rotate-mobile
Luca Pastorino

Opinioni

Luca Pastorino

Giornalista Genova Today GenovaToday

L'addio di Pandev chiude un'era: grazie Goran, porto sicuro in anni di tempesta

I sette anni del macedone tra rivoluzioni di mercato dove tutto cambiava per rimanere immobile e un futuro di speranza 'made in Usa'

Con l'addio di Goran Pandev si chiude un'era per il Grifone, un cerchio che si chiude dopo sette anni fatti di gioie, ma anche tante sofferenze. Il macedone come totem a cui aggrapparsi nei (non pochi) momenti di difficoltà, porto sicuro nei mercati in tempesta di gennaio, dove tutto cambiava per rimanere immobile, cristallizzato, senza una reale prospettiva di cambiamento.

Anche in questa nuova era americana è arrivata una rivoluzione, ma questa volta sembra frutto di una programmazione a medio-lungo termine, giocatori giovani e modello Lipsia, quello che Spors ha portato in Italia travolgendo ogni logica conosciuta finora. Basterà per salvare il Genoa dalla Serie B? Questo lo dirà solo il tempo, le basi sono comunque solide per cominciare a pensare a un futuro diverso e questo il popolo rossoblù sembra averlo capito e apprezzato, indipendentemente da come finirà questa (finora) sciagurata stagione sul piano sportivo.

Con il passaggio di Pandev al Parma si chiude idealmente l'era Preziosi, nella speranza che il sole dell'avvenire 'made in Usa' non sia un mero esercizio utopistico, ma anche meta da raggiungere una volta che saranno finite le rivoluzioni. A stelle e strisce, ma anche dal sapore teutonico.

Rimane la riconoscenza del popolo genoano per un grande professionista, che ha vestito e onorato la maglia del Genoa 187 volte, segnando 32 reti (176 volte con 28 gol solo in Serie A, il resto in Coppa Italia), alcune delle quali pesantissime, salvifiche. E allora grazie di tutto Goran, partito in una notte di fine gennaio senza fare un 'Pandevmonio', in punta di piedi, senza un ultimo saluto al tuo pubblico. Te lo diciamo in macedone: 'со среќа', buona fortuna.

Si parla di
Sullo stesso argomento

L'addio di Pandev chiude un'era: grazie Goran, porto sicuro in anni di tempesta

GenovaToday è in caricamento