Covid: volontari portano lasagne e dolci al San Martino

Come nei mesi di marzo e aprile, nella prima ondata dell'epidemia da coronavirus alcuni volontari ha consegnato pasti caldi ai medici e al personale sanitario dell'ospedale San Martino di Genova

Come nei mesi di marzo e aprile, nella prima ondata dell'epidemia da coronavirus alcuni volontari ha consegnato pasti caldi ai medici e al personale sanitario dell'ospedale San Martino di Genova impegnato in prima linea per far fronte all'emergenza covid.

L'ospedale ha scritto in una nota: «Siamo lieti di segnalare che nella giornata odierna l’Ospedale ha ricevuto la visita del gruppo di volontari che già a marzo si era occupato di consegnare i pasti ai medici, infermieri e oss del nostro Ospedale. Grazie al contributo in solido di Eataly e del Biscottificio Grondona (il mezzo di trasporto è stato messo a disposizione dal Gruppo GE), oggi (domenica 2 novembre, ndr) hanno portato in otto reparti (Pronto Soccorso, Laboratori, Maragliano, Malattie Infettive, 118/112, Padiglione 40, Padiglione 10, Padiglione 12) 450 monoporzioni di lasagne e di dolci».

Il portavoce del collettivo Francesco Montanella ha invece commentato: «In un giorno di festa, in un momento così complicato, ci siamo sentiti in dovere di metterci nuovamente a disposizione, sperando di aver strappato un sorriso a chi si sta facendo in quattro per tentare di arginare questa epidemia».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente di caccia a Bolzaneto: muore 58enne colpito per errore

  • Travolta da uno scooter a Sant'Eusebio, muore in ospedale: «Ciao Ale»

  • All'asta le sneaker della Lidl. Anche mille euro per una taglia 38

  • Tragedia al San Martino, trovato morto paziente allontanatosi dal reparto

  • A passeggio dopo il coprifuoco: «Stiamo tornando a casa dopo una festa con amici». Multati

  • La risposta ligure alle scarpe della Lidl? Ci pensa il comico Andrea Di Marco con il Movimento Estremista Ligure

Torna su
GenovaToday è in caricamento