Farmaci CAR-T: attivato in Liguria il processo di certificazione per il Gaslini e il San Martino

I farmaci CAR-T non sono ancora autorizzati in Italia ma gli Studi clinici hanno dimostrato alte percentuali di risposta. Visti i risultati, Regione Liguria si è attivata con anticipo per rendere eleggibili i due Istituti di ricerca genovesi alla somministrazione di queste terapie

Un lavoro di squadra, insieme alla partecipazione a tavoli ministeriali dedicati per certificare i requisiti dei centri eleggibili all’utilizzo dei farmaci CAR-T: questo l’impegno di Alisa e Regione Liguria per garantire, anche ai pazienti liguri, l’accesso ai farmaci CAR-T, una terapia genica e personalizzata che permette di curare, con alte percentuali di successo, pazienti malati di cancro (affetti da determinate patologie), compresi quelli con prognosi più sfavorevoli.

Le cosiddette CAR-T, acronimo di chimeric antigen receptor (CAR) – T cell, sono terapie innovative altamente efficaci e ad alto costo, che rappresentano una svolta nel trattamento delle patologie emato-oncologiche. L’innovazione è rappresentata dal fatto che sono proprio gli anticorpi del paziente ad essere reingegnerizzati, con tecniche complesse, per riconoscere e combattere la malattia.

Regione Liguria e Alisa hanno partecipato a diverse tavoli ministeriali per definire i requisiti necessari e attivare tempestivamente il processo di certificazione dei centri individuati per l’utilizzo di questi farmaci che si sono dimostrati particolarmente efficaci nella cura di patologie ematologiche, quali linfomi e leucemia, anche in pazienti gravemente compromessi.

L’utilizzo di tali farmaci richiede un elevato livello di expertise e allo stesso tempo un’organizzazione che solo i centri di eccellenza possono garantire: nella nostra regione quelli individuati sono i due Istituti di ricerca: l’IRCCS-Gaslini, per quanto riguarda i pazienti pediatrici e il Policlinico San Martino, per quanto riguarda i pazienti in età adulta.

Ieri, giovedì 4 luglio, Alisa ha riunito i direttori scientifici dei due Istituti, i direttori generali, gli specialisti e il management delle aziende farmaceutiche, per codificare e facilitare percorsi orientati a favorire l’accesso a questo tipo di terapie. Presente anche la vicepresidente e assessore alla Sanità Sonia Viale che ha ringraziato e augurato buon lavoro a tutti i professionisti presenti alla riunione.

I farmaci CAR-T non sono ancora autorizzati in Italia ma gli Studi clinici, condotti in Italia e all’estero, hanno dimostrato alte percentuali di risposta anche nei pazienti che hanno già ricevuto diverse linee di trattamento. Visti i risultati, Regione Liguria si è attivata con anticipo per rendere eleggibili i due Istituti di ricerca genovesi alla somministrazione di queste terapie, appena saranno disponibili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoranti di Genova proposti dalla Guida Michelin 2020

  • Due trattorie di Genova tra le migliori in Italia, secondo la classifica di "Repubblica Sapori"

  • Tragedia in via Piacenza: uccide la moglie e si getta dal balcone

  • Coronavirus, Viale: «Negativi i test sulle persone esaminate al San Martino»

  • Pentema diventa un set per il film "Mondi Paralleli"

  • È febbraio ma sembra primavera: a Genova si fa il bagno in mare

Torna su
GenovaToday è in caricamento