menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Befana 2021? In Liguria è salutista e guarda alle tradizioni locali

Secondo Coldiretti in Liguria si assiste ad un importante ritorno alle vecchie tradizioni e, soprattutto, una predilezione per la scelta di prodotti naturali

Cosa avrà portato questa notte la Befana nelle case dei genovesi?

Sicuramente, secondo i dati di Coldiretti, prodotti salutisti, km zero e "home made", possibilmente strizzando l'occhio alla tradizione ligure.

Con la pandemia e l’Italia in zona rossa torna la tradizione della calza della Befana, a livello nazionale, in oltre una casa su tre (38%). Ad una minoranza del 12% arriveranno invece altri regali ed il resto non festeggerà. È quanto emerge da un’elaborazione Coldiretti/Ixe’ per la Festa dell’Epifania al tempo del covid.

Gli effetti della pandemia

Le difficoltà economiche, il lockdown e la chiusura dei negozi hanno pesato sugli acquisti, in calo stimato del 23%, a livello nazionale, rispetto allo scorso anno, ma immancabili per concludere le feste con l’Epifania, soprattutto per i bambini, sono le leccornie, da cioccolatini, caramelle e carbone dolce, anche se la spinta provocata dall’emergenza covid verso una alimentazione più salutista contagia anche la Befana 2021 e in molte famiglie  tornano fichi, agrumi e prugne secche, nocciole, e soprattutto biscotti fatti in casa, come gli anicini liguri.

Cosa c'è nella calza dei liguri

«Un’ultima occasione di festa – affermano il Presidente di Coldiretti Liguria Gianluca Boeri e il Delegato Confederale Bruno Rivarossa – che tra calze e altri doni per grandi e piccini farà salire, a livello nazionale, a quasi 4,5 miliardi il valore dei regali acquistati durante le festività di fine ed inizio anno. Come soluzioni a km0 non si parla di aglio, peperoncino, patate e carbone che, in passato, la simpatica vecchietta era solita portare ai bambini più vivaci, ma di frutta, biscotti, miele, e altre leccornie dolci sempre più apprezzate. Nella nostra regione la tradizione della calza appesa al caminetto ha una versione ancora più antica, la "scarpa in sciö barcon", vale a dire la scarpa alla finestra, dove era usanza lasciare fuori casa una scarpetta per ricevere dolci, castagne secche, mandarini e le immancabili monete di cioccolato. Ma oggi che sia la scarpa o la calza, anche in Liguria si assiste ad un importante ritorno alle vecchie tradizioni e, soprattutto, una predilezione per la scelta di prodotti naturali che fanno bene alla salute, come ad esempio gli  agrumi ed altri frutti proposti in ogni versione, freschi, sotto forma di marmellata, come ingredienti principali di biscotti e gelée. Queste caramelle sono semplici e veloci da realizzare anche a casa, basta avere, zucchero, gelatina di pesce e, ovviamente, i vostri agrumi preferiti. Il preparare calze fai da te con ricette locali è una tendenza favorita quest’anno, oltretutto, dall’impossibilità di uscire dalle mura domestiche con la zona rossa durante le festività, che ha portato ben il 49% degli italiani a passare più tempo ai fornelli, anche preparando nuove ricette con i propri figli. Per fare una scelta più salutare, abbiamo consigliato di creare le proprie originalissime calze a km0 rivolgendosi, per gli ingredienti, direttamente alle aziende Campagna Amica Liguria, che tra miele, latte e marmellate, hanno permesso di sorprendere grandi e piccini con ricette e gusti della tradizione».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Liguria entra in zona arancione: cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento