Festival di Sanremo, vince Diodato. Toti: «Trionfo della Liguria»

Il governatore, che ha voluto dedicare la 70esima edizione della kermesse ai lavoratori del cantiere del nuovo ponte, si è detto molto soddisfatto del modo in cui la regione ha potuto mostrare le sue bellezze

Alla fine ha vinto il “cuore rumoroso” di Diodato, quella canzone che invita a “fare rumore, che non lo posso sopportare questo silenzio innaturale”, ma a trionfare, nella settantesima (e decisamente movimentata) edizione del Festival di Sanremo, è stata anche la Liguria, che attraverso lo storico palco ha potuto mostrare le sue bellezze e le sue eccellenze.

A sottolinearlo è il governatore ligure, Giovanni Toti, che nella serata finale ha preso posto in platea insieme con la moglie Siria e che ha chiesto, di comune accordo con il sindaco di Genova, Marco Bucci, di dedicare il Festival ai mille lavoratori che giorno e notte sono impegnati nel capoluogo ligure nella realizzazione  del nuovo viadotto progettato dall’architetto Renzo Piano: «I lavori si completeranno entro la primavera», ha ribadito il presidente della Regione. Che ha avuto anche un ruolo particolare nel corso della kermesse, premiando il vincitore delle Nuove Proposte, Leo Gassman, e la piccola Rita Longordo, vincitrice dell’ultimo Zecchino d’oro, con il premio in filigrana di Campoligure raffigurante la Lanterna di Genova.

«Un riconoscimento meritato a due artisti di grande talento - ha detto Toti - La lanterna di Genova, un simbolo, attraverso cui passa anche la promozione del nostro territorio». Al Palsafiori, in casa Liguria, Toti ha inoltre premiato Massimo Morini, direttore d’orchestra e direttore tecnico al Festival da 30 edizioni, oltre che leader dei Buio Pesto, con un riconoscimento alla carriera. 

Tra le altre eccellenze liguri premiate anche Marco Sentieri e Tecla, che hanno ricevuto i Soundies Music Award per le clip che hanno reso omaggio alla città di Sanremo e alla Liguria. Raccontata anche attraverso il video realizzato dall’Agenzia di promozione turistica “In Liguria”, trasmesso per tutte le sere del Festival, che aveva per protagonisti l’Orchestra del Teatro di Genova Carlo Felice e le località che si susseguono da Portovenere a Cervo.

«È stato un grande Festival, che ci ha fatto cantare, sorridere, commuovere e ha portato tanti messaggi importanti nelle case di milioni di telespettatori - ha detto Toti, che nella finalissima è stato coinvolto da Fiorello in un siparietto con Autotune - E noi siamo felici di esserci stati, con la forza, la bellezza e il coraggio della nostra Liguria».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ruba smartphone a mamma con neonato sul bus, poi la prende a pugni

  • Coronavirus, da domenica la Liguria torna in zona gialla

  • Liguria verso zona gialla, ma gli spostamenti fuori regione restano in forse

  • Perdono entrambi i genitori nel giro di un anno: mobilitazione per aiutare due fratelli di Quezzi

  • Antiche tradizioni: cos'è il "ragno genovese"?

  • Covid, Toti propone la "zona bianca”. E sul Natale: «Più libertà e qualche sacrificio dopo»

Torna su
GenovaToday è in caricamento