Attualità

Maturità, tutto pronto per la prima prova: il toto-tracce e la campagna anti fake news della polizia

Secondo i dati della polizia, quasi 1 studente su 4 è convinto che durante le prove scritte gli smartphone si possano tenere con sé in postazione

Al via mercoledì 19 giugno l'esame di Stato per gli studenti all'ultimo anno di licei, istituti tecnici e professionali anche a Genova. Si parte alle 8,30 con la prima prova, il tema di italiano, comune a tutti gli indirizzi.

Ed è già da un po' che impazza il toto-tracce, per capire quali temi potrebbero affrontare gli alunni coinvolti in questa maturità. A essere quotati sulla base di ricorrenze, attualità e suggestioni (occorre ricordare che non ci sono né possono esserci suggerimenti "ufficiali" o sicuri) D'Annunzio e Pirandello, Ungaretti e Montale, e poi l'attualità con il conflitto tra Israele e Palestina, l'intelligenza artificiale ma anche ricorrenze storiche come il delitto Matteotti, ottant'anni fa, o la figura di Robert Oppenheimer, fisico a cui si deve la costruzione della prima bomba atomica, di cui si celebrano i 120 anni dalla nascita (e di cui si è parlato molto anche grazie al film di Cristopher Nolan vincitore di sette premi Oscar).

Si prosegue il 20 giugno con la seconda prova, che riguarda le discipline caratterizzanti i singoli percorsi di studio, ed è infine previsto il colloquio orale.

La campagna della polizia contro le "fake news" sulla maturità

Passano gli anni ma, per gli studenti che si apprestano a sostenere la maturità, il rischio di cadere in una delle tradizionali fake news sulle regole d’esame rimane altissimo. Quanto basta per alzare il livello di attenzione su possibili “bufale” legate alle regole di base che governano l’esame di Stato. Cosa che puntualmente fa la polizia postale con “Maturità al sicuro”, la campagna di sensibilizzazione svolta assieme al portale specializzato Skuola.net, che per il diciassettesimo anno consecutivo si pone proprio l’obiettivo di “smontare” le principali notizie false sull’argomento.

Quasi 1 studente su 4, ad esempio, è convinto che durante le prove scritte gli smartphone si possano tenere con sé in postazione. Quando, invece, devono essere consegnati al banco della commissione, come correttamente dimostra di sapere il 77% del campione interpellato. E se il 17% è consapevole che comunque i telefoni debbano rimanere rigorosamente spenti, il 6% pensa che si possano persino usare rischiando al massimo di essere richiamati o penalizzati in fase di correzione e non, come potrebbe avvenire, di vedere invalidato l’intero esame. La quota di coloro che potrebbero incappare in un uso scorretto dello smartphone all’esame, inoltre, aumenta del 20% rispetto all’anno precedente. Non proprio un buon viatico.

Qualcosa di simile avviene con un altro “sorvegliato speciale”: lo smartwatch. In questo caso è quasi 1 su 6 (il 17%) a pensare che l’orologio tech si possa indossare e usare tranquillamente al polso durante le prove scritte, basta che non sia connesso a Internet. Mentre il 4% è convinto che si possa usare senza alcuna limitazione anche per accedere alla Rete. Se già la prima è una credenza errata, figuriamoci la seconda, che è di fatto una pratica assolutamente vietata. Visto che l’utilizzo dello smartwatch - di qualsiasi tipologia - è inibito tanto quanto quello del telefonino, eppure complessivamente 1 su 5 è convinto del contrario.

La funzione di “Maturità al sicuro”, però, non è solo quella di informare su possibili ipotesi di infrazioni connesse alla Maturità ma anche di ricordare alcuni aspetti fondamentali del regolamento d’esame il cui mancato rispetto potrebbe portare all’esclusione: dalla necessità di presentarsi con un documento di identità a quella di non introdurre altri fogli che non siano quelli forniti dalla commissione. Senza dimenticare le fake news vere e proprie.

Circa un quarto dei maturandi (26%) è infatti convinto che la Polizia possa controllare gli smartphone “da remoto” per capire chi eventualmente sta copiando; cosa non corrispondente al vero. E addirittura quasi la metà (46%) ritiene che, durante gli esami, i membri della commissione possano perquisire i candidati, alla ricerca di oggetti proibiti. Anche in questo caso, si tratta di informazioni non corrette che vanno sfatate, invitando comunque alla prudenza, visto che i commissari d’esame, se dovessero notare manovre illegali, hanno comunque il diritto di escludere i candidati colti in “flagranza di copiato”.

Continua a leggere le notizie di GenovaToday, segui le nostre pagine Facebook e Instagram e iscriviti al nostro canale WhatsApp

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maturità, tutto pronto per la prima prova: il toto-tracce e la campagna anti fake news della polizia
GenovaToday è in caricamento