Riordinare casa: qualche trucchetto per gettare via (senza rimpianti) le cose che non servono più

Spesso è fondamentale, quando si riordina casa, decidere cosa tenere e cosa no

Riordinare casa è una vera fatica, soprattutto se viviamo in ambienti piccoli che hanno poco spazio e che riempiamo facilmente.

E spesso è difficile decidere se e cosa gettare via, senza rimpianti, anche se a volte farlo è fondamentale. Abiti, scarpe, prodotti di bellezza (che a volte abbiamo anche fatto scadere) ma anche carte e biglietti.

La "scatola dei ricordi"

Ci sono ricordi da cui non vogliamo separarci, ma che creano disordine se abbandonati in casa, come i biglietti di un concerto, fotografie, abiti vecchi ma  che hanno un significato particolare? Il consiglio è di radunare tutte queste cose in una scatola, la "scatola dei ricordi". Così le avremo a portata quando ci andrà di riprenderle in mano, ma allo stesso tempo non creeranno più confusione in giro per casa o negli armadi.

O al limite, se si tratta di foto, lettere o biglietti, si può comprare una bacheca in sughero per appuntarle sulla parete, sgombrando tavoli e scrivanie.

Questo ci consentirà di fare una prima separazione tra i ricordi veri e propri e quello che effettivamente non ci serve.

«L'ho usato negli ultimi 12 mesi?»

Un metodo è guardare gli oggetti, uno per uno, e chiedersi: «Questa cosa l'ho utilizzata negli ultimi 12 mesi?». Soprattutto quando si tratta di vestiti, se la risposta è "no", vuol dire che sono cose che ormai sono passate di moda o che non ci piacciono più, o che sono semplicemente state sostituite da altre più belle o funzionali in casa. E a cui dunque si può dire addio senza troppi rimpianti.

«Mi piace veramente?»

Può capitare a tutti di fare l'acquisto sbagliato: ma non si può rimediare all'errore continuando a tenerlo in casa, se tanto non ci piace o non lo usiamo, o se lo teniamo soltanto in vista di un lontano futuro in cui forse potrebbe tornarci utile. Chiediamoci se davvero le cose che abbiamo ci servono veramente, se ci piacciono veramente, se non sono state un acquisto sbagliato. 

Mercatini e Swap Party

Un metodo per sbarazzarsi delle cose che non usiamo più senza troppi rimpianti, specie se sono ancora in buono stato, sono i mercatini e gli swap party, ottime occasioni per svuotarsi la casa guadagnando anche qualcosa in denaro, o barattando con oggetti che ci piacciono di più. 

Buttare via, o riusare?

Se proprio non ne vogliamo più sapere di una cosa e vogliamo gettarla via, il bidone della spazzatura dev'essere l'ultima spiaggia. Molte cose si possono riutilizzare, o possono essere donate a chi ne ha bisogno. Proviamo a informarci sulle associazioni di volontariato vicine a casa nostra, per vedere se qualcuno ha bisogno. In alternativa ci sono anche molti gruppi Facebook come "Vendo, compro e regalo a Genova" o "Te lo regalo se passi a prenderlo Liguria". Per quanto riguarda ad esempio i vestiti usati, a Genova Amiu ha collocato sul territorio diversi "Staccapanni": gli abiti vanno a progetti indicati dalla Caritas di Genova.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Termosifoni: come pulirli e farli funzionare in maniera efficiente

  • Mercato immobiliare, Genova tra le città con i tempi di vendita più lunghi

  • Bonus facciata: come ottenere il rimborso del 90%

Torna su
GenovaToday è in caricamento