Martedì, 21 Settembre 2021
Attualità Albaro

Lasciò 25 milioni di euro di eredità in beneficenza, Genova ricorderà Marisa Cavanna con una targa

Il consiglio comunale ha approvato all'unanimità una mozione che impegna sindaco e giunta a posizionare una targa in memoria della professoressa di lettere scomparsa all'età di 96 anni lo scorso mese di febbraio

Una targa in memoria di Marisa Cavanna, professoressa di lettere scomparsa all'età di 96 anni lo scorso mese di febbraio lasciando in beneficenza un'eredità di 25 milioni di euro. Il consiglio comunale di Genova, nella seduta di martedì 18 maggio 2021, ha approvato all'unanimità una mozione proposta dal gruppo di Fratelli D'Italia per posizionare una targa commemorativa nei pressi della villa di Albaro in cui visse, o in un altro luogo che possa valorizzare la figura della professoressa.

Una vita vissuta all'insegna della riservatezza e del riserbo quella di Marisa Cavanna, mai sposata e molto religiosa, dedicata all’insegnamento e all’amore per i suoi studenti, ai quali ha dedicato nel suo necrologio, scritto  di proprio pugno, un ricordo commosso e pieno di affetto.

«Grazie ai suoi insegnamenti - si legge nel testo del documento approvato - , alla sua dedizione ed alla sua guida tantissimi giovani hanno ricevuto un’educazione scolastica di eccellenza, fatta di grandi valori fondamentali utili nella vita quotidiana, che associata al grande amore con il quale è stata impartita, ha sicuramente aiutato  tutti gli studenti che hanno conosciuto la professoressa Cavanna e l’hanno avuta come insegnante, ad  affrontare le difficoltà e gli ostacoli della vita con maggior forza e consapevolezza».

«Una persona - prosegue la mozione - schiva e generosa, che ha lasciato in beneficenza una parte della sua eredità, consistente in 25 milioni di euro suddivisi tra moltissime fra Istituzioni, Associazioni e  Onlus, tra le quali gli Ospedali Gaslini e Galliera, chiedendo, come suo ultimo volere, che questi lasciti  vengano utilizzati per la ricerca e l’acquisto di apparecchiature “necessarie per le più opportune cure  degli ammalati”».

La mozione impegna quindi sindaco e giunta comunale: «A farsi promotori di un'iniziativa volta al posizionamento, presso la sua abitazione o altro luogo si  pensi possa essere di maggiore rilevanza, di una targa a memoria della professoressa, figura eccelsa ed esempio di generosità grazie alla quale Enti e Ospedali genovesi potranno portare  conforto, assistenza ed aiuto alle persone più deboli e ai malati».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lasciò 25 milioni di euro di eredità in beneficenza, Genova ricorderà Marisa Cavanna con una targa

GenovaToday è in caricamento