Martedì, 21 Settembre 2021
Attualità

Esselunga a San Benigno, il Tar accoglie il ricorso dei commercianti di Sampierdarena

Il Civ Fronte del Porto si era opposto davanti ai giudici amministrativi alla ridefinizione dei suoi confini. E dopo tre anni, il tribunale si è espresso in loro favore

Battuta d’arresto per il progetto della nuova Esselunga a San Benigno. Il Tar della Liguria ha infatti accolto il ricorso contro l’annullamento della perimetrazione presentato dal Civ Fronte del Porto, con conseguenze dirette sui piani di realizzazione del nuovo maxi supermercato.

Con la sentenza emanata,il tribunale amministrativo ha ripristinato la perimetrazione del Civ stabilita dalla determinazione della Direzione Sviluppo Economico dell'8 novembre 2017, che ne aveva ampliato l'estensione fino a ricomprendere anche l'area poi assegnata a Esselunga Spa per la realizzazione di una grande struttura di vendita dalla contestatissima delibera del consiglio comunale del 23 febbraio scorso.

Con la "restituzione" dell'area al Civ, l'ipermercato non può dunque essere realizzato alla luce del divieto previsto dalla legge regionale n. 1 del 2007 (art. 26 comma 3 quater), secondo la quale «laddove esista un centro integrato di via, all'interno dell'area perimetrata dal Comune, è vietato l'insediamento di grandi strutture di vendita, centri commerciali nella forma di grandi strutture di vendita, parchi commerciali, distretti commerciali tematici, polo enogastronomico, in quanto aree soggette a particolare tutela ambientale».

«È importante partire dal perché siamo arrivati al ricorso, e a questa vittoria - ha detto Massimiliano Spigno, presidente di Confesercenti Genova - Ricorrere all’autorità giudiziaria non è sicuramente un obiettivo della nostra associazione né dei Civ e degli operatori che rappresentiamo: il nostro obiettivo è, e rimane, quello di tutelare le piccole e medie imprese attraverso un dialogo a tutti i livelli istituzionali tra cui, ovviamente, le amministrazioni comunali e, in particolare, l'amministrazione della nostra amata città. In questo caso, però, eravamo stati letteralmente costretti dalle azioni del Comune di Genova a farci promotori, insieme al Civ Fronte del Porto, del ricorso che viene oggi accolto, essendoci stata preclusa ogni via di dialogo ed essendo stati messi davanti ad un fatto compiuto».

«Dopo anni di riunioni, proposte e verifiche sul campo, in una calda mattinata estiva del 2018 veniva cancellata, all'improvviso, la perimetrazione del nostro Centro integrato di via, approvata solo pochi mesi prima: un provvedimento che coglieva tutti noi di sorpresa, giungendo di punto in bianco tramite una fredda pec e senza nessuna interlocuzione preliminare - ha aggiunto Andrea Solinas, presidente del Civ Fronte del Porto - Per questo motivo, senza mai venir meno alla nostra ricerca di un dialogo fattivo e costruttivo con tutti gli interlocutori, ci siamo trovati in brevissimo tempo a dover preparare un ricorso davanti al Tar, insieme a Confesercenti e assistiti dall’avvocato Alessio Barbieri, che ringraziamo. L’accoglimento conferma, oggi, la fondatezza di tutte le nostre perplessità di allora».

La giunta Bucci aveva approvato l’annullamento della ridefinizione dei confini del Civ nel 2018, e i commercianti avevano subito presentato un ricorso cui Esselunga si era opposta. A distanza di tre anni, e dopo l’approvazione in consiglio comunale alla modifica del Puc che di fatto avvia l’iter per la realizzazione del nuovo supermercato in un’area in cui non sarebbe consentito, il tribunale amministrativo ha quindi accolto il ricorso dei commercianti, che in mattinata illustreranno nel dettaglio il provvedimento.

«Una grande vittoria per il piccolo commercio di vicinato presidio essenziale e di qualità del nostro territorio - ha detto Michele Colnaghi, presidente del Municipio Centro Est - ora se vogliono dimostrare di avere veramente a cuore la riqualificazione di quell’area comincino a pensare a qualcosa di realmente positivo per il quartiere».

«La fretta con cui la più grande variante urbanistica di questo ciclo amministrativo è stata esaminata dal Consiglio Comunale è più che sospetta - è stato il commento del gruppo consiliare del Pd - Era chiarissimo l’intento di rilasciare l’autorizzazione definitiva prima del pronunciamento della giustizia sul ricorso presentato dal CIV e da Confesercenti. Ora il Comune sospenda il procedimento, e torni finalmente a confrontarsi con i residenti e i commercianti di Sampierdarena».

Anche Coop ha presentato un ricorso contro la realizzazione di una Esselunga a San Benigno, in tempi più recenti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esselunga a San Benigno, il Tar accoglie il ricorso dei commercianti di Sampierdarena

GenovaToday è in caricamento