rotate-mobile
Attualità

Scoperto un circuito cerebrale con cui riconosciamo le emozioni

Questi risultati potrebbero gettare le basi per capire perché, in condizioni come autismo o schizofrenia, tale capacità è alterata e aiutare nella realizzazione di future strategie terapeutiche

Il gruppo di ricerca Genetics of Cognition coordinato da Francesco Papaleo dell'Istituto Italiano di Tecnologia (Iit) ha scoperto un circuito cerebrale utilizzato da animali ed esseri umani per riconoscere le emozioni di altri esemplari. Questi risultati, pubblicati sulla rivista Nature Neuroscience, potrebbero essere utilizzati per sviluppare nuove strategie terapeutiche più efficaci per intervenire in quelle condizioni del neurosviluppo, come la schizofrenia o l'autismo, in cui tali funzioni sociali sono alterate.

Riconoscere e rispondere in maniera adeguata alle emozioni altrui è una capacità fondamentale in tutto il mondo animale poiché permette di interagire in maniera efficace con i propri simili, aumentando le probabilità di sopravvivenza. Malgrado la sua importanza, anche per gli esseri umani, i meccanismi cerebrali con cui avviene questo processo restano perlopiù ignoti.

Durante test preclinici, attraverso tecniche all'avanguardia per lo studio del cervello, il team di Francesco Papaleo ha scoperto un circuito cerebrale, mai stato studiato in precedenza, implicato in questi processi cognitivi. Questo circuito è costituito da un gruppo di neuroni, che collega due aree del cervello piuttosto distanti tra loro: la corteccia prefrontale e la corteccia retrospleniale.

Nell'essere umano la funzione di questa connessione è stata verificata attraverso un esperimento, che ha coinvolto più di 1000 partecipanti su base volontaria. Ogni soggetto doveva fissare uno schermo su cui venivano proiettati oggetti o facce con espressione arrabbiata, felice o neutra. Durante questo test, il partecipante veniva sottoposto a risonanza magnetica, per capire quali zone del cervello venivano attivate. I risultati hanno confermato una correlazione tra le suddette aree del cervello solo durante il riconoscimento delle emozioni positive e negative.

"Siamo entusiasti dei risultati ottenuti perché costituiscono un primo passo verso la comprensione dei differenti circuiti cerebrali con cui il nostro cervello riesce a codificare e farci reagire alle emozioni altrui - afferma Francesco Papaleo, coordinatore del laboratorio Genetics of Cognition - vorremo avere una visione più ampia del funzionamento di questi meccanismi anche per capire come siano alterati in patologie psichiatriche e del neurosviluppo".

"Attualmente i farmaci assunti per il trattamento di condizioni del neurosviluppo non sono selettivi, interessando molti tipi di neuroni senza fare distinzione - afferma Anna Monai, ricercatrice del laboratorio Genetics of Cognition - l'idea è quella di sviluppare strategie terapeutiche mirate verso specifici circuiti cerebrali, in modo da diminuire gli effetti collaterali, aumentando al contempo l'efficacia del trattamento".

Lo studio è stato condotto in collaborazione con il laboratorio Functional Neuroimaging coordinato da Alessandro Gozzi del Center for Neuroscience and Cognitive Systems Iit di Rovereto, con il laboratorio Optical Approaches to Brain Function coordinato da Tommaso Fellin del Center for Human Technologies Iit di Genova, con il Department of Biomedical and Biotechnological Sciences dell'Università di Catania, e con il Centre for Population Neuroscience and Stratified Medicine, Institute for Science and Technology of Brain-inspired Intelligence della Fudan University (Shangai).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scoperto un circuito cerebrale con cui riconosciamo le emozioni

GenovaToday è in caricamento