rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Attualità

Recensioni 'fake', la Regione Liguria scrive a Google

Dopo il caso sollevato da GenovaToday: "Ritengo doveroso – dice l’assessore al Turismo della Regione – tutelare l’immagine di importanti aziende di una categoria che molto ha patito a causa del covid e che si vede danneggiata da azioni che appaiono scorrette e fraudolente"

"Regione Liguria vuole tutelare l’immagine delle aziende della ristorazione presenti sul territorio ligure danneggiate da falsi profili da cui sarebbero partite recensioni negative e per questo scrive a Google Italia affinché verifichi la veridicità delle recensioni": dopo il caso sollevato da GenovaToday, l’assessore regionale al Turismo Gianni Berrino ha manifestato l'intenzione di scrivere all'azienda dopo essere venuto a conoscenza delle recensioni negative ai danni di importanti e rinomati ristoranti della Liguria.

"Ritengo doveroso – dice l’assessore al Turismo – tutelare l’immagine di importanti aziende di una categoria che molto ha patito a causa del covid e che si vede danneggiata da azioni che appaiono scorrette e fraudolente. Ferma restando la piena liberta di scrivere i pareri e le recensioni che ognuno vuole, mi pare che in questo caso si tratti di parere ‘falsi’ e quindi di un’azione con finalità oscure che penso sia nell’interesse di tutti condannare".

L’assessore ribadisce che "è fondamentale che Google ponga rimedio, verificando, per quanto possibile, la veridicità delle recensioni, nell’interesse delle singole attività, ma anche per l’immagine generale della Regione, per quale Istituzioni e imprenditori stanno lavorando".

Il caso di due ristoratori genovesi: "Due euro in beneficenza per ogni messaggio falso" 

Una 'pioggia' di messaggi negativi sgrammaticati, scritti in inglese stentato, da persone con nomi stranieri, postati a notte fonda, contenenti spesso informazioni errate anche sulla tipologia di servizio offerto (come recensioni sui sandwich in ristoranti che non hanno panini nel menu). Questa la brutta sorpresa che si sono trovati alcuni ristoranti genovesi nello spazio dedicato alle recensioni di Google: la valanga di post sospetti, che da qualche settimana colpisce ristoranti in maniera casuale, non è solo fastidiosa ma anche dannosa perché abbassa il punteggio dei locali.

Due ristoranti genovesi, "Voltalacarta" di via Assarotti e "La voglia matta" di Voltri, hanno deciso di prenderla con filosofia: "Per ogni falsa recensione doniamo due euro all'Associazione Malattie Reumatiche Infantili dell'ospedale Gaslini di Genova". Altri ristoratori invece stanno preparando una class action.

Schermata 2022-05-17 alle 12.57.00-3

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Recensioni 'fake', la Regione Liguria scrive a Google

GenovaToday è in caricamento