Processionaria, primi avvistamenti in città: i consigli del veterinario

Primi avvistamenti di nidi, in anticipo rispetto agli anni scorsi, con conseguente apertura e caduta degli insetti a terra. Il primo caso è stato segnalato nel quartiere di Marassi, ma si avvicina il periodo "caldo" del fenomeno

Primi avvistamenti di nidi di processionaria, in anticipo rispetto agli anni scorsi, con conseguente apertura e caduta degli insetti a terra. Il primo caso è stato segnalato nel quartiere di Marassi, ma si avvicina il periodo "caldo" del fenomeno, che raggiunge il suo apice tra inizio primavera ed estate. Per comprendere meglio di cosa si tratta e quali siano i rischi legati al contatto con questi insetti urticanti, ci siamo rivolti alla dottoressa Alessia Saccà, medico veterinario genovese.

Cos'è la processionaria

«Somo delle piccole larve di lepidotteri che nascono tra inizio primavera e prima parte dell'estate e che determinano una patologia da contatto sia per quello che riguarda gli animali che per le persone - spiega la dottoressa Saccà -. Il contatto con l'insetto determina una lesione dovuta ai peli urticanti presenti sul corpo della larva». 

«La parte pericolosa del ciclo di vita delle processionarie è la fase iniziale, quando la larva esce dai nidi che si trovano sugli alberi. Si tratta di bozzoli simili ad agglomerati di ragnatele che compaiono in autunno e che, in questo periodo, cominciano ad aprirsi favorendo la fuoriuscita delle larve. Larve che poi scendono dagli alberi in "processione" formando la classica "catenella" (da questo comportamento deriva il nome di processionarie, ndr) per andare a formare le nuove tane sottoterra e concludere il ciclo che le trasformerà in farfalle, che a loro volta nei due giorni di vita creeranno i nuovi bozzoli per la stagione successiva. In questa fase può avvenire il contatto con gli animali o con gli uomini, anche perché spesso precipitano al suolo cadendo dagli alberi».

Perchè la processionaria è pericolosa

«L'animale più esposto è ovviamente il cane - aggiunge la dottoressa Saccà - , soprattutto per la sua natura curiosa. Attirato dai movimenti delle processionarie potrebbe avvicinarsi, annusare, leccare o ingerire la larva con conseguenze molto gravi. In alcuni casi, inoltre, la processionaria può precipitare dagli alberi finendo addosso ai cani o ai loro padroni scatenando un'infiammazione».

«Il contatto - prosegue la dottoressa - è pericoloso per la presenza dei peli urticanti, che possono staccarsi anche a causa del vento. In questi peli sono presenti sia una tossina che si chiama taumetopoeina che proteine che detrminano la cascata dell'infiammazione e la liberazione dell'istamina, che provoca quindi un processo infiammatorio che può portare fino a uno shock anafilattico e a una necrosi dei tessuti».

Contatto con processionaria: i sintomi del cane

«Ipersalivazione, aumento delle dimensioni di labbra o lingua, difficoltà di deglutizione e respiratorie,  aumento della temperatura e quindi febbre sono alcuni dei sintomi che i cani presentano in caso di contatto con la processionaria - spiega ancora Alessia Saccà - e c'è anche il rischio di soffocamento dell'animale da tenere in considerazione. Il cane potrebbe quindi successivamente avere difficoltà nell'ingerire del cibo con conseguente anoressia».

Processionaria, cosa fare in caso di contatto

Cosa fare quindi in caso di contatto? «Nell'immediato bisogna sciacquare la bocca del cane con acqua, ma consiglio sempre in questo periodo di portare con sé una soluzione di acqua e bicarbonato (due chucchiai per litro d'acqua), che risulta ancora pìù efficace. Contemporaneamente si può anche somministrare una terapia cortisonica per l'edema che si viene a generare, ma è importantissimo correre al più presto dal proprio medico veterinario, in modo che possa valutare la situazione e intervenire al più presto. Se la processionaria fosse caduta sul corpo del cane è necessario rimuoverla subito, cercando però di evitare il contatto con la pelle perché urticante e pericolosa anche per l'uomo». Generalmente insorge un fastidioso eritema, che scompare dopo qualche giorno . «Esistono infine museruole specifiche - conclude la dottoressa Saccà - da utilizzare per le passeggiate nei boschi e che evitano che il cane possa annusare o ingerire processionarie, ma non esistono ovviamente prodotti che possano prevenire il contatto perché, come spiegato, non è la processionaria a cercare il contatto con il cane, ma l'animale che incuriosito dai movimenti dell'insetto finisce per entrare in contatto con lui».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Passano la notte insieme in albergo, al mattino sul conto di lei mancano 750 euro

  • Schianto in via Siffredi, muore ventenne

  • Schianto in moto a Nervi, muore ragazza di 18 anni

  • Sestri Levante: massacrato dal branco per un telefono cellulare

  • Meteo: la perturbazione cambia traiettoria, modificati gli orari dell'allerta

  • A settembre su Sky la serie con Paola Cortellesi, ambientata a Genova

Torna su
GenovaToday è in caricamento