Voltri, proseguono i lavori per la piscina Mameli: fine lavori nel 2022

Sopralluogo in cantiere dell’assessore comunale ai lavori pubblici Pietro Piciocchi, insieme con il governatore Toti e il presidente del municipio ponente Claudio Chiarotti

Aperto a febbraio, il cantiere per la riqualificazione della piscina Nicola Mameli di Voltri ha subìto una battuta d’arresto causa emergenza coronavirus, ma i lavori sono ormai ripartiti e le ruspe sono tornare in azione.

Mercoledì mattina l’assessore comunale ai Lavori Pubblici, Pietro Piciocchi, ha effettuato un sopralluogo insieme con il presidente di municipio, Claudio Chiarotti, proprio per osservare da vicino l’avanzamento: qualche disagio tra polvere e rumore non è sfuggito, ma il progetto da 3,6 milione di euro ricavati dal patto per la città è finalizzato a ottenere l’omologazione del Coni in modo da poter ospitare gare di pallanuoto A1 maschile e gare di nuoto sui 25 m, entrambe a livello nazionale.

Lo stato in cui versava la Mameli aveva d'altronde suscitato più volte polemiche tra i residenti del quartiere, e con l’apertura del cantiere l’annuncio della fine lavori per la primavera del 2022 era stato accolto con favore. Dopo alcune operazioni preliminari di ridefinizione del perimetro del cantiere e di verifica delle aree occupate, i lavori sono proseguiti con la demolizione dei bordi della vecchia piscina, per aumentare leggermente le dimensioni della futura vasca e con il consolidamento del terreno di fondazione. Eseguito il consolidamento potranno essere avviate le strutture in elevazione.

Iniziati anche i lavori di restauro e risanamento conservativo del Lungomare di Pegli, nel tratto da Castello Vianson a Largo Calasetta. Il progetto prevede il completo rifacimento della pavimentazione e degli arredi, con un disegno simile a quello del tratto a Levante dislocato tra il Depuratore e Largo Calasetta, realizzato nel 2001. L’importo dei lavori è di 2.250.000 euro.

«Nonostante l’emergenza Covid l’amministrazione comunale sta cercando di rispettare il cronoprogramma per realizzare gli interventi che non soltanto la cittadinanza del ponente cittadino attendeva da tempo – dichiara l’assessore ai lavori pubblici del Comune di Genova –. Si tratta di opere importanti che trasformeranno la piscina “Nicola Mameli” in un centro sportivo all’avanguardia che potrà essere utilizzato dai cittadini e dalle società per le attività agonistiche. Il cantiere di Pegli riconsegnerà al Ponente un lungomare che aveva bisogno di un restyling e di un restauro conservativo. La nostra idea è di avere una città policentrica che sappia valorizzare le tante risorse che il territorio sa offrire».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Dopo la mareggiata che ha distrutto la passeggiata di Voltri, Regione Liguria si è immediatamente attivata stanziando 1,5 milioni di euro di fondi di protezione civile per consentire a Voltri il recupero del suo lungo mare e anche di consolidare le strutture per evitare che un domani si possa ripetere un tale problema – ha spiegato il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti - Lavori che rientrano nei finanziamenti messi a disposizione per le emergenze di protezione civile per non lasciare indietro nessun territorio e soprattutto perché per noi non esistono quartieri di serie A e di serie B. Sul Ponente genovese poi la Giunta regionale delibererà nei prossimi giorni un consistente contributo per riqualificare la ex piscina di Multedo, la Nico Sapio: 4 milioni di euro a valere sul Fondo strategico regionale. Risorse importanti che serviranno a riqualificare anche l’area circostante e a trasformare la piscina in un impianto polisportivo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, possibile "mini lockdown" in tutta Genova: «I contagi crescono ovunque»

  • Covid, tutta Genova diventa zona "ad alta attenzione": firmata la nuova ordinanza

  • Auto pirata travolge gruppo di giovani a Quezzi, 4 feriti gravi tra cui una ragazza incinta

  • Incidente a Quezzi, arrestato il pirata della strada

  • Covid, coprifuoco a Genova dalle 21 alle 6: ecco cosa si può (e non si può) fare

  • Le bucano le gomme perché lesbica, lo sfogo dell'infermiera Camilla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento