menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Passeggiata, camminata e corsa: Bucci chiarisce sull'obbligo delle mascherine

Il sindaco avvisa: la mascherina in certi casi è obbligatoria, in altri "fortemente raccomandata", ma se la situazione peggiorerà diventerà obbligatoria sempre

Mascherina “obbligatoria” e “fortemente raccomandata”: sulla questione, e sulle polemiche relative all'indossare o meno dispositivi di protezione, ha voluto fare chiarezza il sindaco Marco Bucci. Che lunedì sera, al termine della prima giornata di fase 2 e di allentamento delle misure restrittive anti contagio da coronavirus, ha avvisato i genovesi: «Non l’abbiamo messa obbligatoria sempre perché abbiamo voluto dare fiducia alla città, ma se la situazione non cambia arriveremo a metterle obbligatorie».

Il chiarimento è arrivato dopo una giornata in cui le segnalazioni su persone senza mascherine sono state molte, alcune arrivate direttamente al sindaco. Che ha ricordato che le mascherine sono obbligatorie in tutti i luoghi chiusi e in cui ci trova a contatto con altre persone, e che è “fortemente raccomandata” nelle altre occasioni, anche quando si fa attività motoria. Un "fortemente raccomandata" che non va interpretato liberamente, ma che deve essere considerato di fatto un obbligo.

«L’ordinanza dice che le mascherine e i mezzi di protezione, distanza compresa, sono assolutamente raccomandate - ha detto il sindaco - e sono obbligatorie in certe situazioni. Il che significa che chiediamo a tutti di usarle. Non abbiamo messo obbligatorie per tutti perché volevamo dare fiducia alla città, ma se la situazione non cambia arriveremo a metterle obbligatorie». 

Bucci ha chiarito quando e come la mascherina va indossata: «Se si esce di casa e si va a fare la spesa è ovvio che la mascherina è obbligatoria nel supermercato, non metterla per camminare 200 metri è un rischio inutile, però sappiamo che se una persona mantiene la distanza non ci sarebbe bisogno». Le cose cambiano se si fa attività motoria: «Se si cammina veloce e si fa attività motoria il movimento di aria è maggiore e c’è possibilità più elevata di contagio, quindi la mascherine è obbligatoria». 

Allora perché a chi corre è concesso di non usare la mascherina? «Non si può correre con mascherina, vorrei vedere chiunque a correre con una mascherina sul viso - ha concluso Bucci - ma bisogna averla con sé, magari portarla intorno al collo. Se si incontrano persone o ci si trova a una distanza che non è quella prevista, i 2 metri, allora bisogna fermarsi e mettere la mascherina».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

A Genova c'è lo scalone a cui si ispirò Hitchcock per "Vertigo"

Coronavirus

Ristorante aperto: «Siamo una mensa», ma scattano le multe

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento