Coronavirus, i dubbi sulle librerie aperte. Il parere dei genovesi

Dovrebbero rialzare le serrande martedì 14 aprile

Vendono il cibo dell'anima e riapriranno prima degli altri negozi. Le librerie rialzeranno le saracinesche martedì 14 aprile, non tutte però. 

La riapertura voluta dal presidente del Consiglio Conte, e che riguarderà anche cartolerie, studi professionali e negozi di abbigliamento per bambini, non trova d'accordo tutti i librai genovesi.

Non ci sta Ilaria Crotti, la titolare della libreria Falso Demetrio di via San Bernardo 67, che rimane "randagia" come scrive sul suo profilo Facebook: «Le librerie riaprono ma io continuerò a portare i libri a domicilio». Dello stesso parere anche Laura Magnani della libreria Bookowski, che continuerà a consegnare i libri usati ai propri clienti su richiesta, e Book Morning in via della Maddalena: «Come potremmo invitarvi a passare a trovarci quando, ad oggi il miglior consiglio che possiamo darvi è quello di restare a casa?», domanda la libreria ai suoi lettori, via social. 

Le librerie indipendenti contrarie hanno condiviso la petizione, che sarà inviata al governo, della Led, Librai, editori, distributori in rete; il ragionamento alla base è che la riapertura giustificherà l'uscita di casa di molte persone che si muoveranno ben oltre i duecemento metri da casa, visto che le librerie non sono così diffuse come i negozi alimentari. Alla lettera hanno aderito finora sei librai genovesi: Annamaria Cenni, Roberta Rapallino, Stefania Mangani, Nicoletta Marchese, Fabio Lingua, Book Morning; in tutta Italia le firme raccolte hanno superato le duecento unità.

Tra le grandi grandi catene, la Feltrinelli di Genova non ha ancora comunicato se riaprirà e con quali modalità e nemmeno il governatore Toti si è espresso circa la possibilità di un'ordinanza regionale che obblighi alla chiusura, la Mondadori di via Ceccardi non riaprirà invece martedì 14 aprile: «Perchè serve comunque un tempo per adeguare i locali alle nuove disposizioni in termini di sicurezza, come i vetri in plexiglass alle casse, e per sanificare i locali», fanno sapere dalla libreria. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutte aperte invece le librerie di Fabio Masi: "L'amico ritrovato" e "L'amico immaginario" oltre che de "L'ultima spiaggia" a Camogli. Orario ridotto, tutela dei dipendenti che restano in cassa integrazione ma tanta voglia di ripartire. Della stessa idea anche il Libraccio che, a Genova Today, comunica: «Seguendo tutte le indicazioni possibili riguardo distanziamenti e protezioni per il personale e per il pubblico, saremo aperti dal lunedì al sabato dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 15 alle 18 in tutti i punti vendita della Liguria. Al momento abbiamo in previsione di tenere chiuso il 25 aprile e 1 2 3 maggio».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ex Rinascente, da ottobre arriva Axpo: inaugurazione con un omaggio a Genova

  • Genoa, cinque nuovi acquisti per Maran

  • Elezioni regionali Liguria 2020, Toti oltre il 50%. Sansa: «Avventura finita»

  • Violenza sessuale in ospedale, ausiliario approfitta di una paziente in anestesia

  • Elezioni regionali, la mappa del voto a Genova

  • Coronavirus, caso positivo al Liceti di Rapallo, classe in quarantena

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento