menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Natale: abbigliamento, tecnologia e corsi sotto l'albero dei genovesi

Se molti acquisti sono stati effettuati online, sono tornati prepotentemente di moda anche negozi e botteghe di quartiere

È arrivato Natale, e i genovesi hanno trovato sotto l'albero prevalentemente abbigliamento, tecnologia ma anche regali più originali - e utili - come corsi d'inglese: molti acquisti effettuati online ma tornano prepotentemente di moda anche i negozi di quartiere (tra cui quelli della Valpolcevera, grazie al tam tam solidale che ha convinto molti genovesi a dare una mano ai commercianti più penalizzati dal crollo del ponte Morandi).

Molto gettonati, nei giorni scorsi, anche i famosi mercatini di Natale: dal Mercatale a San Nicola, passando per piazza della Vittoria, Natalidea, Fiera del Libro e piazza Campetto, per trovare il regalo giusto soprattutto tra le proposte degli artigiani, più difficili da trovare nei negozi tradizionali.

«Tenendo conto di tutti i fattori che quest'anno giocano contro come in generale incertezza a livello politico nazionale e in particolare la situazione di Genova, tra crollo e mareggiate, il Natale non è stato così negativo come si temeva - conferma Manuela Carena, vicepresidente Federmoda Confcommercio - L'atmosfera creata in tutta la città ha aiutato molto, e negli ultimi 10, 15 giorni si è registrato un recupero. I capi e gli articoli più venduti sono borse, anelli, lingerie di seta, ma anche corsi di inglese».

E come si comportano i genovesi a tavola quest'anno? Anche in questo caso vincono negozi e botteghe di quartiere, preferiti alla grande distribuzione: «Il Natale è sempre tradizionale, e la maggior parte dei genovesi sceglie di comprare nelle botteghe - spiega Stefano Vagge, presidente di Fiesa Confesercenti e titolare di una macelleria al mercato coperto di via Isonzo - Chi viene da noi ordina cima, il ripieno per ravioli, la carne per fare il classico "tuccu" alla genovese, il cappone, e da qualche anno a questa parte abbiamo avuto sempre più richiesta per il bollito misto, quello vero, alla piemontese, con tutte le parti di carne che solo il macellaio può selezionare».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Bolzaneto, brucia un capannone: aria irrespirabile in Valpolcevera

  • Incidenti stradali

    Tris d'incidenti fra autostrada e città, coda e tre persone ferite

  • Coronavirus

    Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento