXV aprile, in posizione leggermente più defilata dal centro di Recco, c’è un’altra sede di Rossini. Sempre focaccia al formaggio (con, naturalmente, solo stracchino fresco da latte 100% italiano), ma anche un’ottima scelta in fatto di gastronomia pronta, tra insalata russa, polpette di vitello e ravioli al ragù. Ideale per l’asporto. 


Panificio Pasticceria Tossini — Via XXV Aprile

Tra i vari punti vendita Tossini a Recco, quello di Via Trieste si distingue per l’integrazione di una proposta di salumeria. Ideale, quindi, per ordinare una focaccia genovese farcita, oppure per fare la spesa da portare a casa. Sempre presente, anche qui, l’assortimento di pane e l’immancabile Focaccia con formaggio.


Panificio Pasticceria Tossini — Via Trieste

Da mezzo secolo rappresenta un punto di riferimento per i genovesi, e non solo. La storia di questa pasticceria è quella di una famiglia che ha messo al servizio dell’artigianalità la propria vita, raggiungendo grandi risultati come l’inserimento nell’albo delle Botteghe Storiche di Genova. La tradizione ligure fa da padrona con il classico pandolce, qui presente nella sua versione bassa, ma anche in quella alta. Non mancano i cubeletti, scrigni di frolla che racchiudono dolci confetture, pasticcini alla crema, cioccolato, gelatine e torte artigianali.

Sansebastiano Genova

Il ristorante Manuelina è un’istituzione dell’accoglienza a Recco dal 1885. Aperto come osteria — ha visto passare Montale, D’Annunzio ed Einstein — nel tempo è evoluto per diventare un locale raffinato, che però non dimentica la tradizione. Oggi ha all’attivo anche un albergo 4 stelle, e i gestori amano preparare piatti storici ma con tecniche di cottura e gusto per la presentazione moderni. Si dice che la signora Manuelina sia stata la prima a proporre alla sua osteria la Focaccia di Recco, che si fa ancora con la sua vecchia ricetta. Qui gli chef sanno trattare l’impasto come si deve, affinché — come dicono loro — non ‘si arrabbi’.
 

Manuelina

Lino negli Anni Cinquanta è un diciassettenne che crede nella ricostruzione di Recco, uscita molto ferita dai bombardamenti della Seconda Guerra. Così decide di aprire una trattoria, per lavorare sulla generosità della cucina ligure. Il locale è stato rinnovato nei primi anni Novanta e oggi è condotto dalla figlia Maura, che seleziona prodotti di qualità e porta avanti le specialità ‘di sempre’, come i pansoti, il pesto e la Focaccia di Recco Igp. Da Lino è possibile anche ordinare per l’asporto.


Da Lino

A qualche chilometro da Recco verso Ponente, Sori è uno dei comuni storicamente legati alla Focaccia al formaggio. Il disciplinare, infatti, ammette la produzione della pietanza Igp anche qui, dove uno dei migliori posti è senz’altro l’Edo Bar. La zona è quella del Golfo Paradiso, tra percorsi panoramici e colline ricoperte da ulivi. La cucina non è meno attraente, come dimostra la proposta di questa trattoria che lavora pesce, carne e molte opzioni vegetariane, anche tra i capisaldi liguri. La Focaccia al formaggio si sposa con un grande assortimento di farinata, fritture e antiche torte rustiche.


Edo Bar

Punto di riferimento del mangiare bene a Genova, questa essenziale trattoria innestata nei vicoli a pochi passi dal Porto Antico propone una delle carte più autentiche della città in relazione alla cultura gastronomica locale. Attraverso una declinazione strettamente stagionale si alternano tutti i grandi classici della cucina ligure senza sbavature. Troviamo qui un pesto tra i migliori, cremoso, perfetto negli equilibri, rigorosamente a condire i mandilli de saèa (10€) – letteralmente fazzoletti di seta – lasagnette tagliate al coltello per una coniugazione quasi perfetta.

Trattoria delle Grazie
Apri su Maps 0102468516

Settecento e duecento: gli anni di presenza nel cuore della città e gli anni del forno. L’Antica Sciamadda rappresenta uno degli ultimi baluardi che incarnano ancora la vera anima del tramandare una tradizione ormai riservata a pochi. A due passi dal Porto Antico questo angolo idilliaco presenta una delle proposte più complete della categoria, sconfinando inoltre in alcune pietanze calde proprie della rosticceria. Imperdibili le torte verdi, bietole e prescinsêua su tutte, accompagnate dalla torta pasqualina in variante a seconda della stagione. Centrale nella proposta una deliziosa torta di cipolle e un ampio corredo di fritti: panisse e frisceu, piccole palline di pasta aromatizzate alle erbe, apicali nella selezione.

Antica Sciamadda
Apri su Maps 0103200561 Pagina Facebook

Posizionato strategicamente tra Quinto e Nervi, questo storico ristorante rappresenta un vero e proprio punto di rifermento della città in tema pesce crudo e cotto, nonché di tutto quando gravita intorno al mondo del mare. La location suggestiva in ogni stagione presenta ampie vetrate sul mare per godere di un panorama unico, perfettamente coniugabile con i sapori e le tonalità dei piatti in carta. Vivere l’ampia terrazza aperta nella bella stagione è un’esperienza ‘must have’ alla quale è molto difficile resistere nei mesi primaverili ed estivi.

La Piedigrotta

Un ristorante, pizzeria e braceria sito poco fuori Recco, che nel 2019 ha affiancato all’attività anche L’Angolo dei Fratelli Olivari, dedicato a pizze e focacce di ogni tipo. Atmosfera informale e accoglienza familiare, per assaggiare la tipica cucina ligure, con tanto pesce fresco ma anche prodotti dall’entroterra. C’è pure un dehors da diversi coperti, e la Focaccia al formaggio Igp, naturalmente, è un pezzo forte.


Da Angelo

Del Ponte, ristorante e pizzeria, nasce nel 1998 per iniziativa di tre fratelli con la passione per la ristorazione e la gastronomia ligure. Hanno rilevato un locale nella cittadina della Focaccia al Formaggio e poi, negli anni, ne hanno aggiunti altri due a Genova, e persino un paio a Milano. Oggi sono bravi esponenti della cucina regionale, con un menu di classici come trofie al pesto, trenette, pansoti in salsa di noci e cappon magro. La specialità di punta, però, resta la Focaccia di Recco Igp.


Del Ponte

Da lungo tempo garanzia culinaria del centro storico fronte porto, questa trattoria prende il nome da un antichissimo mercato di legumi proprio della contrada, la Raiba. Nell’arco degli anni consolida una cucina autentica, priva di sofisticazioni che va quotidianamente a declinare i classici della gastronomia ligure e genovese. Il pesto eseguito secondo tradizione è uno dei riferimenti di questo indirizzo, che lo propone nella giusta consistenza e dal colore verde intenso. Deciso e sapido al gusto, condisce tutte le declinazioni di paste fresche tipiche del menu. È imperdibile nella versione che forse più di tutte affonda le radici nella tradizione regionale, quella in cui si avvolge alle patate e ai fagiolini, dando origine alle trenette avvantaggiate, formato tipico di pasta lunga arricchito dalla farina di castagne (12€).

Trattoria della Raibetta
Apri su Maps 0106451015

Forno dalla storia cinquantennale, negli ultimi anni è diventato un punto di riferimento in città. A Sampierdarena, storico quartiere popolare alle spalle della Lanterna, si sforna una delle migliori focacce del capoluogo. Senza strutto, non troppo sottile, presenta una doppia consistenza al palato che la rende unica nel suo genere; morbida all’interno e nella parte inferiore presenta una grande croccantezza in superficie, mitigata dalla generosa oleosità. Senza dubbio una delle migliori deviazioni dalle zone del centro sul tema.
 
Apri su Maps 0102515032

A pochi passi dalla centralissima Piazza De Ferrari, c’è un vero e proprio tempio della panificazione genovese. Si affaccia sul labirinto di vicoli questo forno che presenta un’offerta estesa alla gastronomia ed in particolare alle torte ripiene. Divenuto un cavallo di battaglia per il quartiere - e non solo - sforna una delle focacce migliori della città; unta perfettamente, notevole per equilibrio tra croccantezza e morbidezza. Tra le scelte imprescindibili, è una meta che non può essere saltata soprattutto dagli avventori alle prime armi.

Casana

Del longevissimo ristorante Da Ö Vittorio abbiamo detto a proposito del mitico ciuppin: la zuppa di pesce dei pescatori liguri diventata famosa nel mondo, che secondo molti è la migliore d’Italia. L’attività della famiglia Bisso è partita nel 1860, ha superato due guerre e oggi testimonia la rinascita di Recco come piccolo centro gourmet, trainato soprattutto dalla buona Focaccia al formaggio Igp. Oggi nella medesima sede del ristorante classico si è aggiunta la più informale Osteria del Vastato, con la possibilità in entrambi i casi di ordinare un pezzo di focaccia (o una intera, da porzionare a tavola fumante, per i gruppi numerosi).


Da Ö Vittorio
 

Nel quartiere Foce, cerniera tra l’impianto di grandi vie del centro città e il waterfront, sorge uno dei forni che rasentano l’eccellenza in materia di focaccia e panificati. Fuori dagli schemi della tradizione integralista, in questo forno si possono trovare innumerevoli variazioni sul tema ricche di gusto e preparate sapientemente con ottime materie prime. Le sperimentazioni non fanno però perdere il focus sulla focaccia classica, allineata anch’essa all’ottimo livello della proposta. Quest’ultima la troviamo non croccante come vuole la tradizione, bensì morbida e soffice, caratteristiche eccellenti che spiccano subito al palato e al tatto poiché abbondantemente bagnata d’olio per l’assenza dello strutto. Omogenea nelle occhiature si presenta verace e solida all’aspetto, estremamente appagante al gusto.

focaccino

Abbondantemente valicato il secolo di attività, questa friggitoria ormai giunta alla sesta generazione, non smette di sfornare specialità salate e delizie per il palato lungo tutto l’arco della giornata. Un forno a legna e una cucina a carbone sostengono una proposta di grande livello immutata nel tempo dove spadroneggiano le fritture, specialmente quelle di pesce. Una su tutte quella di pigneu, piccoli esemplari di acciuga e altri tipi di pesce azzurro, immersi nel latte poi passati nella farina, prima di incontrare l’olio bollente per una croccantezza senza eguali. Calamari, gamberi, baccalà in pastella proseguono la linea dei fritti intorno all’immancabile farinata, piatto che nutriva un tempo frotte di portuali oggi trasformatisi in gruppi di turisti e in ogni tipo di avventore locale e non.

Antica Friggitoria Carega

Trattoria di quartiere, Franz & Co è un punto fermo per i residenti della Val Bisagno in tema di farinata, vera e propria regina indiscussa della carta. Declinata in una serie di gustosissime varianti, dalla salsiccia alla cipolla, non manca quella semplice per un rapporto qualità prezzo davvero significativo. Locale spesso molto affollato garantisce un approdo sicuro per la periferia genovese dove è innestato proponendo anche una focaccia al formaggio e la sua variante pizzata di buon livello.

Franz & Co.-2
Apri su Maps 0185288809

Tra le migliori pescherie della città, quella di Fratelli Bardi è una vera e propria tappa fissa qui a Santa Margherita. Non aspettatevi una di quelle pescherie moderne, dove si mangia anche all’interno, qui il pesce tocca comprarlo e mangiarlo a casa. Un’abitudine che si sta perdendo, quella di fare la spesa in pescheria, che da Bardi vi rinfrescherà la memoria. Il pesce è sempre di giornata e c’è l’imbarazzo della scelta.

 
Apri su Maps https://www.fiordiponti.com

La fila che si forma ogni giorno fuori, a qualsiasi ora, è indice della qualità di questo panificio in piazzetta a pochi passi dal porticciolo di Santa Margherita. La mattina, per una colazione salata o dolce, oppure a pranzo per una pausa dalla spiaggia, e sicuramente a fine giornata quando si sale dal mare e ci si concede una merenda, Fiordiponti è sempre un’ottima idea. Ovviamente regina indiscussa la focaccia ligure (1,80€ al pezzo), la famosa fugassa, qui vera e propria religione. Buonissima appena sfornata e in mille varianti: con olive, patate, con cipolle, e formaggio (dai 2 ai 2,50€).

Panificio Fiordiponti
Apri su Maps 3274438606 @daobattj

Si trova nell’entroterra di Santa Margherita Ligure e da qui si guarda tutto il golfo, in una posizione sicuramente privilegiata. Ristorante Da O Battj, fratello minore dello storico locale a Portofino aperto nel 1963 da Battista Costa, detto Battj, e dalla moglie Ida, si trova sul promontorio che domina la zona dal 1978. Tra gli antipasti da segnalare i muscoli gratinati, l’insalata di moscardini, le acciughe bianche. E ovviamente gli scampi alla Battj, ricetta segreta al limone.

Ristorante da o Battj
Apri su Maps 0103728113 @bagnimedusaofficial

Ristorante all’interno dello stabilimento balneare Medusa, si attesta come una delle fermate gastronomiche più suggestive e sfiziose della passeggiata di Genova Nervi. Posizione mozzafiato per una serie di tavolini letteralmente appoggiati sul mare che concorrono a regalare un’esperienza indimenticabile a qualsiasi ora del giorno. In cucina una proposta corretta e di ottimo livello, si muove lungo le linee della tradizione ligure e genovese con una serie di variegate proposte di pesce dall’equilibrato rapporto qualità prezzo.
Bagni Medusa-2

Una terrazza che letteralmente si apre al mare, una location che fa scuola nel capoluogo per respiro, ariosità e cura del dettaglio è proprio quella di Santamonica. Il locale è frizzante, vivace, con una proposta gastronomica di livello che pretende di rinnovare e sperimentare alcuni canoni tradizionali senza mai snaturarli. Santamonica offre una materia prima di qualità eccellente e una particolare attenzione alla selezione dei crudi di mare, perfettamente coniugati con un’ambiente sofisticato ma al contempo informale, atto ad esaltare la massima espressione di essi.

Ristorante Santa Monica

 
Apri su Maps 3770810039 @ostaia_dausantu

Sulle alture genovesi, sopra il lungomare di Voltri ed in prossimità del Santuario della Madonna delle Grazie, sorge un’osteria senza tempo, immutata negli anni per sapori e tradizioni. Circondata da un verde profondo e rigoglioso, l’Ostaia rappresenta una delle mete predilette dai genovesi che decidono di prendersi una pausa dal caos del centro città aprendosi ad un ambiente estremamente ameno e rilassante. La coniugazione di un contesto unico nel suo genere ed una sapiente elaborazione della cucina tradizionale più viscerale regala uno scorcio paesaggistico e culinario difficilmente dimenticabile. 

Ostaia da u santu-2
Apri su Maps 0102722278 @osteriamaniman

Da una pescheria in Soziglia nasce il sogno di un’osteria contemporanea, che porta in un concept attualissimo il pesce fresco direttamente dal mare al piatto. Il luogo è di pregio, con una sala finemente affrescata che regala un’atmosfera allo stesso tempo intima e ricercata con vista sulla città. Una meravigliosa terrazza ospita gli avventori nelle belle giornate offrendo un angolo di quiete e svago delineando una piccola fuga, anche solo mentale, dai garbugli del centro cittadino.

Maniman

A Fontanegli nel primo entroterra della Valbisagno si apre a deviazioni fuori città una storica trattoria, dalla tradizione solida e centenaria che è diventata un riferimento per apprezzare i piatti anche dimenticati della gastronomia della Superba. Differenti sale, capaci di accogliere una molteplicità di situazione e tipologie di avventori, si dispiegano aprendo una grande terrazza incorniciata dal verde dove lasciarsi trasportare dall’elaborazione di materie prime a kilometro 0 e dalla preservazione di piatti simbolo del territorio come un imperdibile fritto misto alla genovese.

Antica Trattoria Du Ruscin-2

Un posto che, come dice il nome stesso, affonda Le Radici nelle vicende familiari della proprietà che dopo una bellissima storia in Valbrevenna ha deciso di sviluppare il suo locus amoenus a Sant’Olcese, piccolo comune dell’entroterra genovese porta del sistema di fortificazioni tra la Valbisagno e la Valpolcevera. E Reixe è un piccolo paradiso per soddisfare anche un soggiorno prolungato immersi nel verde più puro; materie prime dell’orto, cultura del territorio, riscoperta delle radici per un agriturismo che in pochi minuti di macchina regala suggestivi momenti di evasione dalla città.

Agriturismo E Reixe

Non ha bisogno di presentazioni la meravigliosa creatura di Roberto Panizza, vera e propria istituzione del mangiare bene a Genova a due passi dal Mercato Orientale. Posizionato perfettamente nel centro città, Il Genovese presidia con una serie di tavolini ben disposti anche un’ala della limitrofa Piazza Colombo, un tempo area coltivata a orti e oggi, con i suoi portici, uno dei luoghi di passaggio più frequentati in città. Qui si coglie una delle poche occasioni di scoprire le vere radici della cucina genovese assaporando piatti divenuti ormai classici della ristorazione contornati da alcuni degli edifici simbolo del capoluogo.

Il Genovese

Questa stazione gastronomica di grandissimo rilievo nella storia del capoluogo ligure sorge in una posizione clamorosamente invitante a picco sul mare nel quartiere di Quarto dei Mille. Il ristorante affonda le proprie radici in una dimensione plurisecolare dai contorni ormai sbiaditi, imprimendo nella memoria di ogni genovese un paesaggio da cartolina. I pini marittimi hanno connotato questo fortino fin dai tempi garibaldini, contrastando l’azzurro mare e le sporgenze frastagliate delle scogliere in una palette cromatica impressionista. Una nuova gestione rinnova il locale nel layout e nell’impronta gastronomica; si rivisita la tradizione e senza perderla mai di vista viene confezionata una proposta pressoché verticale di pesce, quasi a volerlo richiamare direttamente dal mare sottostante alla meravigliosa terrazza che si affaccia in proiezione di Boccadasse.

Osteria del Bai
Apri su Maps 018574653 @ristorantealfredo.recco

Alfredo Passano, pur non originario di Recco bensì di Pontedecimo, ha contribuito al consolidamento gastronomico della cittadina dall’apertura nel 1967 di una piccola tavola calda. Nel 1975 si è trasferito nell’attuale locale, più ampio e accogliente. Dal 2009 la gestione è in mano al figlio Fabrizio, che insieme alla moglie Luciana mantiene un bilanciamento tra cucina tradizionale e spunti innovativi. Anche qui si trova l’autentica Focaccia di Recco Igp.


Alfredo

Il Boschetto è un’insegna affidabile a Sori, che lavora sia come ristorante che come pizzeria. La sala ha un’atmosfera un po’ d’altri tempi, così come il servizio e l’accoglienza; anch’esse un punto di forza. La carta si divide tra pesce — tartare, muscoli alla marinara e taglierini al sugo di astice — e carne — ravioli alla genovese, vitello tonnato e tagli ai ferri. Poi c’è un’intera sezione dedicata alla Focaccia di Recco col formaggio Igp, proposta non solo in modo tradizionale, ma anche con pesto, prosciutto crudo, lardo, gorgonzola e rucola.


Il Boschetto

A pochi metri dal lungomare di Recco, la bottega di Gio Batta Moltedo (per tutti ‘Titta’) è uno dei panifici che vantano il sigillo della Focaccia ‘originale’. D’altronde parla l’esperienza, che in questo caso parte nel 1973. Una bottega con forno e pasticceria, che propone la classica variante con tanto di formaggio ben sciolto e anche alcune interpretazioni più ‘farcite’. Non mancano focacce genovesi all’olio, farinate, torte rustiche, biscotteria secca (imperdibili i canestrelli) e un assortimento di pani conditi: ad esempio il nocino, oppure le pagnottine con pepite di cioccolato.


Panificio Moltedo G.B. Titta

Nata come piccola impresa familiare a Camogli nel 1899, Tossini nel tempo si è ingrandita fino a contare nove negozi in tutta la Riviera Ligure del Levante. Tra i quattro a Recco — ai quali se ne aggiungono tre a Rapallo, uno a Chiavari e uno a Sori — c’è quello di Via Roma. La memoria della produzione artigianale è ancora ben presente, pur se rinforzata con visione imprenditoriale dagli Anni Settanta. In questo punto vendita c’è un lungo bancone ricoperto di focacce, naturalmente anche nella versione al formaggio di Recco Igp, insieme a proposte di pasticceria moderna e un angolo caffetteria.


Panificio Pasticceria Tossini — Via Roma

Anche in Via Biagio Assereto il punto vendita Tossini ha le sembianze di una panetteria moderna. Interni forniti di tavolini ai quali accomodarsi per un pranzo veloce, dove scegliere la Focaccia di Recco col Formaggio Igp anche condita con pesto, oppure un velo di pomodoro, insieme a olive e capperi. Non mancano pizzette e dolci, lievitati e non, per il momento della colazione o il vassoio della domenica.


Panificio Pasticceria Tossini — Via Assereto

Sulla direttrice del centro storico più cara a Fabrizio de Andrè sorge uno dei luoghi che maggiormente sta segnando la trasformazione della cucina contemporanea del capoluogo ligure. Un progetto ambizioso guidato da un team giovane e di grande visione porta a due passi dall’Acquario un’impronta innovativa che va a delineare una nuova proposta di osteria contemporanea. Il valore aggiunto di Trattoria dell’Acciughetta è trovare una radice tradizionale nella scelta delle materie prime per poi rivisitarle nella composizione finale del piatto. Qui però si confeziona una versione pura, tradizionale e con grandi ingredienti delle trofiette al pesto, in tutti i sensi come la denominazione in carta, ‘evergreen’ (12€).

Trofie al pesto dell'acciughetta
Apri su Maps 0185 770777 Pagina Facebook

Si fa presto a raggiungere da Recco il borgo marinaro di Camogli, distante soltanto qualche chilometro di passeggiata. Lì, proprio sul lungomare, si trova Revello, un panificio rilevato dal signor Giacomo — un tempo impiegato — nel 1964. Negli anni l’ha trasformato in una ‘bottega sempre aperta’ di specialità liguri, sia dolci che salate. Qui si produce ancora la storica galletta del marinaio (cos’è? L’abbiamo spiegato), poi la ‘focaccia croccantina’, che si mantiene bene per giorni. Inoltre i particolari biscotti camogliesi, i pandolci, gli amaretti del Golfo Paradiso. Per non parlare della farinata, della focaccia camoglina, quella con cipolla, salvia e polpa di oliva e, dulcis in fundo, la Focaccia di Recco col formaggio Igp.


Revello
 

In questo locale moderno a due passi dalla centralissima piazza De Ferrari si coniugano con il giusto equilibrio la tradizione della cucina ligure e alcune rivisitazioni in chiave contemporanea. Una carta correttamente contenuta con una rotazione dei piatti molto accattivante, garanzia di freschezza e di grande attenzione per la materia prima si presenta al tavolo. Immancabili e sempre presenti, oltre agli altri classici liguri, le tipiche trofiette: queste sono condite con un pesto fine, equilibrato e di giusta consistenza (12€).

Pasta al pesto Genova Trattoria Rosmarino-2
Apri su Maps 0102530501

Negli interstizi dei vicoli del centro storico si nasconde questa piccola trattoria, dove il tempo sembra essersi fermato. Accogliente e spartana allo stesso tempo, porta avanti con rigore la grande tradizione della cucina genovese, squisitamente di terra eccezion fatta per le acciughe declinate in differenti modi. Qui il pesto è autentico e sovrapposto ai canoni della tradizione, non troppo fine e avvolgente, di una cremosità consistente; dà il suo meglio nel minestrone alla genovese imprescindibile da tradizione (10€), o per condire un formato di pasta tipico del Levante ligure come i testaroli.

Attivo dal 1528 come luogo di ristorazione nella culla delle prime trattative commerciali che hanno fatto la storia mercantile genovese, l’osteria prende il nome da una delle più suggestive piazze del centro storico cittadino accanto alla quale si trova l’osteria, Piazza Banchi. Troviamo due osti appassionati, figli di importanti esperienze in città, a concepire un’offerta che sebbene ricalchi la tradizione enogastronomica ligure, prova sempre ad evadere in spunti di innovazione. Si beve molto bene con una carta tanto ampia nella scelta quanto contenuta nel prezzo, principalmente verticale sulla Liguria. In cucina la proposta è essenziale, quasi estrema nelle scelte. La preservazione del patrimonio culinario regionale è garantita dalla presenza fissa, con il cappon magro, di una pasta fresca al pesto a rotazione. Cremosa, fine, equilibrata e dal colore brillante la salsa si sposa perfettamente con i mandilli de saèa. Da provare anche con i battolli, una pasta fresca a base di farina di castagne proveniente dall’entroterra genovese e da antichissime tradizioni.

Ostaia de banchi
Apri su Maps 0102513828 Pagina Facebook

Oasi del mangiare e soprattutto del bere bene del centro cittadino questa trattoria contemporanea presenta una carta in cucina che coniuga tradizione e presente con una cantina foltissima di etichette. Un bellissimo dehors, imperdibile con il glicine fiorito, delinea una dimensione accogliente e confortevole nella quale gustare piatti della tradizione ligure declinati in alcune riuscite rivisitazioni. Ciò che non cambia e non cede a rivisitazioni è il pesto, corretto, equilibrato; deciso quanto basta va a condire gnocchetti di castagne (12€), trenette o le picagge – letteralmente fettucce di cotone tipica tagliatella molto larga e, anche per una questione “tessile”, più spessa rispetto ai mandilli.

Ostaia a Ribotta

Incredibile equilibrio per questa focaccia del centro storico genovese che dal 1920 viene sfornata in maniera emblematica. Perfetta in cottura, è chiara in superficie e unta al punto giusto presentando occhiature umide e soffici. Croccantezza esterna e grande morbidezza al cuore la rendono un punto di riferimento ricercatissimo per tutti i tipi di avventori, autoctoni e non solo.

Patrone
Apri su Maps 0106136333 @prianosbk

Non ha bisogno di presentazioni questo tempio dell’estremo ponente genovese. Dal 1964 a Genova Voltri si sforna nello stesso modo una variante stirata della tipica focaccia genovese che non ha rivali. Molto più bassa che nella convenzione, questa focaccia cuoce senza teglia e viene infornata tirando una delle due estremità per conferire la classica forma a lingua; la completa una spolverata di farina di mais che ne aumenta la croccantezza, tendenzialmente superiore alla norma. Un netto discostamento dalla tradizione genovese ma, nonostante ciò, un’esperienza al palato imperdibile e inconfondibile tra mille.

Priano
Apri su Maps 0102477032

Locale del centro storico dal sapore retrò, svela tra gli innesti in legno una focaccia unica nel suo genere che si differenzia nel completo rispetto del processo di preparazione tradizionale. La variante risiede nell’utilizzo del sale il quale, eliminato dall’impasto, viene distribuito grosso sulla chiara superficie esterna. La croccantezza e la sapidità date dal sale a vista vanno a ridisegnare al palato una texture granulosa molto allettante che posiziona questa focaccia tra quelle sicuramente da provare. La solidità della proposta anche degli altri prodotti da forno è garantita dalla tradizione torinese della famiglia proprietaria nell’ambito dei panificati come si evince dalla centralità dei grissini stirati a mano nella proposta al banco.
 

Torniamo a Ponente, nella parte più occidentale di Genova per assaporare la focaccia di una vera e propria istituzione cittadina. Dal 1946 ogni alba vede servire una focaccia calda pressoché perfetta, unta al punto giusto, di una leggerezza quasi senza eguali.
Da generazioni questo forno tramanda una delle ricette classiche per eccellenza sfornando, nella variante con la cipolla tassativamente bianca, la summa di quanto si possa provare relativamente a questo prodotto da forno. Da Fabrizio De André a Sandro Pertini, da Renzo Piano a Gianni Agnelli, nessuno ha potuto mai resistere a questa fascinazione del gusto davvero senza tempo, alimentando il blasone di uno dei forni simbolo della città.

Marinetta

Dopo aver sondato il Ponente, ecco un avamposto dell’estremo levante del capoluogo genovese. A Genova Nervi, a metà della suggestiva passeggiata Anita Garibaldi, sorge questo piccolo forno che propone una grande varietà di prodotti, dalla pizza rossa alla farinata fino ovviamente alla focaccia sia al formaggio che classica. Quest’ultima è sfornata con sapienza e si presenta bassa, chiara al colore e cotta al punto; umida, sapida e omogenea nelle fossette, è un connubio quasi perfetto con l’indimenticabile paesaggio sferzato dal vento salino che si apre in prossimità del forno.

Buon Appetito
Apri su Maps 0102364706

Siamo a Marassi, a pochi passi dallo Stadio Luigi Ferraris per questo forno di quartiere che merita sotto ogni punto di vista un allungo dalle zone centralissime. In questo forno ogni mattina si consuma il rituale di intingere nel cappuccino o nel caffellatte una delle strisce di focaccia più buone della città. Si presenta perfetta per consistenza, non troppo croccante in superficie, morbida e unta al punto giusto, per un’esperienza quasi indimenticabile.
 

Panificio centralissimo e molto conosciuto, impossibile non imbattersi nelle sue vetrine durante una passeggiata tra le vie più importanti della città. Specializzato in moltissime declinazioni di panificati, vanta un’estesa produzione di qualità anche per tutti i prodotti da forno che accompagnano una delle focacce genovesi più conosciute. Lievitata naturalmente, non troppo alta e perfetta nella sua consistenza, è condita in maniera omogenea. Sotto la stessa gestione da decenni si rispetta la ricetta tradizionale trasformando ingredienti di qualità per confezionare una focaccia divenuta un grande classico nel panorama cittadino.

Mario
Apri su Maps 010600906

Altra virata verso il Ponente della città a ridosso della Valpolcevera per una delle focacce migliori della zona. Forse uno dei prodotti più bilanciati in assoluto in termini di sapidità, croccantezza, equilibrio della componente oleosa in superficie. Fuori dal centro del capoluogo poche proposte tengono testa a questo forno di quartiere molto gettonato tra gli autoctoni, da non lasciarsi sfuggire.
Apri su Maps 0108990388

Posizione centralissima per un forno molto frequentato alle spalle di Via XX Settembre e in prossimità del Mercato Orientale Genova (MOG). Qui si mangia una focaccia classica che si attesta alla qualità dei migliori in città; leggermente anemica alla vista presenta una superficie tendente al chiaro senza grandi aree brunite, non è molto unta. La grande sorpresa però si svela al palato per un gusto equilibrato, perfettamente sapido ed estremamente connotante. Rilevante anche la proposta della pasticceria, da decenni è una tappa che vale la pena affrontare in qualsiasi momento della giornata durante le passeggiate nel centro città.

Innestato nella inconfondibile Piazza del Carmine questo forno offre un’ampia scelta di prodotti panificati e parte dolce. Senza dubbio a fare da padrone sono le pizze rosse e la focaccia classica che qui troviamo estremamente saporita, cotta al punto, invitante all’aspetto e di ottima realizzazione.

bonta del grano
Apri su Maps 0103628134 Pagina Facebook

Nel quartiere di Albaro e non lontano dalla pittoresca Boccadasse è uno dei primi avamposti della panificazione. Riferimento assoluto per la proposta di prodotti da forno, la realtà propone una focaccia genovese classica che davvero si distingue oltre ogni aspettativa: occhiatura perfetta ed altezza da manuale, come misurata al calibro. Si esalta la lievitazione in maniera esemplare a discapito dell’impiego dello strutto; morbida e croccante allo stesso tempo è un indirizzo da segnare in agenda per la prima e le volte a venire.

voglia di pane
Apri su Maps 0102514061 @viganotti1866

Siamo nella seconda metà dell’Ottocento, quando in Via della Maddalena a Genova la famiglia Viganotti aprì la sua prima bottega. Da quel momento sino ad oggi, di storia se n’è fatta (l’abbiamo raccontata qui). Storia anche curiosa visto che tutto ebbe inizio quando il giovane Romeo era solito intrufolarsi nelle cioccolaterie della città per conoscerne i segreti. La sua vena imprenditoriale - che si sviluppò nel corso degli anni - diede il via al grande successo dell’attività. Oggi la gestione della cioccolateria Viganotti è passata nelle mani della famiglia Boccardo che ha proseguito la produzione seguendo le antiche tecniche di lavorazione del cioccolato. Imperdibile la selezione che conta centocinquanta varietà di praline.

Uno strumento dell'Ottocento di Romeo Viganotti

Punto di riferimento nel pittoresco borgo di Boccadasse, impossibile non imbattervisi in una giornata di sole e decidere di trascorrere un bel momento su una delle spiaggette più suggestive della città. Dal 1927 Amedeo consegna coni, coppette e una serie di collaterali invidiabili come torte, stecchi e tronchetti, con opzioni dedicate anche ai vegani. Imperdibile e non ordinario il gusto al gelso, oltre all’irrinunciabile crema Amedeo, lavorata con noccioline caramellate. Poi gusti come cannella e malaga che invece riportano, con grande qualità, a sapori un po’ vintage. Tutti motivi validi per affrontare le grandi code che si creano intorno a locale, in alta stagione e nei weekend assolati. Non ve ne pentirete.


Antica Gelateria Amedeo

Chilometro zero e freschezza guidano la filosofia di Massimiliano Chiumeo, firma nota in tema di gelateria artigianale. Ci troviamo a Nervi, in una posizione di rilievo in uno dei più bei quartieri della città. Il suo regno è un laboratorio dove si sperimenta e perfeziona la tradizione, attraverso una sapiente scelta della materia prima (spesso da presidi Slow Food) e la volontà di fare un gelato goloso ma sano e sostenibile. Citiamo le celebri granelle di pistacchio, nocciola e mandorla, qui protagoniste, le molte varianti di cioccolato e la crema alla vaniglia. Senza dimenticare i gusti frutta, come fichi e limone. Granite e torte completano una delle migliori proposte cittadine.


Massimiliano Chiumeo

Sita poco al di sotto delle piazze centrali della città ed appena entrati nei vicoli, questa storica gelateria è ormai un punto fermo. Essendo a ridosso della frequentatissima Piazza delle Erbe, la cremeria attira frotte di avventori a qualsiasi ora del giorno, in cerca di ombra e di una pausa fresca e golosa. Creme e variegati classici sono una garanzia, ma anche rivisitazioni come il cioccolato con aggiunta di “pane”, oltre a varianti del tartufo che non mancano di rotondità e golosità. Durante le visite al centro di Genova, una sosta qui è un’ottima idea.


Cremeria delle erbe

Nascosta e riparata dalle fitte mura dei caruggi genovesi da più di cento anni, questa minuscola cremeria è una vera e propria istituzione del centro storico. L’iconico bancone con vetrina laterale serve gelati e altri golosissimi prodotti quali krapfen farciti, torte, biscotti gelato e chi più ne ha più ne metta. Qui si può gustare la vera panera genovese: metterne una pallina nella tazzina di caffè bollente è un rito, oppure degustarla come semifreddo in cono o coppetta. I gusti classici sono sempre i più richiesti; non mancano però le stravaganze come la mimosa, la liquirizia e il fico. Belle sorprese in uno spazio che mette in contatto con la storia di questa parte della città.


Cremeria Buonafede
Apri su Maps 3423301781 @cremeriasestri

Una piccola gelateria nel cuore della periferica Sestri Ponente dove si preparano gelati naturali senza alcun artefatto nella composizione. Su tutti vincono i gusti frutta, mai stucchevoli, sempre freschi e particolari. Interessanti alcune aggiunte di parti alcoliche, come il vino bianco e il Brachetto nella pesca, o di tocchi salati nel caramello e nei cioccolati. Si segue l’andamento stagionale e la disponibilità del prodotto fresco, garantendo un approccio sostenibile e insistendo sulla qualità del prodotto finale. Torte e ghiaccioli integrano l’offerta, in un locale che richiama clientela anche da altri quartieri.


Cremeria Sestri
Apri su Maps 010313465 @cremeria_ciarapica

Dal 1962 questo bar, pasticceria e cremeria detta legge nell’elegante quartiere di Albaro, confezionando una sterminata quantità di varianti, tra torte e dolci monoporzione. La cremeria presenta altrettante declinazioni e qualità d’esecuzione. Il ventaglio comprende creme classiche, intervallate da guizzi interessanti quali il rocher, la Sacher e la crema di pinoli. Si passa poi ai gusti frutta, come lampone, mora, variegato alla pera, pesca e melone (quando disponibili). Una realtà assolutamente da provare, che ha il merito di coniugare ottimi fornitori, preparazioni, processi e prodotti accurati.


Caffè Cremeria Ciarapica

Martina Francesconi è entrata a gamba tesa nella scena delle gelaterie genovesi con una proposta davvero interessante. Considerata una delle migliori aperture recenti del nostro paese, contamina il gelato con mondi altri, quali il design, la comunicazione, l’arte e l’editoria. Un meta-progetto con al centro l’alta qualità delle materie prime, che si mantecano in creme classiche praticamente perfette. La gamma di gusti si estende su varianti più o meno spinte, con frutta, botaniche, spezie ed erbe. Poi fichi caramellati, zafferano, cardamomo, fino a salvia e zest di limone. Non poteva mancare una delle migliori proposte di gelato al basilico dop di Prà, vera e propria incarnazione della genovesità. Gelatina rappresenta la nuova generazione di gelatieri che intendono confezionare un prodotto naturale nel rispetto della tradizione, senza però rinunciare alla scoperta e alla sperimentazione.


Gelatina
Apri su Maps 0102468336 @antica_sa_pesta

Non ha bisogno di molte presentazioni questo storico locale collocato nel cuore pulsante del centro storico. La duplice anima a metà tra la sciamadda tradizionale e la vera e propria osteria è coniugata dal grande forno dal quale tutto passa per poi comporre un ‘misto forno’ memorabile. La farinata, le verdure ripiene, il polpettone classico patate e fagiolini, la torta di cipolle quella di bietole e la pasqualina (esclusivamente con la prescinsêua) sono preparate come un tempo, tramandate di generazione in generazione senza lasciare spazio a nessuna rivisitazione. Le proposte sopra elencate sono accompagnate da una breve carta che ripercorre i piatti cardine della cucina genovese, dal minestrone alla cima, dal baccala allo stoccafisso, alle trippe fino alla pasta al pesto, tutto di ottimo livello.

Sciamadde Sa Pesta
Apri su Maps 3457689233

Un angolo di paradiso nella parte alta del centro storico. In Ravecca, a due passi da Porta Soprana, sorge questo microscopico farinotto che mette tutti d’accordo in tema di qualità e livello dell’offerta. Non solo farinata e panisse, bensì un’ampia selezione di torte salate di verdura accompagnate dai frisceu, fino ad arrivare alle portate dolci. Da menzionare il baccalà, e il latte brusco, una sorta di besciamella aromatizzata, addensata e poi fritta, imprescindibile nella composizione del fritto misto alla genovese.
 

Dopo avere conquistato in lungo e in largo il cuore del capoluogo ligure esportando i dogmi e le ritualità per confezionare il pesto perfetto, Roberto Panizza sconfina con una proposta tra la rosticceria e il fast food gourmet posizionando una costola del suo Genovese tra le case colorate di Boccadasse. Affacciato sul mare, il locale suona perfettamente come un’evoluzione della sciamadda più tradizionale proponendo una carta essenziale: pesto, salsa di noci, tuccu – un saporitissimo sugo di stracotto – accompagnati esclusivamente da un ventaglio di fritti già scolpiti nell’intramontabile menu del ristorante. Si alternano quindi frisceu, coni di acciughe (anche ripiene), panisse, verdure, fino alla trippa e ai gattafin, un raviolo tipico di Levanto ripieno di verdure ed erbe di campo. Tutto concorre per essere l’ennesima intuizione di successo fuori dagli schemi più tradizionali di questa realtà.

Il genovese Boccadasse