rotate-mobile
Attualità Centro Storico

La lettera dei bimbi ai residenti della Maddalena: "Aiutateci ad aver cura del sestiere"

I piccoli alunni dei nidi VicoRosa e Yoyo e del centro di aggregazione Formicaio - che hanno sede alla Maddalena - consegneranno venerdì le lettere ai residenti e si scambieranno doni

"Per questo Natale abbiamo un desiderio, poter correre e giocare nelle vie e nelle piazze in spazi sicuri e puliti, volete aiutarci a realizzare questo sogno?". Con queste parole, i bambini dei nidi VicoRosa e Yoyo e del centro di aggregazione Formicaio provano a sensibilizzare i residenti della Maddalena, una delle zone 'difficili' del centro storico. La letterina, scritta in vista delle feste di Natale, verrà consegnata agli abitanti del sestiere durante una passeggiata che si terrà domani, venerdì 16 dicembre.

Non solo, perché sempre domani i bimbi degli asili e del centro di aggregazione allestiranno speciali "angoli del dono" nella Maddalena, speciali ceste dove chi vorrà potrà prendere gratuitamente un dono prodotto dagli alunni: piccoli lavoretti, poesie, disegni, semi di gentilezza da piantare e coltivare nel quartiere. In cambio, i residenti possono lasciare un pensiero scritto, una testimonianza di chi vive quotidianamente la Maddalena. 

Successivamente partirà un mini corteo per la via, dove verranno consegnate le letterine ai residenti, ai passanti e ai commercianti, per poi ritrovarsi alla fine in piazza Cernaia per fare merenda tutti insieme e scambiarsi doni tra i vari gruppi di partecipanti.

"Ognuno può fare la sua parte per migliorare il quartiere"

La zona dove si trovano i due asili e il centro è spesso soggetta a degrado: "A volte si avverte di meno, a volte di più - dice Paola Campi, presidente della Cooperativa Sociale Mignanego che gestisce VicoRosa - ma se ognuno contribuisse a fare la sua parte, le condizioni non potrebbero che migliorare e la via sarebbe più gradevole per tutti. D'altronde l'oceano è fatto da piccole gocce. Sono piccoli gesti e siamo contenti che partano proprio dai bambini: la gentilezza è rivoluzionaria". L'iniziativa pone al centro la cosiddetta cultura del dono: "Donare - continua Campi - è un gesto di quotidiana rivoluzione, ci rende parte attiva di una comunità co-partecipante che si prende cura e rispetta la dignità di tutti e di tutte. Per costruire un welfare dal basso, disegnare relazioni resistenti, educare le nuove generazioni e trasformare pratiche occasionali in abitudini consolidate, continuative, diffuse".

L'obiettivo del progetto è incoraggiare la partecipazione, la coesione e la responsabilità sociale, chiedendo agli "adulti" di collaborare per avere spazi sicuri e puliti nei quali vivere, correre e giocare. L’iniziativa si inserisce nell’ambito del progetto nazionale Ip Ip Urrà, selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Una rete nazionale che attraversa tutto il Paese da Scampia-Napoli alla Valle Seriana, passando per Messina, Lecce, Firenze, Roma, Moncalieri, Pioltello, Lamezia Terme e arriva a Genova, dove opera la Cooperativa sociale Mignanego, partner del progetto.

Il testo della lettera ai residenti

Ecco il testo completo della lettera:

Care e cari abitanti della Maddalena,

siamo le bambine e i bambini che vivono e frequentano il sestiere, per questo Natale abbiamo un desiderio, poter correre e giocare nelle vie e nelle piazze, in spazi sicuri e puliti. Volete aiutarci a realizzare questo sogno? Noi faremo la nostra parte, a voi chiediamo di prendervi cura dello spazio che vi circonda, provando ad abbellirlo e a mantenerlo pulito. Vi ringraziamo e vi auguriamo buone feste.

Le bambine e i bambini del nido VicoRosa, del nido Yoyo e del centro di aggregazione Formicaio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La lettera dei bimbi ai residenti della Maddalena: "Aiutateci ad aver cura del sestiere"

GenovaToday è in caricamento