Villa Durazzo Pallavicini perde lo storico faggio

Il parco ha riaperto lo scorso 16 maggio con tutte le misure di sicurezza anti coronavirus, ma nei giorni scorsi ha dovuto dire addio a uno dei suoi “inquilini” storici

Chi ha visitato il parco di Villa Durazzo Pallavicini almeno una volta nella vita lo ricorda: il faggio pendulo, che con i suoi rami proiettava ombre sul Lago Grande e che nei giorni scorsi è morto.

A dare l’annuncio è stata la direttrice del parco, Silvana Ghigino, che ha voluto rendere omaggio a uno degli “inquilini” più longevi e caratteristici di Villa Durazzo Pallavicini: «La vita dà e la vita prende! Mentre il Parco dei Divertimenti è rinato, il primo giorno di giugno abbiamo assistito alla morte del grande faggio pendulo che si trovava sul Lago Grande - ha spiegato Ghigino - Un grande protagonista che ne è andato in silenzio stroncandosi alla base senza l'aiuto di nulla, né pioggia né vento».

A recuperare il faggio, crollato in parte nel lago, sono stati i giardinieri del parco: «In silenzio ma con grande fatica - conclude Ghigino - lo hanno fatto uscire dalla scena per sempre»

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente di caccia a Bolzaneto: muore 58enne colpito per errore

  • Travolta da uno scooter a Sant'Eusebio, muore in ospedale: «Ciao Ale»

  • All'asta le sneaker della Lidl. Anche mille euro per una taglia 38

  • Lo spettacolo della Corsica dalla Liguria: miraggio o realtà?

  • A passeggio dopo il coprifuoco: «Stiamo tornando a casa dopo una festa con amici». Multati

  • La risposta ligure alle scarpe della Lidl? Ci pensa il comico Andrea Di Marco con il Movimento Estremista Ligure

Torna su
GenovaToday è in caricamento