menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giornata della Fratellanza, a Matteotti il sit-in di giovani cristiani e musulmani

L’iniziativa “Fratelli Tutti” è organizzata dall’Arcidiocesi di Genova tramite l’Ufficio per l’Ecumenismo e il Dialogo e l’ufficio Migrantes e la Comunità di Sant’Egidio

Anche a Genova si celebra la prima Giornata Internazionale della Fratellanza Umana con il sit-in “Fratelli Tutti”, iniziativa promossa dall’Arcidiocesi di Genova, l’ufficio Migrantes e la Comunità di Sant’Egidio per «affermare l’urgenza della promozione di una cultura dell’incontro e del dialogo tra il mondo cristiano, quello musulmano, la cultura laica e tutte le fedi religiose».

La manifestazione si terrà giovedì alle 18 in piazza Matteotti, un momento in cui si ritroveranno giovani italiani e immigrati, autorità religiose cristiane e musulmane (tra cui il presidente del Centro culturale islamico e portavoce della comunità musulmana genovese Husein Salah) e tanti genovesi, tutti uniti dalla convinzione, come spiega la Comunità di Sant’Egidio, «che le sfide complesse del tempo presente non possano essere affrontate in modo individuale o contrapposto, ma sia necessario lavorare per costruire, a partire dalle nostre città, una nuova amicizia sociale».

La manifestazione si terrà nel rispetto delle normative vigenti, con mascherine, distanziamento sociale e in maniera statica: «Dopo l'incontro e il documento firmato con un alto rappresentante dell'Islam, il Papa ha scritto l'enciclica “Fratelli Tutti” - ha detto don Giacomo Martino, responsabile di Migrantes - Questo è il primo incontro che ci chiede di fare con i nostri fratelli musulmani. Siamo tutti invitati a partecipare e riconoscerci, ci saranno testimonianze di giovani delle due fedi, musica e il filmato di un flash mob».

La Giornata Mondiale della Fratellanza Umana

Con un'apposita risoluzione le Nazioni Unite hanno dichiarato il 4 febbraio la "Giornata Internazionale della Fraternità umana".

Il riferimento è al 4 febbraio del 2019 data della storica firma ad Abu Dhabi del “Documento sulla fratellanza umana per la pace mondiale e la convivenza comune” da parte di papa Francesco e dal Grande Imam di Al-Azhar Ahmad Al-Tayyib, una pietra miliare nei rapporti tra cristianesimo e islam, che invita «tutte le persone che portano nel cuore la fede in Dio e la fede nella fratellanza umana a unirsi e a lavorare insieme».

L'Assemblea Generale dell'Onu ha adottato la risoluzione “affinché, rinnovando la cooperazione e promuovendo la relazione tra fedi e il dialogo interculturale, contribuisca a lottare contro la pandemia di Covid-19 e ad affrontare altre sfide globali”.

Adottando la risoluzione, l'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha invitato a osservare la Giornata facendosi promotori di una cultura di pace che incoraggi sviluppo sostenibile, tolleranza, inclusione, comprensione reciproca e solidarietà in tutto il mondo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento