Olga, dall'Uzbekistan a Genova per aprire la prima "sfuseria" dei vicoli

A 32 anni ha aperto in via Ravecca "Kilo", negozio in cui è bandito ogni imballaggio e si punta al riciclo dei contenitori e alla vendita sfusa: la storia di Olga è una storia d'amore

La scatola di cartone del dentifricio o quella della pasta, il sacchetto di plastica del riso, il flacone del detersivo: si potrebbe andare avanti all’infinito a elencare la quantità di imballaggi che racchiudono prodotti di uso comune e quotidiano, nella stragrande maggioranza dei casi superflui.

Un elenco che Olga Terchenko, 32 anni, ha iniziato a osservare con occhio prima curioso, poi critico, infine propositivo, decidendo di cambiare vita e aprire la prima “sfuseria” dei vicoli, una sorta di bazar in cui è possibile acquistare la merce a peso, senza imballaggi o scatole, utilizzando i contenitori che si hanno a casa e dando così una mano all’ambiente.

La formula di Kilo, la Sfuseria del vicolo - questo il nome del negozio aperto in via Ravecca a metà gennaio - non è certo nuova, soprattutto in città come Milano o Torino, per non parlare delle capitali europee. A Genova, però, di “sfuserie” ce ne sono poche, soprattutto in centro, e la storia di Olga non è soltanto quella di una giovane imprenditrice che ha deciso di investire nel suo sogno, ma anche di una donna che si è trasferita a Genova per amore, e che ha tanta voglia di diffondere il suo messaggio.

Dalla farina del mulino ai saponi liquidi, il mondo "green" di Olga

«Sono nata in Uzbekistan e sono cresciuta a Milano, dove per molto tempo ho lavorato in un negozio di abbigliamento firmato. Poi ho conosciuto mio marito, che fa lo spedizioniere, e ho deciso di trasferirmi con lui a Genova», sorride da dietro il bancone su cui sono disposti alzatine e barattoli pieni di dolciumi: «Me li fanno diverse pasticcerie di Genova, alcune sono vere e proprie chicche. Li vendo ovviamente sfusi, per i più golosi, e anche la farina che vendo proviene dal mulino di Sassello».

VIDEO | In via Ravecca la prima "sfuseria" dei vicoli: «Genova è pronta all'onda "green"»

Nel negozio di Olga si possono trovare saponi, detersivi, dentifrici e altri prodotti per la cura personale come shampoo, bagnoschiuma, e dischetti. E poi pasta, riso, cereali per la colazione, legumi, spezie, frutta secca, tisane. Tutto rigorosamente sfuso, pesato con la bilancia prima di essere consegnato e venduto e possibilmente di provenienza territoriale e tracciabile.

«È stato un mio percorso personale - spiega Olga - Ho iniziato togliendo le bustine di plastica, le varie bottigliette, mio marito si è ritrovato a non avere più nulla in bagno, shampoo e sapone solidi, e ho iniziato a cercare le sfuserie rendendomi conto che a Genova ce ne sono poche. Allora ho iniziato a pensare a trasformare la mia passione in un’attività, ho iniziato a cercare i fornitori, a informarmi, e alla fine eccomi qua. Ciò faccio mi riempie di amore per il mio mestiere».

«I genovesi sono pronti a questa onda ecologica»

L’obiettivo di Olga, nel selezionare ciò che vende, è in primis quello di facilitare la vita delle persone: «Chi toglie gli imballaggi è anche alla ricerca di qualcosa di semplice, e io cerco di facilitare la fruizione di determinate cose - conferma - Mi sono resa conto che togliendo al vita diventa già semplice, più bella».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il quartiere noi ha accolto benissimo, ci sono persone che passano e dicono “finalmente, ti stavo aspettando, cercavo questo negozio. I genovesi dono pronti per questa “onda” plastic-free” e per tutto ciò che può dare una mano al pianeta e la natura. E si tratta anche di rispettare il prossimo, valorizzando le piccole e medie imprese del territorio: i genovesi sono pronti per questa “onda” green».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Paola Cortellesi è Petra, l'ispettore genovese: «Il mio personaggio non fa la femminista, lo è»

  • Genovese di 98 anni trova un BFP da 100mila euro durante il lockdown: parte dei soldi alla ricerca

  • Coronavirus, caso positivo al Liceti di Rapallo, classe in quarantena

  • Coronavirus al San Martino, un'infermiera e un paziente positivi

  • 'Boom' di accessi ai pronto soccorso, ambulanze ferme al Galliera

  • Coronavirus: aumento di casi nel centro storico di Genova, ma nessun cluster

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento