Attualità Sampierdarena / Via Currò

Via Currò, area verde tra topi e degrado da 15 anni: il Comune si impegna a risolvere la situazione

Il consigliere Davide Rossi: «L’area sulle alture di Sampierdarena sarebbe dovuta diventare un parcheggio per i residenti ma nel frattempo la ditta che doveva curare il cantiere è fallita. Oggi lo spazio è totalmente abbandonato. Sono soddisfatto della presa in carico da parte dell’assessore Cenci che monitorerà la situazione al fine di risolverla una volta per tutte»

Foto d'archivio

«Da circa 15 anni che mi interesso dell’area verde di Via Currò, abbandonata dalla dismissione della vecchia fabbrica presente». Il consigliere comunale Davide Rossi, vice capogruppo della Lega a Genova, ha presentato un'interpellanza in consiglio comunale per cercare di capire dall'amministrazione quali potranno essere gli scenari per una zona che da molti anni versa in una condizione di degrado, causando molte proteste da parte degli abitanti. 

«L’area sulle alture di Sampierdarena - prosegue Davide Rossi - , sarebbe dovuta diventare un parcheggio per i residenti ma nel frattempo la ditta che doveva curare il cantiere è fallita. Oggi questo spazio è totalmente abbandonato, infestato dai topi e gli abitanti vorrebbero finalmente saperne quale sarà il futuro. Sono soddisfatto della presa in carico da parte dell’assessore Cenci che per conto della civica amministrazione monitorerà la situazione al fine di risolverla una volta per tutte».

L'assessore Simonetta Cenci ha risposto così in aula: «In seguito alle segnalazioni gli uffici competenti sono andati a fare un sopralluogo il 9 aprile evidenziando una situazione simile a quella dell'anno precedente. Verso via Currò, nel tratto a valle, i tecnici hanno verificato che è presente un ristagno di acqua probabilmente dovuto a infiltrazioni di condotte dalla via adiacente e dall'impermealizzazione non terminata della compertura del parcheggio che non permette il deflusso delle acque piovane. Non sembrano invece esserci perdite dagli scarichi fognari».

«L'area è recintata correttamente - ha aggiunto l'assessore Cenci - mentre l'ufficio animali ha comunicato che già dal mese di luglio del 2020 sono stati effettuati interventi per l'occlusione delle tane dei topi e che sono stati rabboccati gli erogatori di esche per far contrastare la presenza dei muridi».

«La ditta proprietaria dell'area che avrebbe dovuto realizzare il parcheggio -  ha concluso l'assessore - è in fallimento ed è quindi scattato il pignoramento. Il 25 maggio ci sarà un'asta pubblica ma ipotizziamo che possa andare deserta. Sarà comunque nostra cura verificare tutte le possibilità per una futura sistemazione definitiva dell'area».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Currò, area verde tra topi e degrado da 15 anni: il Comune si impegna a risolvere la situazione

GenovaToday è in caricamento