rotate-mobile
Lunedì, 6 Febbraio 2023
Attualità

Come rivedere la puntata di Linea Verde dedicata a Genova su Rai 1

Cosa succede ai container che arrivano al porto di Genova: le analisi negli hangar e in laboratorio, le telecamere della Rai sono entrate in un mondo "nascosto" agli occhi dei cittadini ma sempre presente per garantire la sicurezza

La puntata di Linea Verde Life andata in onda ieri su Rai Uno ha aperto con le note di Paolo Conte, nello specifico di una canzone che - nei concerti nel capoluogo ligure - ha sempre registrato applausi e standing ovation: "Genova per noi".

I conduttori, Daniela Ferolla e Marcello Masi, sono andati in giro per la città mostrando ai telespettatori alcuni aspetti di Genova incentrati sull'attività del porto: la puntata infatti era dedicata all'Agenzia delle accise, dogane e monopoli di Stato: "Le donne e gli uomini che, ogni giorno e in ogni condizione meteo, difendono le nostre frontiere e garantiscono la nostra sicurezza" dice Masi. Senza però rinunciare alle tradizioni del posto: così i due presentatori hanno approfittato della tappa genovese per assaggiare anche alcune prelibatezze liguri tra cui il minestrone, le trofie con farina di castagne, il pesto, la farinata, i confetti e altro.

È possibile rivedere la puntata su RaiPlay a questo link

Cosa succede ai container che arrivano al porto di Genova

Ma cosa succede ai container che arrivano al porto di Genova e sui quali c'è bisogno di indagare? Ferolla e Masi hanno fatto l'esempio di un trasporto appena arrivato da Roma: "Riceviamo la segnalazione dalla direzione centrale - spiega Simone Remorgida, responsabile sezione operativa territoriale - che ci riporta la necessità di effettuare un controllo approfondito sulla spedizione contenuta in questo container sbarcato da una delle tante navi. Noi ci attiviamo, contattiamo il terminale e richiediamo che il container venga immediatamente portato presso l'impianto scanner per effettuare i controlli richiesti. Questo accade ogni qualvolta che c'è necessità, ogni volta che c'è un 'alert', anche quotidianamente". 

Il container viene portato dentro un hangar che contiene macchinari di alta tecnologia e gli operatori riescono a vedere ciò che c'è all'interno. Una sorta di 'radiografia' con raggi X. Tutte le scansioni vengono poi registrate in una banca dati. Il controllo può andare bene, ma possono anche saltare fuori sorprese, come la volta in cui un container era arrivato con un carico dichiarato, e poi all'interno, dopo strati di scatoloni, erano nascoste due auto probabilmente rubate. Lo scanner è in grado di mostrare, tramite colori appositi, anche la tipologia di materiale trasportato: metallo, leghe leggere, materiali organici e così via. 

Nei laboratori chimici dell'agenzia, intanto, si analizzano alimenti per uso umano e per animali, per valuitare il dazio che verrà applicato. Il programma tv porta l'esempio del caffè: viene analizzato il contenuto di umidità (esiste un limite stabilito oltre il quale il caffé potrebbe sviluppare muffe) ma vengono controllate anche le imperfezioni dei chicchi (è importante che siano di dimensioni omogenee per la tostatura, onde evitare bruciature). Si parla poi di olio d'oliva che viene anche assaggiato e analizzato per garantirne la classificazione e la qualità, e anche di ogm nel reparto di biologia molecolare. Qui il dna viene analizzato come una sorta di "carta di identità" del prodotto per verificarne natura e purezza. E poi ancora carburante, giocattoli, vino e tanti altri prodotti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come rivedere la puntata di Linea Verde dedicata a Genova su Rai 1

GenovaToday è in caricamento