rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Attualità

Concessioni balneari, summit coi ministri per un testo condiviso

Il 4 gennaio a Roma si è aperto un tavolo tecnico con i ministri del turismo e dello sviluppo economico insieme alle associazioni di categoria, per discutere di una riforma organica della disciplina delle concessioni balneari

Martedì 4 gennaio nelle stanze romane del Ministero del turismo, si sono incontrati i ministri del turismo, dello sviluppo economico e le associazioni di categoria per individuare una soluzione condivisa sulla riforma delle concessioni demaniali. Un incontro più volte chiesto da imprenditori e Regioni, che si è concretizzato in un tavolo tecnico-politico per affrontare la questione.

Con la sentenza del 9 novembre 2021 il Consiglio di Stato ha stabilito che tutte le concessioni balneari scadranno il 31 dicembre 2023 e dal gennaio dell'anno successivo le aree demaniali costiere dovranno essere affidate attraverso procedure di gara pubbliche. I giudici amministrativi hanno applicato la direttiva Bolkestein, che disciplina la libera concorrenza nel mercato comunitario.

L'assessore ligure Scajola e il governatore Toti nelle ultime settimane del 2021 hanno rivolto numerosi appelli al Governo e al Parlamento chiedendo un intervento normativo per disciplinare integralmente la materia delle concessioni e venire incontro alle esigenze degli imprenditori del settore.

La prima risposta dell'esecutivo è arrivata ad inizio 2022 con la riunione al Ministero del Turismo, cui hanno partecipato i ministri Massimo Garavaglia, del turismo, e Giancarlo Giorgetti, dello sviluppo economico, oltre ai tecnici del Ministero degli Affari Regionali. Un incontro che ha l'obiettivo dichiarato di definire rapidamente una soluzione per dare sicurezza agli imprenditori e uscire dall'attuale clima di incertezza.

Il ministro Garavaglia ha proposto l'istituzione di un gruppo di lavoro ristretto che si riunisca già all’inizio della prossima settimana, per arrivare in tempi brevi ad una prima bozza di un testo di legge condiviso, che riesca a contemperare le garanzie del libero mercato con le legittime aspettative degli imprenditori balneari.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Concessioni balneari, summit coi ministri per un testo condiviso

GenovaToday è in caricamento