Attualità

Il Parco di Portofino dedica un belvedere a Frank Sinatra

Negli anni d’oro della propria carriera, “The Voice” fu un habitué dei locali portofinesi

Foto Ente Parco Portofino

Un belvedere del Parco di Portofino dedicato a Frank Sinatra. Questa l'iniziativa ufficializzata nella settimana della canzone italiana, in omaggio ai 70 anni del Festival di Sanremo e alle pagine più prestigiose della storia della musica. Intitolato alla memoria di Frank Sinatra, frequentatore assiduo della baia del jet-set internazionale, leggenda della voce e della melodia, uno dei più suggestivi punti panoramici dell’area protetta del Parco. 

Negli anni d’oro della propria carriera, “The Voice” fu un habitué dei locali portofinesi, in un’epoca in cui la celebrità era un fenomeno sostenibile e discreto: è aneddoto ormai noto che gli abitanti del luogo si guardassero bene dall’importunarlo, anche con un semplice sguardo.

«Dal Belvedere situato sulla sommità del Monte di Portofino è infatti possibile abbracciare, in un solo sguardo, il mare dei golfi Tigullio e Paradiso e l’entroterra, dove si ergono le colline di Lumarzo, che diede i natali alla madre del cantante, Natalina Garaventa», ha spiegato Paolo Donadoni, commissario straordinario dell’Ente Parco e sindaco di Santa Margherita Ligure.

Francesco Olivari, sindaco di Camogli, ha invece aggiunto:  «Con gioia il Comune di Camogli presta alla memoria di The Voice una piccola ma significativa porzione del proprio territorio, in nome della capacità di comunicare valori ed emozioni trasversali e plurali, come solo la musica riesce a fare, inserendo così un’icona mondiale nei luoghi che ospitano il Festival della Comunicazione».

Fra le canzoni interpretate da Frank Sinatra vi fu anche una cover di “Moon River”, composta da Johnny Mercer e Henry Mancini nel 1961 e parte della colonna sonora del film “Colazione da Tiffany” con Audrey Hepburn. «Saranno proprio i versi di una delle strofe più romantiche e commoventi del brano -  conclude Matteo Viacava, sindaco di Portofino - che recita Two drifters off to see the world, there’s such a lot of world to see (Due vagabondi fuori per vedere il mondo, c’è tanto del mondo da vedere) a venire incisi sulla targa del Belvedere, a perenne ricordo di uno dei più grandi miti della musica».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Parco di Portofino dedica un belvedere a Frank Sinatra

GenovaToday è in caricamento