Attualità

Giorno della Memoria, cerimonia a Palazzo Ducale

Il prefetto ha consegnato alla Comunità Ebraica di Genova la medaglia conferita dal Presidente della Repubblica. Fra gli interventi anche quello del giornalista Ferruccio De Bortoli, presidente onorario del Memoriale della Shoah

Anche a Genova si è celebrata oggi la giornata della memoria, che ricorre il 27 gennaio, giorno nel quale, nel 1945, le truppe sovietiche liberarono il campo di concentramento di Auschwitz. La cerimonia commemorativa si è svolta questa mattina nella sala del Maggior Consiglio di Palazzo Ducale.

La celebrazione, a cui hanno preso parte le massime autorità politiche, civili e militari della provincia e un folto pubblico di studenti nonché la Comunità Ebraica di Genova e il Centro Culturale Primo Levi, l'Istituto Ligure per la Storia della Resistenza e dell'Età Contemporanea, l'Associazione Nazionale Ex Deportati e il Goethe Institut Genua, ha preso avvio con i saluti del sindaco di Genova e della Città Metropolitana, Marco Bucci, dell'assessore regionale Ilaria Cavo e del prefetto Carmen Perrotta.

Momento centrale della cerimonia è stata l'orazione del giornalista Ferruccio De Bortoli, presidente onorario del Memoriale della Shoah di Milano.

Particolarmente suggestiva è stata, inoltre, la consegna da parte del prefetto alla Comunità Ebraica di Genova, rappresentata dal presidente Ariel dello Strologo, della Medaglia conferita dal Presidente della Repubblica per le iniziative programmate nel territorio della Città Metropolitana, segno tangibile di apprezzamento dell'impegno che le Istituzioni tutte e le Associazioni operanti su questo territorio mettono in campo nel promuovere e coltivare la memoria della Shoah.

La cerimonia è proseguita con la premiazione degli studenti degli istituti scolastici vincitori del concorso provinciale "I giovani ricordano la Shoah", che hanno presentato al pubblico le attività svolte nel corso dell'anno scolastico sul tema delle persecuzioni agli ebrei.

Molto partecipato il racconto sulla ricerca delle "pietre d'inciampo" presenti a Genova e l'illustrazione dell'antisemitismo e del razzismo nel mondo dello sport.

Nel corso della stessa celebrazione sono state, inoltre, consegnate dal prefetto di Genova le medaglie d'Onore, destinate ai cittadini italiani deportati e internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l'economia di guerra. Quest'anno l'onorificenza è stata conferita ai signori Giuseppe Alessandrini, Ercole Bellando, Giovanni Battista Canepa, Dario Gualeni, Eugenio Spinozzi, Mario Tedeschi e Giuseppe Trogi, deportati e internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l'economia di guerra.

Sono stati, infine, consegnati gli attestati di riconoscimento agli "Eredi dell'Aned", cioè a coloro che, dopo i testimoni diretti della deportazione nazista, hanno il compito di continuare a diffondere tra i giovani la conoscenza di quei tragici eventi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giorno della Memoria, cerimonia a Palazzo Ducale

GenovaToday è in caricamento