Attualità Centro / Viale Brigata Bisagno

Pista ciclabile, le linee gialle spuntano anche nei viali della Foce

Al primo tratto, quello in corso Marconi e corso Italia, si è aggiunto un altro tratto in viale Brigata Bisagno e in viale Brigate Partigiane

Proseguono i lavori di realizzazione della nuova pista ciclabile che collegherà, una volta terminata, la Fiumara a corso Italia.

Dopo il tracciamento del primo tratto, quello in corso Marconi e corso Italia, avvenuto lo scorso fine settimana, nelle ultime ore sono comparse le linee gialle e la segnaletica anche in viale Brigate Partigiane e viale Brigate Bisagno. 

Obiettivo, arrivare nel giro di poche settimane a collegare tutta la direttrice che da Sampierdarena porta a Boccadasse passando per De Ferrari, creando un corridoio per chi usa bici - tradizionali o elettriche, ma anche scooter elettrici, monopattini e monoruota. E se moltissimi hanno apprezzato il primo tratto tracciato e la possibilità di muoversi su due ruote, non mancano perplessità sulla sicurezza della ciclabile, che essendo stata pensata come “corridoio d’emergenza”, presenta qualche criticità sul fronte convivenza con auto e scooter.

Intorno all’ora di pranzo di un caldo giovedì mattina, la pista si presentava praticamente deserta, e non sono mancati scooteristi che ne hanno percorso un tratto per “sgusciare” nel traffico. La raccomandazione è quindi sempre la stessa, ribadita non solo dalle associazioni che hanno collaborato al progetto, ma anche dal sindaco Marco Bucci: automobilisti e scooteristi devono rispettate i ciclisti, e i ciclisti devono rispettare i semafori, in un generale rispetto del Codice della Strada.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pista ciclabile, le linee gialle spuntano anche nei viali della Foce

GenovaToday è in caricamento