rotate-mobile
Domenica, 4 Dicembre 2022
Attualità

Carriera e successi di Pivio & Aldo De Scalzi diventano un docufilm: le riprese in città

Il primo ciak nella zona del porto giovedì 20 ottobre, riprese anche tra Valpolcevera, Sturla e Centro Storico. Il regista Matteo Malatesta: "Si parlerà di musica attraverso le parole di musicisti e registi, per far emergere la loro artisticità, coinvolti anche Ferzan Ozpetek, Alessandro D’Alatri, Enzo Montelenone, i Manetti Bros, Alessandro Gassmann e Valerio Mastandrea"

Ciak, si gira a Genova. Sono cominciate giovedì 20 ottobre 2022 le riprese di 'Musicanti con la pianola', titolo provvisorio di un documentario diretto da Matteo Malatesta e prodotto dalla genovese Creuza Srl che ripercorrerà gli oltre 25 anni di carriera di Pivio e Aldo De Scalzi con tanti successi, premi e nomination.

Musicanti con la pianola si gira a Genova

Le prime riprese sono iniziate a Genova nella zona del porto e di Sampierdarena, andranno avanti tra la nostra città tra Valpolcevera, Sturla e centro storico, poi proseguiranno anche tra Torino e Roma per raccontare il mondo delle colonne sonore attraverso l’esperienza dei due musicisti, affiancati per l’occasione da un cast d'eccezione. Tra gli ospiti coinvolti sul set ci saranno registi e attori come Ferzan Ozpetek, Alessandro D’Alatri, Enzo Montelenone, i Manetti Bros, Alessandro Gassmann e Valerio Mastandrea. Le riprese si concluderanno entro gennaio 2023 e il docufilm dovrebbe poi uscire entro la fine del prossimo anno. Molte delle scene saranno girate al chiuso, ma ci sarà anche modo di vedere alcune location caratteristiche di Genova, città natale di Pivio e Aldo De Scalzi. 

Il regista Matteo Malatesta spiega a Genova Today: "Un documentario che parlerà di musica attraverso le parole di musicisti e registi, per far emergere la loro artisticità. Non ci saranno, infatti, le musiche di Pivio & Aldo De Scalzi all'interno del documentario, e nemmeno spezzoni dei film in cui sono state utilizzate. Ci saranno invece delle belle chiaccherate tra di loro, con me e con i grandissimi registi con cui hanno lavorato in 25 anni di carriera, un modo diverso di ripercorrerla alla luce dei recenti successi e senza un copione ben preciso".

"Sarà una sorta di backstage - racconta ancora Malatesta - che aiuterà a capire come si rapportano i registi con la musica, come nascono i grandi film e il rapporto di confidenza che si crea nel corso degli anni tra i grandi artisti. Seguiremo alcune linee guida per affrontare le tematiche che più ci stanno a cuore, ma allo stesso tempo ci sarà molta libertà nello sviluppo del girato. Una sorta di lungo viaggio - conclude il regista - con un passaggio anche generazionale tra loro ed io, vista l'età che ci separa mi azzardo a dire come da padre in figlio".  

Oltre ai registi parteciperanno anche i collaboratori più stretti del duo, da Luca Cresta e Claudio Pacini al neo senatore Luca Pirondini, e quella di molti affermati compositori, come Pasquale Catalano, Alessandro Molinari e Giuliano Taviani. Tutti soci e attivisti di Acmf, l’Associazione fondata nel 2017 con la presidenza onoraria di Ennio Morricone, per la tutela e il diritto della musica per film e della musica applicata. 

Chi sono Pivio & Aldo De Scalzi

Pivio è il nome d'arte di Roberto Pischiutta mentre Aldo De Scalzi è il fratello di Vittorio, fondatore dei New Trolls scomparso lo scorso mese di luglio. Entrambi sono nati a Genova, il primo il 7 giugno 1958 e il secondo il 23 gennaio 1957, insieme hanno dato vita a un sodalizio artistico che si è sviluppato soprattutto nel campo della musica per film con all'attivo più di 150 colonne sonore a partire da quella composta nel 1997 per 'Il bagno turco' di Ferzan Özpetek.

La coppia ha composto, tra le altre, le colonne sonore delle serie tv 'Distretto di Polizia' e 'L'ispettore Coliandro', quest'ultima diretta dai Manetti Bros, con cui hanno collaborato assiduamente. Tra i film nati da questa collaborazione: 'Piano 17', 'L'arrivo di Wang', 'Paura 3D', 'Song'e Napule' per le cui musiche vincono nel 2014, tra gli altri, il David di Donatello, il Nastro d'argento e il Globo d'oro, il musical 'Ammore e malavita' che è valso loro due David di Donatello nel 2018 per il miglior musicista e la miglior canzone originale, due Nastri d'argento per il miglior musicista e la miglior canzone originale, due Ciak d'Oro nel 2018 per il miglior musicista e la miglior canzone originale, il Soundtrack Stars Award alla Mostra del Cinema di Venezia del 2017, il BiFest Award, l'Rdc Award, la Ciliegia d'Oro e il Premio Chioma di Berenice, ed il film del 2021 'Diabolik', per il quale hanno ottenuto la nomination al Nastro d'Argento 2022 insieme a quella per 'Il silenzio grande' di Alessandro Gassmann

Chi è Matteo Malatesta

Matteo Malatesta, classe 1987, dopo varie esperienze come videomaker in alcune radio e televisioni private genovesi, comincia nel 2015 a collaborare con alcuni artisti e musicisti dirigendo e realizzando il dvd 'Semiramis-Frazz Live', i videoclip 'Paolo Siani-Three Things', 'Alessandro Siani and Leeroy Thornhill - Black Angel's Claws Remix' e 'Pivio-Mask”. È sua la regia del documentario 'Nothin’ at all', dedicato al ritorno di Pivio sul palco come cantante dopo 35 anni di assenza. Il film è stato presentato al SeeYouSound 7 International Music Film Festival nel 2021 e premiato a Logcinema Music Film Festival di Los Angeles nello stesso anno. 

Musicanti con la pianola 02 b-2

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carriera e successi di Pivio & Aldo De Scalzi diventano un docufilm: le riprese in città

GenovaToday è in caricamento