rotate-mobile
Mercoledì, 8 Febbraio 2023
Attualità Valbisagno

No Skymetro, il comitato scrive al Comune: "Stop al progetto, si apra un confronto"

Inviata una lettera aperta per chiedere alla giunta Bucci di "fermare l'iter progettuale e aprire un approfondimento pubblico su quale sia la soluzione migliore per la Val Bisagno, considerando tutte le alternative" 

Il comitato 'Opposizione Skymetro-Val Bisagno Sostenibile', contrario al progetto di prolungamento sopraelevato della metropolitana finanziato dal ministero delle Infrastrutture e Trasporti e fortemente voluto dalla giunta Bucci, ha inviato una lettera aperta per chiedere al Comune di "fermare l'iter progettuale e di aprire un approfondimento pubblico su quale sia la soluzione migliore per la Valle, considerando tutte le alternative". 

"L’occasione per la città è incredibile - si legge nella lettera - non la si può sprecare senza realizzare l’opera migliore per rispettare la vivibilità di tutti i quartieri della Val Bisagno risolvendo i gravi problemi di traffico e mobilità. Le alternative allo SkyMetro, che costerà, da quel che capiamo, almeno 450 milioni di euro, esistono. E sono diverse. A cominciare dalle varie soluzioni che possono potenziare una linea dedicata ai bus pubblici fino ad una tramvia vicino ai percorsi vivi del quartiere, sono tutte soluzioni efficienti, a minore impatto ambientale, sociale o paesaggistico ed in grado di migliorare la vivibilità complessiva delle zone coinvolte".

"A Genova - prosegue il comitato 'Opposizione Skymetro' - stanno arrivando, per una serie di vicende, anche tragiche, una valanga di risorse economiche forse mai viste dal dopoguerra ad oggi. Contemporaneamente i percorsi di confronto con la città, di partecipazione, sono ridotti ai minimi termini. Per porre una soluzione alla situazione di grave disagio dei quartieri della Val Bisagno, la strada da fare era, a nostro avviso, creare un percorso di condivisione con gli abitanti e le attività economiche del quartiere di informazioni essenziali, quali il tipo, la quantità e i tempi del traffico, la conformazione orografica e urbanistica, e poi, su questi dati, innestare diverse proposte. Così si sarebbe potuto arrivare a scegliere il progetto migliore, quello che unendo sostenibilità, efficacia ed efficienza potrebbe migliorare la qualità della vita complessiva per tutti gli interessati".

Secondo il comitato che si oppone al progetto lo Skymetro è una soluzione che si poggia su alcuni 'falsi miti': "Viene vista come più veloce e attuabile, ma comporta diversi aggravi per il territorio e una funzionalità minore di un ipotetico tram. Staglieno, San Gottardo, Molassana e Struppa hanno uno stile di vita che ha il disagio della mobilità e i pregi della vita di comunità sostenibile. È possibile risolvere il primo problema senza rovinare il pregio, con soluzioni diverse da un'opera impattante e poco efficace".

Tra i punti critici che vengono sottolineati dal comitato anche la mancanza di un vero confronto con i cittadini. "Questi passaggi pubblici di partecipazione non sono esistiti. Non è stata realizzata un’opera di informazione e pubblicità, non sono state previste una partecipazione quantitativa minima, accessibilità alle informazioni e trasparenza forte, la possibilità di essere coinvolti e l’ascolto di pareri, suggerimenti, idee da parte della popolazione coinvolta. Teniamo inoltre conto che la partecipazione va fatta a monte di un’opera, nella fase di pianificazione, non sui particolari secondari quando l’opera è già stata progettata e approvata. Per noi non sarà un incontro o due di presentazione del progetto, a cose definite nelle sue impostazione e scelte principali a poter essere definita 'partecipazione'. Di questa falsa partecipazione, praticamente 'pubblicità', non ne sentiamo il bisogno".

"In seguito a mancanze istituzionali come queste - si legge ancora nella lettera - nascono i comitati come il nostro. Per sopperire a una insufficienza istituzionale, per esprimere un bisogno diffuso inascoltato. A questo punto possiamo solo chiedere, con forza, che avvenga un processo di partecipazione, fermando l’iter di progetto. Poiché abbiamo visto, anche dalle ultime dichiarazioni dell’assessore Campora, che a breve saranno percorsi ulteriori passi verso la progettazione, vogliamo chiedere pubblicamente al Comune di fermare l’Iter e aprire un tavolo che esamini le numerose alternative che ci sono e che, da parte del sindaco, erano state indicate come proficue ed efficaci. L’attivismo suscitato in moltissime persone, l‘interesse mostrato da tanti cittadini, anche non del territorio direttamente coinvolto, la partecipazione ai nostri incontri e il parere di alcune importanti associazioni genovesi dimostrano come il progetto non abbia convinto tutti e che esistano molti che vorrebbero riaprire un approfondimento e confronto".

"Abbiamo già raccolto circa 1500 firme - conclude il comitato 'Opposizione Skymetro - con estremi della carta di identità e continuiamo a raccoglierne nei punti di raccolta disponibili, durante gli incontri informativi e nei banchetti che facciamo quotidianamente. Nelle prossime settimane le consegneremo al Comune auspicando che venga raccolta questa istanza, venga bloccato l'iter dell’opera e si dia inizio ad un processo di partecipazione e ascolto serio lungo tutta la Val Bisagno".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

No Skymetro, il comitato scrive al Comune: "Stop al progetto, si apra un confronto"

GenovaToday è in caricamento