Sabato, 12 Giugno 2021
Attualità

Trasporti, la capienza dei mezzi pubblici sale all'80%: parte il monitoraggio sui bus

Il provvedimento resta in vigore sino al 31 luglio 2021 e riguarda non solo bus e metro, ma anche treni. Amt intanto avvia un programma di monitoraggio sperimentale sulla linea 3 con Hitachi

La Liguria è tra le prime regioni ad aumentare la capienza dei mezzi pubblici, diminuita per contrastare il contagio da coronavirus.

A stabilirlo è stata la Regione, con una lettera in cui ha comunicato alle prefetture, alle amministrazioni locali, alle aziende di trasporto liguri e a Trenitalia l’innalzamento del tasso di riempimento di bus, metro e treni dal 50 all’80% sino al 31 luglio.

«Siamo la prima regione in Italia ad applicare la normativa nazionale vigente, che consente alle regioni collocate in zona bianca l'estensione della percentuale di riempimento del mezzi all'80%- ha spiegato l'assessore ai Trasporti, Gianni Berrino- inoltre, con il progressivo passaggio in zona bianca delle regioni confinanti, potremo contare anche sui collegamenti interregionali con la medesima percentuale di capienza, a tutto vantaggio del comparto turistico: un ulteriore passo verso la normalità".

Amt ha annunciato in concomitanza di avere avviato un programma di monitoraggio in tempo reale dei mezzi stringendo un accordo con Hitachi Rail: la sperimentazione sarà attiva fino a marzo 2022 su 11 mezzi della linea 3, una tratta che conta 49 fermate. Il sistema si appoggerà per la rilevazione di molti dati sull’infrastruttura esistente Si.Mon., sviluppata da Leonardo per controllare in tempo reale la situazione sui mezzi pubblici, e consentirà di rilevare eventuali sovraffollamenti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trasporti, la capienza dei mezzi pubblici sale all'80%: parte il monitoraggio sui bus

GenovaToday è in caricamento