rotate-mobile
Attualità Nervi / Passeggiata Anita Garibaldi

La Marinella "apre" ai cani, ma sono pupazzi: nuove polemiche

Di nuovo proteste sotto un post del ristorante riaperto da pochi mesi, in seguito alla decisione di non ammettere animali negli spazi interni del locale

"Benvenuti Camilla e Hugo": così il ristorante La Marinella 1934, riaperto a gennaio sull'esclusiva passeggiata Anita Garibaldi di Nervi, ha segnalato con un post sui social la presenza di due cagnolini davanti all'ingresso, accanto al menu. Ma sono pupazzi. E nei commenti si riaccende la polemica. 

Il locale era già finito nel mirino delle critiche mesi fa, quando aveva scelto di non ammettere i cani all'interno. 

La decisione aveva scatenato le polemiche: da una parte coloro che avevano ringraziato la gestione per il divieto (“grazie per il rispetto dei clienti che non hanno piacere a pranzare e fare colazione in vicinanza di animali”), mentre dall’altra si contava un fiume ben più corposo di proteste.

"Non sono ammesse quelle cose che possono dare fastidio alla convivialità - aveva chiarito Igor Mendelevich, imprenditore che si era occupato del recupero dell'immobile, a GenovaToday -. Faccio parte della protezione animali più altre associazioni da 50 anni, amo gli animali ma se parliamo del ristorante chi può sapere se ci sono clienti che hanno paura di animali o che sono allergici al loro pelo? Se dobbiamo gestire un locale pubblico, dobbiamo fare delle scelte".

Ma adesso, l'ironia con la foto dei due cagnolini finti ha riacceso le polemiche: "Suona come una provocazione - scrive un utente - non fate entrare i cani veri nel ristorante con tanto di cartello e mettete fuori i pupazzi". La risposta è dello stesso tenore di quelle fornite a gennaio: "Rispettare tutti non è una provocazione. Amiamo gli animali e rispettiamo chi può avere allergie o fobie. Lo spirito della Marinella è la serenità e non la contrapposizione".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Marinella "apre" ai cani, ma sono pupazzi: nuove polemiche

GenovaToday è in caricamento