Salute

Curare il singhiozzo con una cannuccia: funziona davvero?

Secondo uno studio, sorseggiare acqua attraverso uno strumento di aspirazione e deglutizione a forma di L ha curato il 92% degli attacchi

Quante volte, per bloccare il singhiozzo, abbiamo provato a bere un bicchiere d’acqua tappando il naso, a trattenere il respiro per 20 secondi, a respirare profondamente gonfiando la pancia, ma senza alcun risultato. Alcuni scienziati dicono di aver trovato una nuova ed efficace soluzione: una cannuccia speciale che attiva il diaframma e cura in maniera istantanea gli attacchi di singhiozzo.

Cos'è il sighiozzo

Il singhiozzo è una manifestazione dall'origine psicosomatica o gastrointestinale, talvolta risultato di più cause predisponenti. Quando si ha il singhiozzo (o singultus), il diaframma e i muscoli intercostali si contraggono improvvisamente. La conseguente e improvvisa presa d'aria provoca la chiusura dell'apertura tra le corde vocali (nota come glottide) generando il familiare suono “hic”, che spesso causa imbarazzo per chi lo manifesta o divertimento per i presenti.

La cannuccia anti-singhiozzo

Sono tanti i rimedi casalinghi che spesso adottiamo per cercare di interrompere il singhiozzo, ma quasi sempre sono inefficaci. Un team di scienziati afferma di aver trovato una soluzione innovativa: uno strumento di aspirazione e glutizione inspiratoria forzata, brevettato come HiccAway. Il dispositivo di plastica è una cannuccia rigida a forma di L che ha un boccaglio a un'estremità e un cappuccio regolabile con una valvola di pressione, sotto forma di un piccolo foro, dall'altro. I suoi inventori affermano che l'aspirazione forzata inspiratoria e lo strumento di deglutizione di HiccAway hanno fermato gli attacchi di singhiozzo nel 92% dei casi durante le prove. Il costo del dispositivo è 10 sterline inglesi (11,70 euro circa).

Come funziona

Le persone con il singhiozzo mettono il dispositivo in un bicchiere d'acqua e lo usano per sorseggiare. "L'idea alla base - ha affermato il Dottor Ali Seifi, Professore associato presso l'Università del Texas Health Science Center di San Antonio e coautore dello studio - è che l'aspirazione potenziata necessaria per aspirare l'acqua attraverso il dispositivo richiede che il nervo frenico inneschi una contrazione del diaframma, mentre la successiva deglutizione comporta l'attivazione del nervo vago, tra le altre cose. Poiché questi due nervi sono responsabili in primo luogo del singhiozzo, i ricercatori affermano che tenerli occupati impedisce loro di causare il fenomeno indesiderato. Funziona istantaneamente e l'effetto rimane per diverse ore". 

Lo studio e i risultati

Per valutare il dispositivo, il team ha analizzato le risposte di 249 volontari, più di due terzi dei quali hanno affermato di avere il singhiozzo almeno una volta al mese. I risultati, pubblicati sulla rivista Jama Network Open, rivelano che il dispositivo ha fermato il singhiozzo in quasi il 92% dei casi. Poco più del 90% dei partecipanti ha affermato di averlo trovato più conveniente di altri rimedi casalinghi, mentre 183 dei 203 partecipanti hanno affermato che ha dato risultati migliori. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Curare il singhiozzo con una cannuccia: funziona davvero?

GenovaToday è in caricamento