rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Attualità

Inquinamento, Genova tra le peggiori città italiane per l'ossido di azoto

La centralina di corso Europa risulta la seconda peggiore (dopo quella di Palermo-Di Blasi) avendo registrato una media annuale di 51 μg/mc di ossido di azoto

Genova è tra le città italiane con il dato peggiore d'Italia per quello che riguarda le emissioni da ossido di azoto. Il dato emerge dal nuovo Report di Legambiente “Mal’aria di città. Quanto manca alle città italiane per diventare clean cities”, presentato nell'ambito di una campagna itinerante dell'associazione per porre l’attenzione sull’emergenza smog, che farà tappa a Genova il 28 febbraio e il 1°marzo con iniziative di piazza e incontri con cittadini e amministratori locali.

Nel report si fa il bilancio sulla qualità dell’aria nelle città confrontando il valore medio annuale di Pm10, Pm2.5 e N02 con i parametri suggeriti dall’Oms (ossia una media annuale inferiore a 15 microgrammi per metro cubo (μg/mc) per il Pm10, 5 (μg/mc) per il Pm2.5 e 10 μg/mc per l’N02). 

In particolare sono 17 le città con i valori più alti di polveri sottili, ovvero che superano i valori Oms per più del doppio con Alessandria che nel 2021 ha registrato una media annuale di Pm10 pari a 33 µg/mc rispetto al limite Oms di 15 µg/mc; seguita da Milano con 32 µg/mc, Brescia, Lodi, Mantova, Modena e Torino con 31 µg/mc. 11 quelle più inquinate da Pm2.5 che superano di oltre 4 volte i valori Oms con le criticità maggiori registrate a Cremona e Venezia (media annuale 24 µg/mc contro un valore Oms di 5 µg/mc) e ben 13 le città più inquinate da biossido di azoto - No2 - ovvero che superano il limite per più di tre volte con Milano e Torino in forte sofferenza. Il capoluogo lombardo nel 2021 ha registrato una media annuale di 39 µg/mc contro un valore Oms di 10 µg/mc, mentre la città di Torino (37 µg/ mc). 

Per le tre città liguri monitorate, Genova, Savona e La Spezia, si riscontra l’andamento nazionale, con miglioramenti sulle polveri sottili e una situazione ancora decisamente preoccupante per il biossido di azoto. 

Positivo il dato della Spezia che rientra tra le cinque città che hanno già raggiunto i valori previsti dall’Oms per le Pm10, le altre sono L’Aquila, Caltanissetta, Nuoro e Verbania.

Per raggiungere i valori indicati dall’Oms per le Pm10, Genova e Savona dovranno ridurre le concentrazioni d’inquinamento registrato nel 2021 rispettivamente del 13% e del 12%.

Per l’inquinamento da polveri sottili 2.5 le città liguri dovranno migliorare lo sforzo per diminuirlo. In termini percentuali rispetto ai valori del 2021, il 57% per Genova, il 52% per Savona e il 44% per La Spezia.

Per le emissioni da ossido di azoto, Genova rientra tra le città con il peggior risultato (quattordicesima tra 102 nella classifica tra le città) e la centralina di corso Europa risulta la seconda peggiore (dopo quella di Palermo-Di Blasi) avendo registrato una media annuale di 51 μg/mc di ossido di azoto, con l’indicazione dell’OMS di una media annuale inferiore a 10 μg/mc. Legambiente ricorda inoltre che "il capoluogo ligure rientra negli agglomerati interessati dalla procedura di infrazione europea per il Biossido di Azoto".

Per questo inquinante ambientale lo 'sforzo' che dovrà essere messo in campo per arrivare a una diminuzione della concentrazione che lo porti alla soglia prevista dall’Oms è pari al 66% per Genova, al 56% per La Spezia e al 43% per Savona.

"Le azioni e le politiche da mettere in campo anche in Liguria per diminuire l’inquinamento atmosferico, sono quelle che possono rendere più belle, vivibili e sicure le nostre città - dichiara Santo Grammatico, presidente Legambiente Liguria - Qualificare il trasporto pubblico locale, sottraendo spazio stradale pubblico a quello per la motorizzazione privata, con un approccio urbanistico a misura d’uomo, investire in politiche per la mobilità dolce, le pedonalizzazioni, le strade a 30 Km/h, rivedere il modello di distribuzione delle merci, rappresentano alcune delle azioni vincenti per raggiungere i traguardi indicati dall’Oms Continuiamo a ritenere infine che si debba accelerare nelle politiche di ambientalizzazione dei porti. Questi sono parte integrante del tessuto cittadino nelle tre città portuali liguri e contribuiscono all’inquinamento delle città".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inquinamento, Genova tra le peggiori città italiane per l'ossido di azoto

GenovaToday è in caricamento