Parquet in bagno e cucina: pro e contro

Il parquet è una scelta molto elegante per i pavimenti, ma diventa difficile per ambienti molto vissuti e umidi come bagno e cucina.

Il parquet è una soluzione classica ed elegante, che può essere installata anche sui pavimenti di ambienti come bagno e cucina. Tuttavia, esistono delle linee guida specifiche per ambienti così ‘vissuti’ e quindi più soggetti a sporcarsi.

Ad esempio, il parquet lucido nero mostra ogni goccia di sporco, ed è necessario lavarlo di continuo. Al contrario, in ambienti come bagno e cucina è meglio scegliere parquet dai colori chiari, molto più semplici da gestire.

Ovviamente, i danni prodotti dall’acqua che spesso si versa in cucina e soprattutto in bagno sono da tenere in considerazione. Di sicuro piccole perdite quotidiane vengono asciugate velocemente, ma se si parla del gocciolare di una lavastoviglie o di una lavatrice, allora il discorso cambia, perché ci sono rischi di serio danneggiamento del pavimento.

Nonostante l’esistenza di alternative sintetiche appositamente progettate per ambienti come bagno e cucina, molti clienti vogliono il parquet autentico, perché è più lucido ed elegante. Tuttavia, è importante conoscere i vantaggi e gli svantaggi del parquet in ambienti come bagno e cucina per evitare di andare incontro a problemi.

Tra i vantaggi del parquet, sta il fatto che è molto decorativo ed elegante, ed è fatto di un materiale che si adatta un po’ a tutti i tipi di arredo.

Per garantire la manutenzione e la durata del parquet, bisogna utilizzare dei prodotti specifici che si comprano in tutti i negozi di bricolage e fai da te.

Se invece si sceglie il parquet sintetico, di sicuro si va incontro ad una soluzione molto più pratica per ambienti come bagno e cucina, dove l’umidità la fa da padrona. I parquet sintetici sono disponibili in varie fantasie e colori, e sono davvero molto simili al legno, ma molto più economici e facili da pulire.

Tra gli svantaggi del parquet in bagno e in cucina, occorre ricordare che il legno è molto delicato, e in certe stanze rischia di essere messo davvero a dura prova. Trattandosi poi di un materiale abbastanza costoso, si rischia di veder vanificati i propri sacrifici dopo poco tempo di utilizzo.

Certo, si può sempre ripiegare sul parquet sintetico, ma non è elegante come il legno e, per quanto possa imitarlo bene nella resa estetica, le differenze non sfuggono all’occhio esperto.

Solo dopo aver fatto queste valutazioni, e solo dopo aver compreso che volume di utilizzo si fa della propria cucina e del proprio bagno, si può scegliere consapevolmente, senza dimenticare ovviamente quali sono le proprie disponibilità economiche.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Case da sogno: villa ottocentesca a Sant'Ilario con piscina e vista sul golfo

  • Case da sogno: villa liberty con vista da urlo all'asta a Portofino

  • Zanzariere: come pulirle bene con pochi e semplici prodotti

  • Differenza tra voltura e subentro: tutto quello che c’è da sapere quando si cambia casa

  • Piatti puliti e brillanti con la lavastoviglie giusta: come sceglierla

  • Piccioni, la sicurezza a Genova dal 1946

Torna su
GenovaToday è in caricamento