Giovedì, 18 Luglio 2024
Attualità Nervi / Via Guglielmo Oberdan

Ztl Nervi: respinta la mozione dell’opposizione per la revisione del progetto

La Lista Crivello ha presentato in giunta municipale una mozione, respinta dalla maggioranza, per chiedere la revoca della nuova viabilità del quartiere. Inquinamento e perdite economiche dei commercianti tra le motivazioni del provvedimento

Un calo medio dei fatturati del 40% per la maggioranza delle attività commerciali nerviesi e l'aumento del traffico, da e per il quartiere, sono le principali ragioni che hanno spinto la lista Crivello a presentare in giunta municipale una mozione per chiedere la modifica dell’attuale assetto urbanistico di Nervi.

Dal 18 di ottobre nel quartiere è operativa la nuova circolazione stradale. Con via Oberdan percorribile a senso unico in direzione levante, la nuova Ztl tra piazza Pittaluga e l'incrocio tra viale Franchini e via Oberdan e la creazione di 50 nuovi parcheggi a disco orario e aree merci.

Un progetto che, secondo l’opposizione, penalizzerebbe gli arrivi nel quartiere con riflessi negativi sulle attività commerciali. Per questo Serena Finocchio della Lista Crivello, insieme a Pd e Gruppo Misto, ha chiesto revoca del parere positivo fornito il 5 ottobre scorso dal Comune di Genova sul nuovo progetto di viabilità a Nervi, nonché la revoca di tutti i successivi provvedimenti di attuazione.

La mozione, respinta con i voti della maggioranza, presentava dettagliate motivazioni a sostegno della richiesta di modifica dell’attuale assetto viario. Il punto principale riguarda l’impatto sulle attività commerciali della nuova viabilità, con circa il 70% dei commercianti che ha lamentato un calo del 40% nei fatturati rispetto al periodo precedente le modifiche.

In particolare l'opposizione sostiene che la nuova circolazione stradale penalizzi lo shopping nel quartiere, da una parte per la limitazione alla circolazione automobilistica e, dall’altra, per i cambiamenti alle linee Amt. Infatti adesso i pullman provenienti dal centro città non arrivano più in viale Franichini, ma svoltano in via del Commercio dove si trova il nuovo capoliena.

Un altro problema riguarda l’impatto ambientale della circolazione veicolare, infatti le code per uscire dal quartiere dovute al nuovo impianto semaforico di via Campostano incrementano i livelli di smog. Anche gli incolonnamenti che si formano in via Donato Somma, oltre a disincentivare gli arrivi a Nervi, impattano negativamente sull’inquinamento.

L’opposizione si è fatta portavoce delle lamentele di una parte importante della cittadinanza e del tessuto commerciale, preoccupato anche per il buon andamento del Natale. Durante le festività, infatti, il quartiere è meta per gli acquisti di cittadini provenienti dalla riviera e dagli altri quartieri.

Le difficoltà nella circolazione stradale e il mutamento delle linee Amt potrebbero però provocare ulteriori cali negli afflussi turistici, con danni per le attività della zona.

Sul traffico nella viabilità provinciale si è espresso anche il sindaco di Bogliasco Luca Pastorino, che ha denunciato le lunghe code che ogni mattina si generano tra Pieve Ligure, Bogliasco e Nervi a causa dei numerosi semafori installati in via Donato Somma.

La bocciatura di questa mozione fa preoseguire la sperimentazione ma provoca un ulteriore aumento della tensione in giunta municipale, le feste natalizie saranno un importante banco di prova per il futuro di questo progetto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ztl Nervi: respinta la mozione dell’opposizione per la revisione del progetto
GenovaToday è in caricamento