rotate-mobile
Attualità

Spreco alimentare, in tre anni recuperate 163 tonnellate di frutta e verdura

Almeno 120 famiglie beneficiano regolarmente dell’ortofrutta recuperato e ogni anno vengono attivati almeno 5 percorsi di inserimento lavorativo

Al Mercato Ortofrutticolo di Genova si taglia il traguardo dei 9 anni di collaborazione tra Società gestione mercato e l’associazione comunità San Benedetto al Porto nell’ambito del progetto Crea (Centro Recupero Eccedenze Alimentari) realizzato con la collaborazione del comune di Genova e il sostegno di fondazione compagnia San Paolo e fondazione Carige.

In una città dove ogni anno si buttano 10mila tonnellate di cibo ancora buono, i dati della raccolta al mercato raccontano un’esperienza in positivo. Rete Ricibo punta a una #GenovaSprecoZero e l’esperienza al mercato ortofrutticolo di Genova insegna che dove c’è la volontà di agire si ottengono risultati importanti per il bene di tutta la città.

Nonostante l’attività sia stata sospesa per i mesi del lockdown, negli ultimi tre anni sono state recuperate circa 163 tonnellate di frutta e verdura per un valore stimato di circa 330.780 euro; almeno 120 famiglie beneficiano regolarmente dell’ortofrutta recuperato e ogni anno vengono attivati almeno 5 percorsi di inserimento lavorativo per svolgere le attività di recupero alle quali partecipano più di 10 volontari.

A fine giornata i grossisti del mercato ortofrutticolo donano le eccedenze di frutta e verdura troppo mature per poter essere vendute nei giorni successivi. Queste vengono recuperate dai volontari del progetto gestito dall’associazione comunità San Benedetto e ridistribuite alle persone in stato di bisogno in 2 empori solidali. Il progetto negli anni è cresciuto, le giornate di recupero sono raddoppiate (il martedì e il venerdì).

Nel 2018, la comunità di San Benedetto è diventata la coordinatrice della rete cittadina Ricibo che mette in rete circa 70 associazioni. Queste si occupano di recupero e ridistribuzione eccedenze alimentari e ora possono beneficiare e contribuire al recupero di frutta e verdura grazie alla collaborazione di Societa gestione mercato.

La filiera recupero è tracciata attraverso una semplice app (Bringthefood), che i grossisti utilizzano anche per produrre tutta la documentazione necessaria per la donazione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spreco alimentare, in tre anni recuperate 163 tonnellate di frutta e verdura

GenovaToday è in caricamento