Come affrontare la disabilità del proprio figlio con sorriso e ironia: "#cucitialcuore"

Da “Diario di un padre fortunato”, il blog pluripremiato e seguito da migliaia di followers, arriva "#cucitialcuore", il libro che spiega come combattere il "drago"

Affrontare la disabilità del proprio figlio con il sorriso e ironia è quello che insegna Francesco Cannadodo. Da “Diario di un padre fortunato”, il blog pluripremiato e seguito da migliaia di followers, arriva "#cucitialcuore", il libro che spiega come combattere il drago e come l’amore può vincere sul destino e diventare riscossa.

L’autore, Francesco Cannadoro, lo presenterà sabato 13 aprile alle 11 nell’Aula Magna dell’Ospedale Gaslini

«Se vuoi unirti ad un’epica battaglia contro il drago, questo è il posto giusto. Ma non immaginarti guerriglie medioevali, spade leggendarie e armature scintillanti, noi il drago lo combattiamo con il buonumore e la condivisone. Tutti abbiamo a che fare con un drago, in un modo o nell’altro. Unisciti a quest’avventura e dai del filo da torcere al tuo, qualunque sia la sua natura». Questo libro racconta una storia semplice, molto reale. Un viaggio leggero e sorprendentemente autoironico nel cuore di un padre alle prese con la disabilità di suo figlio. Francesco è un ragazzo di 36 anni, cresciuto senza genitori, che sogna da sempre di avere finalmente una famiglia tutta sua. Tommi è quel sogno che diventa realtà. È suo figlio, il suo amore più grande, quella sicurezza del cuore che pensava, nessuno gli avrebbe più tolto. Poi, invece, è arrivato il drago. Il piccolo Tommi è nato affetto da una patologia sconosciuta e degenerativa. Il suo cervelletto si atrofizza lentamente, compromettendo lo sviluppo psicomotorio. Con il tempo, Tommi ha perso anche la vista.

Francesco nel 2016 ha aperto due profili Social e il blog “Diario di un padre fortunato”, che oggi contano oltre 40mila followers, nel tentativo di raggruppare persone che ne sapessero più di lui sulla disabilità e lo aiutassero a capire come muoversi in un mondo decisamente non semplice da abitare.  

«Nel blog c’è una sezione dedicata a chi vuole raccontare la sua battaglia. Alcuni son diventati oltre dei followers. È importante parlare e continuare a farlo, per non affrontare i momenti bui da solo, e per non sentirsi “diverso” in un mondo che, troppo spesso, tende a tagliare fuori o a rendere ancora più complessa una vita che sicuramente è già meno semplice di altre».

Poi Francesco ha cominciato a condividere tutte le informazioni raccolte con chiunque si unisse alla sua avventura. È nato così il sito e il progetto Tommigiornale, che dà voce ad altre famiglie che affrontano simili battaglie e approfondisce argomenti di varia natura, il tutto condito da una buona dose di umorismo.

A organizzare la presentazione del libro è Eu-Brain, l’associazione no profit che ha l’obiettivo di diffondere in ambito non medico le conoscenze sulla neurologia perinatale (cioè intorno alla nascita) e di promuovere laricerca in questo ambito per migliorare lo sviluppo neurologico ideale per ogni bimbo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nel fiume e batte la testa, muore nel trasporto in ospedale

  • Le Frecce Tricolori martedì a Genova: quando e da dove vederle

  • Spesa da 150 euro all'Ipercoop, ma cerca di uscire pagandone solo 10

  • L'uomo più anziano della Liguria compie 108 anni

  • Incidente in Sopraelevata, grave scooterista: traffico bloccato

  • Coronavirus, solo 17 nuovi contagi nelle ultime ore

Torna su
GenovaToday è in caricamento