rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Attualità

Assoutenti: "Genova terza città d’Italia per multe autovelox"

L'associazione: "Autovelox possono diventare tassa occulta su cittadini. Sì a sicurezza stradale, no ad automobilisti usati come bancomat"

In base ai report ufficiali sui proventi delle multe stradali, Genova risulta la terza città d’Italia per i maggiori incassi ottenuti grazie agli autovelox. Lo afferma Assoutenti, che denuncia però il rischio di un utilizzo non corretto degli strumenti automatici di rilevamento della velocità.

“Con oltre 10,7 milioni di incassi nel 2022, Genova si piazza al terzo posto tra le grandi città italiane per i proventi garantiti dagli autovelox, subito dietro a Firenze e Milano, ma prima di una grande metropoli come Roma - afferma il presidente Furio Truzzi - La “cura” degli autovelox, però, non sembra fermare l’aumento degli incidenti stradali, e l’unica cosa che aumenta sono le entrate per le casse dell’amministrazione comunale.  Un interrogativo sui dati genovesi va posto, tanto più se si considera che molte multe degli autovelox provengono da due o tre direttrici al massimo della città. Una vera e propria “tassa occulta” sugli automobilisti genovesi che ci deve far riflettere e deve far riflettere l’amministrazione comunale nelle sue politiche di tutela del codice della strada”.

“Siamo favorevoli a sanzionare i cittadini scorretti e a garantire la sicurezza stradale, ma gli automobilisti non devono essere utilizzati come bancomat per aumentare le entrate dei comuni”, conclude Truzzi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assoutenti: "Genova terza città d’Italia per multe autovelox"

GenovaToday è in caricamento