rotate-mobile
Giovedì, 8 Dicembre 2022
Attualità parchi di nervi

Euroflora, la pioggia non ferma i visitatori. Neppure Salvini

Il maltempo non ha scoraggiato chi ha acquistato il biglietto per la giornata di mercoledì. Anche il leader della Lega è atteso nei Parchi per la visita ufficiale

La pioggia non ferma Euroflora: dopo una prima settimana all’insegna del sole e del caldo, il tenuto maltempo è alla fine arrivato, fortunatamente per gli organizzatori e per il Comune quando la soglia minima dei 200mila biglietti venduti è stata ormai superata. E chi ha acquistato il biglietto online non si è fatto scoraggiare dalle previsioni.

Già dalle prime ore di mercoledì mattina, infatti, sono state centinaia le persone che si sono messe in cosa all’ingresso di via dei Ros proteggendosi con ombrelli colorati (che ricordano molto gli addobbi comparsi in centro proprio per rendere omaggio alla kermesse floreale) per entrare nei Parchi di Nervi e vedere finalmente con i loro occhi questa “floralie” completamente rinnovata. E la giornata si preannuncia particolarmente intensa non soltanto per la visita (oggi i progettisti vincitori dei concorsi “Meraviglia nei Parchi” sono premiati ufficialmente nello Spazio Incontri Fienile) ma anche per la presenza di Matteo Salvini.

Salvini a Euroflora: «Questo governo è un parto»

Il leader della Lega è infatti arrivato a Euroflora poco dopo le 11, accompagnato dal vicecapogruppo alla Camera, Edorado Rixi. Nel pomeriggio, alle 17, si sposterà poi a Camogli per un tour nel borgo a sostegno del candidato sindaco di centrodestra, Claudio Pompei: «Erano 35 anni che non venivo ai Parchi di Nervi, conto di tornarci entro i prossimi 35 e magari portarci i bambini, è stata un'ottima scelta di Comune e Regione - ha esordito Salvini, spostando subito il discorso sulla complicata situazione politica italiana - La margherita Itala è la più resistente, datemene tante - ha ironizzato - Posso portarmela a Roma: è un parto mettere su questo governo, ma faremo tutto il possibile per dare un governo agli italiani che duri 5 anni e iniziare a occuparci dell'emergenza primaria, il lavoro. Noi ripariremo da agricoltura e turismo, settori che i precedenti hanno trascurato». Poi un'altra battuta: «Mi permetto di suggerire di trasformare il nome della manifestazione in "Italflora" prima i fiori italiani.

Tornando serio, il leader della Lega ha chiarito la sua posizione in merito a possibili alleanze per un governo in questo periodo di consultazioni: «L'unico governo possibile è quello di chi non ha perso le elezioni: continuo testardamente a escludere alleanze con Renzi, Gentiloni o Boschi, e spero che i 5 stelle abbiano capito che la coerenza non è merce da discount. Mi metto da ora umilmente a disposizione per sederci intorno a un tavolo e decidere come si vota, quando si vota e come si fanno le riforme».

Salvini ha quindi lanciato una proposta al Parlamento: «Dico oggi con certezza, rivolgendomi a tutte le forze politiche in Parlmamento: in attesa che nasca il governo, facciamo lavorare almeno le commissioni parlamentari, ci sono troppi dossier fermi. Lavoriamo, per esempio, a una normativa serie sulla legittima difesa, e a una che preveda l'eliminazione di sconti di pena per assassini e stupratori. L’unico governo possibile è quello di chi ha vinto le elezioni - ha ribadito il leader del Carroccio - E dunque quello di centrodestra e 5 stelle, su programma concordato e comprensibile. L’unica altra soluzione sono le elezioni, a breve termine e non per guadagnare tempo, anche se non è quello per cui stiamo lavorando. E lo dico anche se a noi forse converrebbe tornare al voto, vista la nostra crescita».

Allarme bomba… per una buccia di banana

Dopo la visita a Euroflora, Salvini ha scelto uno dei ristoranti allestiti all’interno dei Parchi per pranzare insieme con il governatore ligure Giovanni Toti, il deputato Edoardo Rixi e altri esponenti regionali della Lega. Qualche attimo di tensione si è vissuto quando, nel corso della visita, è scattato un allarme bomba per uno zainetto abbandonato vicino a un cassonetto della spazzatura.

Sul posto sono intervenuti artificieri, unità cinofile, Vigili del fuoco e Municipale come da procedura in casi di questo genere, e nel giro di pochi minuiti lo zaino è stato aperto ed esaminato: conteneva soltanto una bottiglietta d’acqua e una buccia di banana, ma vista anche la presenza di Salvini i controlli sono stati raddoppiati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Euroflora, la pioggia non ferma i visitatori. Neppure Salvini

GenovaToday è in caricamento