rotate-mobile
Venerdì, 9 Dicembre 2022
Attualità

La nazionale di rugby al Ferraris sfida i campioni del mondo: la partita e gli eventi collaterali

Una settimana di eventi che consentirà anche di ricordare la figura di Marco Bollesan

La Nazionale Italiana Rugby torna a Genova, il prossimo 19 novembre, per giocare allo stadio Luigi Ferraris contro il Sudafrica, team campione del mondo in carica.

Una sfida appassionante quella che attende gli Azzurri del ct Kieran Crowley: l’appuntamento conclude le Autumn Nations Series 2022, rinnova e consolida il lungo legame tra Genova e l’Italrugby, un rapporto che risale al primo test-match disputato nel capoluogo ligure nel 1935 e che, nei primi anni 2000, ha visto a più riprese la Nazionale sfidare le grandi potenze dell’Emisfero Sud sul prato del Ferraris.

Un mese prima del match (che Genova ha già ospitato nel 2001) l’amministrazione comunale di Genova ha dato il benvenuto a palazzo Tursi a una delegazione della nazionale.

"C’è un legame strettissimo che ci lega a Genova - ha dichiarato il presidente della Federazione Italiana Rugby Marzio Innocenti, che sul prato del vecchio Ferraris aveva guidato l’Italia in uno storico test-match contro l’Unione Sovietica datato 1986 -. Un legame di partite emozionanti e indimenticabili che hanno visto protagonista la nostra Nazionale, ma soprattutto uomini e giocatori straordinari. Nel 2000, contro gli All Blacks, il Ferraris registrò il tutto esaurito e venne battuto il record di incassi per un incontro internazionale nel nostro Paese. Oggi, 22 anni dopo, per la partita contro il Sudafrica, sappiamo già di poter contare su una cornice di pubblico in linea con il prestigio della partita, dell’avversario, della tradizione che rende Genova una delle case dell’Italrugby".

Gli eventi collaterali e il ricordo di Marco Bollesan

Ottanta minuti di grande spettacolo sportivo ma non solo, poiché - con la collaborazione del Comune di Genova - arriverà una settimana di eventi collaterali che ci traghetteranno verso la partita e che consentiranno di ricordare la figura di Marco Bollesan, genovese d’adozione, scomparso lo scorso anno dopo una straordinaria e indimenticabile carriera prima da giocatore e poi da allenatore della Nazionale. 

"Bollesan ha rappresentato e rappresenta, per tutti i rugbisti italiani e per me in particolare l’incarnazione di tutti i valori di cui il nostro sport è ambasciatore. A cinquant’anni da quel tour sudafricano che Marco volle fortemente in piena apartheid, non potrebbe esserci luogo diverso e migliore della sua Genova per rendere omaggio la sua figura insieme alla grande famiglia del rugby italiano" conclude Innocenti. 

Genova casa dell'Italrugby

Pierre Bruno, ala genovese in forza alla franchigia federale delle Zebre Parma, 4 presenze in Nazionale dopo il debutto contro l’Uruguay dell’autunno scorso, ha partecipato a sua volta alla conferenza a Tursi dopo essere stato convocato dal ct Crowley per le Autumn Nations Series: "A livello personale - dice - l’obiettivo è meritare la selezione nel XV titolare per la partita contro il Sudafrica: sarebbe un sogno poter scendere in campo davanti alla mia famiglia, ai miei amici, a chi mi ha fatto conoscere il rugby nello stadio della mia città, affrontando i campioni del mondo. Sarà mio compito convincere il ct e tutto lo staff a darmi fiducia, ma prima dobbiamo concentrarci sulla gara con Samoa e su quella con l’Australia per continuare nel percorso di crescita che abbiamo intrapreso, come Nazionale, nell’ultimo anno". 

"Genova è orgogliosa di ospitare una sfida così prestigiosa - ha detto il sindaco Marco Bucci - Un evento molto sentito dai cittadini, la risposta in termini di biglietti venduti a un mese dalla partita ne è la prova. Sono certo che il 19 novembre il Ferraris riserverà una grandissima accoglienza agli Azzurri. Oltre a una grande giornata di sport, Italia-Sudafrica rappresenta un’ottima vetrina per la città con gli occhi della stampa sportiva internazionale puntati su Genova. Inizia il contro alla rovescia: il grande rugby è pronto a tornare al Ferraris". 

"Siamo onorati e orgogliosi di ospitare la nazionale italiana di Rugby – afferma il presidente della Regione Giovanni Toti - che tornerà al Ferraris dopo 8 anni di assenza. La Liguria ha un forte legame con questo sport, soprattutto grazie al grande campione Marco Bollesan. Il ritorno degli Azzurri del Rugby a Genova sarà un grande momento di sport, con il Ferraris che è già quasi tutto esaurito, per celebrare il coraggio, l’impegno, la passione, valori fondamentali anche nella vita".

"Il test-match dell’Italrugby - dice l’assessore allo Sport Alessandra Bianchi - sarà il primo appuntamento internazionale che proietta Genova verso il 2024, quando sarà la Capitale europea dello Sport, con il giro di boa, nella preparazione della nostra città sul palcoscenico internazionale degli eventi di grande portata, già nel 2023, con l’arrivo a fine giugno di The Ocean Race-The grand Finale quando Genova sarà la capitale degli sport del mare e della nautica".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La nazionale di rugby al Ferraris sfida i campioni del mondo: la partita e gli eventi collaterali

GenovaToday è in caricamento