Invasione di coccinelle: a cosa è dovuta, perché portano fortuna, e perché sono grandi alleate dei giardinieri

Come allontanarle con metodi naturali

In queste giornate primaverili, in cui abbiamo ripreso a uscire, molti di noi hanno notato un particolare curioso: la presenza di un gran numero di coccinelle sulle piante, a Genova anche in pieno centro città.

Ma come mai questi insetti si trovano in misura così abbondante? Probabilmente il segreto sta nel clima, che in questi giorni sta cambiando repentinamente alternando il primo vero caldo con l'umidità, invogliando gli insetti tipici primaverili a uscire allo scoperto.

Secondo la tradizione popolare le coccinelle portano fortuna, e mettono allegria con il loro colore rosso vivace e i puntini neri, ma - soprattutto se sono presenti in gran quantità, magari dentro le abitazioni - possono anche dare fastidio.

Occorre prima di tutto precisare che non è un male se vediamo coccinelle depositarsi sulle nostre piante: si cibano di parassiti, afidi e cocciniglie, e sono grandi alleate di giardinieri e agricoltori. Anche per questo - oltre all'aspetto simpatico e colorato - si dice che portino fortuna.

Come fare ad allontanarli con metodi naturali? Parlando di disabituanti naturali, adatti anche e soprattutto in un ambiente in cui vivono anche bambini e animali domestici, i più comuni sono farina fossile combustibile, canfora, mentolo.

Occhio a toccarle o a farsele salire sui vestiti: questi insetti possono rilasciare una sostanza giallastra che macchia.

Attenzione invece a usare gli insetticidi, soprattutto in casa: le carcasse delle coccinelle possono attirare scarafaggi e altri predatori, aggravando il problema.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Albero di Natale: idee e colori di tendenza per addobbarlo

  • Cabina armadio: tutti i consigli per progettarla e realizzarla al meglio

  • Inquinamento in casa: consigli e rimedi per avere sempre un ambiente sano

  • Alberi di Natale in miniatura adatti per le case piccole

Torna su
GenovaToday è in caricamento