rotate-mobile
Attualità

Fantozzi fatto di Lego, boom di voti: ora può diventare realtà

La scena del bus al volo è stata realizzata dall'architetto genovese Giorgio Tona, la storia raccontata da GenovaToday è diventata virale in poche ore e in tre settimane il set è diventato il progetto più popolare del mondo sul portale Lego Ideas

Diecimila voti in meno di un mese. Il set Lego dedicato all'iconica scena dell'autobus preso al volo da Fantozzi ha raggiunto in tempi record l'obiettivo su Lego Ideas (a questo link). Ora potrà essere preso in considerazione dall'azienda danese e diventare un set ufficiale. Protagonista di quella che è una vera e propria opera d'arte è Giorgio Tona, architetto genovese di Quarto che ha unito due delle sue passioni ricreando la scena cult del primo film della fortunata saga inaugurata da Paolo Villaggio nel 1975. 

Architetto genovese ricostruisce Fantozzi con i Lego: "Con diecimila voti può diventare un set ufficiale"

Con circa tremila mattoncini colorati, in cinque mesi di lavoro, ha realizzato l'autobus, il palazzo che si affaccia sulla tangenziale di Roma, i balconcini e persino l'interno dell'edificio, visibile sul retro, una vera e propria 'chicca'. Immancabili, ovviamente, gli omini che rappresentano Ugo Fantozzi, la Pina, e i poveri passeggeri trascinati poi a terra dal ragioniere. Un must, che ha conquistato grandi e piccini, appassionati della saga e non solo.

Storia virale dopo l'intervista a Genova Today 

La storia è stata raccontata giovedì 1 dicembre in anteprima su GenovaToday ed è diventata presto virale, ripresa da quotidiani in ogni parte d'Italia, in circa tre settimane i voti, che erano circa 150 quando abbiamo intervistato Giorgio, si sono moltiplicati, fino ad arrivare a dicemila nella giornata di giovedì 22 dicembre 2022. Voti che sono arrivati dalla città di Genova, ovviamente, ma anche da ogni parte d'Italia e, a sorpresa, non sono mancati alcuni supporter anche dall'estero.

Giorgio Tona: "Grazie a tutti, ora la palla passa alla Lego"

"Ovviamente non mi aspettavo un successo del genere - comenta Giorgio Tona a Genova Today - ma è stata davvero una crescita esponenziale e ringrazio tutti coloro che hanno partecipato votando il mio set. Sono ovviamente contentissimo, ma ora la palla passa alla Lego. Il progetto, raggiunti i 10mila voti, è stato inserito in una ristretta selezione che verrà approfondita dagli esperti dell'azienda. Se otterrà l'approvazione diventerà un set ufficiale. Sarebbe un sogno".

Fantozzi prende il bus ricostruito con i Lego da Giorgio Tona. Foto

In poche ore è diventato il set più popolare del mondo 

In pochissime ore, infatti, il progetto caricato sul portale Lego Ideas ha scalato le posizioni di classifica, diventando il più popolare nel mondo. In questo modo è stato inserito in home page in una posizione di rilievo e ha continuaro a racimolare voti, fino a raggiungere il target necessario per essere sottoposto agli esperti dell'azienda: "Davvero incredibile - sottolinea Giorgio - perché un'idea legata sostanzialmente al cinema italiano è riuscita a varcare i confini nazionali. Come ho già dichiarato Lego Ideas è l'unico modo in cui il mio set potrà davvero essere messo in vendita, fa parte delle clausole di partecipazione alla selezione. So che non sarà facile e che le possibilità sono comunque poche, ma il fatto che abbia ottenuto tutti questi voti in poco tempo può essere un altro punto a nostro vantaggio. Incrociamo le dita".

Una passione rinata durante il lockdown

La passione per i Lego contagia grandi e piccini, ma nel caso di Giorgio Tona è stato una vera e propria riscoperta, complice il lockdown, in periodi recenti: "Giocavo con i mattoncini colorati da bambino, poi crescendo sono rimasti a prendere polvere sulle mensole. Nel periodo peggiore dell'emergenza covid ho cominciato a sistemare le vecchie scatole e ho riscoperto quanto fossero divertenti. Con i social ho cominciato a seguire diverse pagine specializzate e ho deciso di costruire qualcosa di mio. Essendo un architetto - prosegue - ho puntato su un edificio e mi è venuta in mente l'idea della scena di Fantozzi. Ho cominciato a costruire, poi ovviamente mancavano dei pezzi, mese dopo mese ne ho acquistati di nuovi fino a completare l'opera. Per me è un hobby, anche se richiede tempo libero, spazio e anche qualche investimento per l'acquisto dei pezzi mancanti. Essendomi appassionato mi sono anche iscritto all'associazione Liguria Bricks, che coinvolge tantissimi appassionati costruttori adulti".

"Anche la figlia di Paolo Villaggio ha condiviso il mio lavoro"

Una passione recente, ma con diverse soddisfazioni: "Davvero, non mi aspettavo questo successo. Tra l'altro la foto della mia opera è stata condivisa sui social anche da Elisabetta Villaggio, la figlia di Paolo. La scena del film è stato il mio primo lavoro con i Lego, poi ne ho realizzati altri di più piccoli, tra cui un set dedicato ai Pink Floyd e altri di completa fantasia, uno dei quali è stato anche premiato e si trova oggi esposto a Legoland Billund, in Danimarca". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fantozzi fatto di Lego, boom di voti: ora può diventare realtà

GenovaToday è in caricamento