Piaggio Aero: buste con proiettili, firmate Br

Due buste con proiettili calibro 357 ed esplosivo sono state intercettate ieri pomeriggio al centro smistamento delle Poste dell'aeroporto di Genova. La lettera mette sotto accusa il piano industriale

«Se solo uno dei lavoratori della Piaggio sarà licenziato sei morto. La Piaggio deve costruire aerei di pace». Questo messaggio faceva da accompagnamento alle due buste con proiettili calibro 357 ed esplosivo intercettate ieri pomeriggio al centro smistamento delle Poste dell'aeroporto di Genova.

Le buste, destinate a due dirigenti di Piaggio Aereo, contenevano anche un volantino di minacce con il logo delle Br disegnato a penna e un foglio dattiloscritto firmato dal gruppo 'combattenti liguri Riccardo Dura', leader della colonna brigatista genovese.

La lettera mette sotto accusa il piano industriale che prevede la costruzioni di droni, definiti oggetti di guerra, il licenziamento di 400 lavoratori e alla composizione dell'azionariato con la presenza sempre più importante degli arabi e degli indiani. Della vicenda si occupa la Digos, che sta valutando l'attendibilità del messaggio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoranti di Genova proposti dalla Guida Michelin 2020

  • Referendum per il taglio dei parlamentari: come e quando si vota

  • Coronavirus, guardia alta anche in Liguria: la Regione attiva sindaci e medici di famiglia

  • Pentema diventa un set per il film "Mondi Paralleli"

  • Coronavirus, Viale: «Negativi i test sulle persone esaminate al San Martino»

  • Coronavirus, le disposizioni di Trenitalia: «Rimborso in bonus a chi rinuncia al viaggio»

Torna su
GenovaToday è in caricamento