Attualità

Sestri Ponente, grazie ai volontari rinasce l’antico sentiero di Cassinelle

Sopralluogo di assessori comunali e del presidente di Municipio per la riqualificazione del tracciato che si snoda nell’entroterra e porta all’abbazia

Restyling quasi completato per l’antico sentiero di Cassinelle, il tracciato che si snoda nell’entroterra di Sestri Ponente arrivando sino al piazzale dell’abbazia di Cassinelle.

La rinascita del sentiero è firmata dai volontari dell’Asd Monte Gazzo Outdoor e sabato 23 gennaio gli assessori allo Sviluppo delle Vallate del Comune di Genova Paola Bordilli e all’Ambiente Matteo Campora, accompagnati dal presidente del Municipio Medio Ponente, Mario Bianchi, faranno un sopralluogo al sentiero in concomitanza con l’avvio dei lavori di pulizia, da parte dei volontari coadiuvati dai ragazzi del gruppo scout Agesci Ge54 Sestri Ponente, con il supporto logistico di Amiu Genova, del piazzale dell’Abbazia di Cassinelle, la cui edificazione risale al XIII secolo.

Il percorso ripristinato si snoda su un itinerario di 3,5 chilometri, con tratti panoramici sulla costa di ponente, boschi di castagni e querce. A metà del percorso si trova l’Abbazia trecentesca di Cassinelle, che nella sua storia è stata Commenda dei Fieschi, tra il XVI e il XVIII secolo, e poi appartenuta alla famiglia Grimaldi, i reali del Principato di Monaco.

Il completamento dei lavori di pulizia è previsto per fine marzo, in concomitanza con l’arrivo della buona stagione. La Asd Monte Gazzo Outdoor ha già ripristinato il sentiero per bikers e camminatori che scende dalla Colla del Tejolo e arriva nella zona Panigaro, sopra Sestri Ponente.

«Il recupero rappresenta una proficua forma di collaborazione per restituire ai genovesi e non tesori come l’Abbazia di Cassinelle - ha spiegato Paolo Persich presidente dell’Asd Monte Gazzo Outdoor - Si tratta di un dovere imprescindibile di cittadini e amministratori sia dal punto di vista culturale sia ambientale, perché il ripristino degli antichi sentieri, insieme alla bonifica e pulizia dei boschi, è indispensabile per il contrasto al degrado del territorio e la prevenzione del dissesto idrogeologico. Monte Gazzo Outdoor è fondatrice assieme ad altre 10 associazioni genovesi del Consorzio Zena Trailbuilders, che offre alle istituzioni la possibilità di coordinare gruppi di volontari e di presidiare costantemente l’intera rete sentieristica della città metropolitana e fare in modo che eventi analoghi si possano replicare anche in altre zone della Città Metropolitana, ponendo le basi per far diventare Genova Capitale Italiana dell’outdoor anche in vista di Genova 2024 capitale dello Sport».

«Ringraziamo i volontari che da un anno sono impegnati nella pulizia del sentiero, che sarà così interamente restituito alla collettività e a tutti i genovesi che vogliano riscoprire i luoghi della nostra storia, a contatto con la natura, a pochi passi da casa - è stato il commento degli assessori Bordilli e Campora - La nostra amministrazione vuole valorizzare al massimo l’impegno civico svolto dalle associazioni del territorio che operano con passione e grande senso di responsabilità nell’impegno per l’ambiente, difesa del territorio, riscoperta di antichi percorsi delle nostre vallate, contribuendo fattivamente a mantenere vivo il ricordo della nostra storia e delle nostre tradizioni».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sestri Ponente, grazie ai volontari rinasce l’antico sentiero di Cassinelle

GenovaToday è in caricamento